CONCERTI - BETTOLA CLANDESTINA - CINEMA - SPAZIO EDO|INFOSHOP - SALA PROVE - FIASKA - ZAPATISMO - ANTIREP // CONTATTI E MAPPA

Lettera scritta dalle persone migranti accampate a Como San Giovanni

Posted on | agosto 20, 2016 | Commenti disabilitati su Lettera scritta dalle persone migranti accampate a Como San Giovanni

Il 10 agosto, tra alcuni volontari e persone solidali con i migranti presenti in stazione, si è sentita la necessità di radunare le varie persone bloccate dalla frontiera: frustrazione crescente, tensioni, litigi, hanno suggerito di tentare un superamento delle differenze etniche, linguistiche, culturali, di genere e di età, cercando di comprendere che i problemi dei singoli sono problemi di tutti e che quindi non ha molto senso pensare a provare di risolverli da soli o in piccoli gruppi. Si sono tenuti due incontri, ai quali hanno partecipato un centinaio di migranti e una trentina di europei (soprattutto da Como e dalla Svizzera). Gli incontri sono stati tenuti in inglese/francese, con traduzione simultanea in arabo, oromo, tigrino e amarico. In apertura ci si è soffermati sulla situazione di stallo che al momento contraddistingue la stazione di Como San Giovanni, così come altre località italiane situate in zone di confine. Quello che si è generata è una stata una profonda discussione tra i migranti, che hanno deciso di scrivere una lettera di presentazione alla città di Como: le persone presenti in supporto hanno poi aiutato a trascriverla e tradurla in italiano. Nel seguito la traduzione in italiano della lettera aperta alla città di Como. Qui il testo originale integrale in inglese.

«Lettera alla città

Noi siamo persone originarie di diversi continenti e di diversi stati; proveniamo da diversi trascorsi, culture, gruppi etnici e religiosi…però siamo tutti qui: siamo semplicemente rifugiati.
Abbiamo dovuto abbandonare i nostri paesi perché i nostri diritti umani sono stati violati, o perché siamo stati perseguitati. Per arrivare in Europa abbiamo dovuto attraversare situazioni orribili: ci siamo scontrati con la morte tante volte, scappando dai nostri paesi, in deserti, montagne, foreste, strade, nelle prigioni in Libia ed, infine, attraversando il Mar Mediterraneo.
Abbiamo perso molti amici, parenti, persone care, bravi uomini e brave donne, bambini innocenti.
Abbiamo dovuto sanguinare, morire di fame, sopportare il dolore e molte notti insonni.
Per questo stiamo ancora soffrendo: tanto dolore, incubi, perdite e ricordi tristi. Con tutto questo dovremo conviverci per del tempo, forse per il resto della nostra vita. Comunque lo abbiamo fatto, anche se non è stato per nulla semplice. Read more

29.07.2016 – Dolores de Huevos

Posted on | luglio 26, 2016 | Commenti disabilitati su 29.07.2016 – Dolores de Huevos

Questo venerdì 29 luglio, direttamente dal Messico abbiamo il piacere di presentare a Dolores de Huevos.DOLORES

venite a spaccarvi le orecchie e magari qualche ossa. Divertimento garantito!

https://doloresdehuevos.bandcamp.com/

15.07.2016 – CineMolino: Mai più vivere come schiavi

Posted on | luglio 26, 2016 | Commenti disabilitati su 15.07.2016 – CineMolino: Mai più vivere come schiavi

Un film di Yannis Youlountas

Agosto 2013 / Durata: 89 minuti

Un mormorio che sale dalle catacombe greche dell’Europa attraversa il continente devastato: “Non viviamo mai più da schiavi” (in greco si pronuncia “Na min zisoume san douli”).

Sui muri delle città e sulle rocce delle campagne, sui cartelloni vuoti o “deturnati”, sulla stampa alternativa e nelle radio ribelli, nei centri sociali occupati e autogestiti che si moltiplicano… questo, giorno dopo giorno, è lo slogan diffuso dalla resistenza greca che ci invita a riprendere in coro, insieme a lei, le melodie della pellicola

Una grande boccata d’aria fresca, di entusiasmo e di utopie in cammino, venuta dal mare Egeo.

poster1-620x500

14.07.2016 – CineMolino: La Guerra Lampo Dei Fratelli Marx

Posted on | luglio 12, 2016 | Commenti disabilitati su 14.07.2016 – CineMolino: La Guerra Lampo Dei Fratelli Marx

8835

Alla morte del suo presidente, la città di Freedonia si ritrova in una grave crisi economica. La ricca signora Teasdale, promette di riempire le casse dello stato, a patto che come presidente si elegga Rufus Firefly, un suo uomo di fiducia, che però governa alternando anarchia e dittatura. Lo stato confinante di Sylvania assolda due spie eccentriche, Chicolini e Pinky per spiare Rufus che non se ne accorge, anzi li accoglie tra i suoi collaboratori. La guerra, senza senso, è alle porte ma Rufus, insieme ai suoi aiutanti porterà Freedonia a un’inutile vittoria

Dal 24 Giugno al 1 Luglio 2016 – Tattoo Week

Posted on | giugno 23, 2016 | Commenti disabilitati su Dal 24 Giugno al 1 Luglio 2016 – Tattoo Week

13450843_1377266715620536_6575370311536014120_nContatti:

Giada Verde (La GaTa) – TaTtOo
Nina Art (La MaRta) -TaTtOo & PiERciNg

 ”- X I TATTOO CHE VERRANNO ESEGUITI IL 24 GIUGNO
IL RICAVATO SARà UN BENEFIT KE ANDRÀ
A COPRIRE LE SPESE LEGALI
PER I COMPAGNI IN CARCERE!!!!”-

24.06.2016 – Serata Anticarceraria – 16 BARRE, Dub, Cripperz Crew, Coma + Tattoo

Posted on | giugno 20, 2016 | Commenti disabilitati su 24.06.2016 – Serata Anticarceraria – 16 BARRE, Dub, Cripperz Crew, Coma + Tattoo

Ore 19:30 Cena Popolare
Ore 20:30 Dicussione Anticarceraria
dalle 23.00:
– CRIPPERZ CREW (TI)
( youtube.com/watch?v=Pb-xycHPreY )
– DUB LAFUNKYRUSPA & SOCI (TI)
( youtube.com/watch?v=p-N-J06XH-M )
– COMA (TI)
( soundcloud.com/comamc17/tracks )
– 16 BARRE (Rovigo/IT)
( youtube.com/watch?v=eox8N26GUjA )
A seguire Jolly Scratch

Sarà