entra nel sito
comunicazione
L'archivio è aperto al pubblico il giovedì e venerdì pomeriggio dalle 15:30 alle 20:00




Agenda > Programmazione > aprile 2018



giovedì 5 aprile dalle 16.30

Per i Giovedì dei bambini e delle bambine
dalle quattro e mezzo, come sempre al COX

Un gatto in equilibrio su un filo di lana... un punto che rotola in una linea

5 aprile sempre in Cox 18 per bimbi in Cox... continua il nostro viaggio attorno allo yoga sempre giocando e facendo altro ancora
ora un favoletta sull'equilibrio con un personaggio che altro non è che un gatto...
che in equilibrio sta su un filo di lana...un punto che rotola in una linea......ovviamente si gioca
... e soprattutto merenda punto e linea a sto giro







domenica 8 aprile ore 17.00

L O S T


Autogestione digitale: la storia di Autistici
con il collettivo Autistici/Inventati

A/I è un progetto nato quasi diciassette anni fa per offrire supporto in rete (tramite l’offerta di siti web, caselle di posta, mailing list, chat, instant messaging, anonymous remailer, blog, newsletter e altro ancora) a soggetti provenienti dall’universo dell’organizzazione di base e dell’autogestione. Le nostre tesi sono semplici: il mondo non dovrebbe ruotare intorno ai soldi, ma saldamente ancorato ad un asse di relazioni basate su criteri solidaristici, di mutuo appoggio, di uguaglianza e giustizia sociale. Semplice no? Offriamo supporto a quei singoli individui, gruppi o comunità, le cui attività politiche e sociali rientrino in quest'ottica e che condividano alcuni valori fondamentali: l'antifascismo, l'antisessismo, l'antirazzismo, l'antimilitarismo.
A questi si deve poi aggiungere un sentimento, un'attitudine: il profondo disagio di fronte alla logica del denaro.






-> sitoLost


mercoledì 11 ore 21.00
Cosa succede in Francia?

Qualcosa di grosso sta succedendo in Francia.
Una quindicina di università già occupate, nonostante l'opera di contrasto da parte della polizia, e altre in agitazione (con duri scontri coi fascisti: venerdì notte a Tolbiac si è svolta una vera e propria battaglia); scioperi (assai efficaci) e cortei dei ferrovieri – l'unica cosa di cui finora si è parlato un po' in Italia –, con begl'incontri di lotta fra gli cheminots e i giovani; continue manifestazioni contro la Loi Asile et Immigration, la nuova legge razzista che mira a dividere gl'immigrati "economici" dai "rifugiati"; il 22 marzo scorso un oceanico sciopero della funzione pubblica; gli studenti medi hanno ripreso a manifestare; una proposta di occupare piazze e/o stazioni per ritrovarsi insieme a discutere è stata lanciata dai promotori di Nuit Debout; c'è battaglia alla zad (dove si sta cercando di resistere a oltranza); nuovi settori di lavoratori, fra cui gli spazzini, sono entrati in lotta o stanno per farlo; continui scontri un po' dovunque con gli sbirri, che cercano di adeguare le proprie modalità d'intervento repressivo.

Oltralpe il conflitto sembra quindi stare prendendo un passo di corsa.

Calusca City Lights invita tutti a informarsi e a parlarne insieme, con un compagno appena giunto da Parigi







mercoledì 18 aprile ore 21.00

L O S T


Gamificazione e neuroscienze cognitive
con Gruppo Ippolita


Nell'arricchimento offertoci dall'esperienza dell'alterità, sia essa rappresentata da un organismo vivente o da un dispositivo tecnologico, non dobbiamo mai dimenticare di definire quali siano i limiti che preservano la nostra autonomia. La diffusione capillare della tecnologia commerciale sembra portare invece verso la direzione opposta, in uno scenario in cui le nostre facoltà corporee sono solamente una povera versione organica di una macchina potenzialmente perfetta.
A partire da un approccio antiproibizionista occorre inventare nuove pratiche di reciprocità ed equilibrio tra esseri organici e macchine. Per fare questo dobbiamo comprendere in che modo il nostro corpo e la nostra mente si relazionano con i dispositivi portando alla luce le linee di condotta favorite dalle interfacce commerciali.

Bibliografia
Ippolita, Tecnologie del Dominio. Lessico minimo di Autodifesa digitale Meltemi 2017
Ippolita, Anime Elettriche, Jaca Book, 2016
Ippolita, La rete è libera e Democratica Falso! Laterza 2014
Ippolita, Nell'acquario di Facebook.
La resistibile ascesa dell'anarco capitalismo, Ledizioni 2012






-> sitoLost



Venerdì 20 aprile ore 20,30

Gaza. Rompere i muri d'una prigione a cielo aperto di 365 kmq
a cura del Centro di documentazione contro la guerra

Negli ultimi trent'anni gli oppressi palestinesi si sono sollevati in massa tre volte: nell'87-88 a Gaza e in Cisgiordania nella loro prima grande Intifada, nel settembre 2000, dopo la provocatoria passeggiata di Sharon sulla Spianata delle Moschee, nella seconda Intifada e poi una terza volta nell’ottobre 2015. Queste tre sollevazioni sono costate loro seimila morti, migliaia di prigionieri politici, decine di migliaia di feriti.
L'aspetto più rilevante della terza ondata di proteste in Cisgiordania, a Gerusalemme Est e Gaza, quello più pericoloso per Israele, è il suo essere un movimento di giovani spontaneo. Si tratta di masse di giovani che la stessa Autorità Nazionale Palestinese tiene sotto stretto controllo con il suo enorme apparato di polizia, mentre a Gaza Hamas esercita un controllo altrettanto repressivo su quanti cercano una nuova strada per la liberazione.
Gerusalemme capitale non è solo un ulteriore passo in avanti del disegno colonial-sionista: nelle intenzioni di Trump e Netanyahu dovrebbe segnare l'umiliazione definitiva per i palestinesi e le loro aspirazioni.
Ma le proteste di massa di dicembre e di questi giorni provano che Israele e i suoi sostenitori non sono onnipotenti. E chiamano alla solidarietà i lavoratori di tutto il mondo, inclusi quelli di Israele, i proletari immigrati e gli strati non sfruttatori della sua popolazione che finora, in grandissima parte, hanno creduto di far bene appoggiando i propri governi – gli stessi che ne stanno peggiorando le condizioni di vita anche per foraggiare l'assai dispendiosa macchina di morte dello Stato.
Alla fine, l'apparentemente insolubile "questione palestinese" potrà trovare la sua vera soluzione solo attraverso un processo di avvicinamento e di solidarietà tra questi due fronti, oggi molto lontani, dentro una generale sollevazione rivoluzionaria degli sfruttati di tutta l’area.








RICREAZIONE FILOSOFICA
Tante domande. Tante risposte. Altre domande

DOMENICA 22 aprile 2018 dalle 15.00 in avanti
Iscrizione obbligatoria, partecipazione gratuita
Aperto a bambini e adulti, anche senza figli
Numero massimo di iscrizioni 16 adulti e 16 bambini (dai 4 ai 12 anni)
Data scadenza iscrizioni martedì 10 aprile 2018, solo via mail: archiviomoroni@inventati.org

Un invito al piacere e al valore del pensare insieme. Tutti quanti: bambine, bambini (anche senza genitori); adulti (anche non accompagnati dai figli)
Lettura , comunità di ricerca, laboratori, giochi e poi di nuovo tutti insieme per domandare rispondere pensare creare e ricreare concetti.
In gioco per un'idea di filosofia come orizzonte desiderante, laboratorio ed esercizio critico.
Riflettere giocando sulle domande richiede la testa bella libera, durante il laboratorio non sarà permesso utilizzare il cellulare né macchine fotografiche per non distrarre grandi e piccoli. Il gruppo promotore si occuperà di documentare la giornata e alla fine le foto saranno quindi messe a disposizione dei partecipanti e potrebbero forse diventare un librino o una piccola pubblicazione.
Risulta quindi necessario per partecipare, sia per i più giovani che per i meno giovani, compilare oltre alla scheda di iscrizione la liberatoria allegata e inviare il tutto alla mail archiviomoroni@inventati.org.







Csoa cox 18
Via Conchetta 18 Milano
Per info e iscrizioni archiviomoroni@inventati.org

il Kit dell'iscrizione alla Filosofica Ricreazione

Eventuali aggiornamenti
- sul blog di Cox18
- sul sito dell'Archivio Moroni
- su facebook alla pagina dei Pomeriggi delle Bambine e dei Bambini



entra nel sito

informativa privacy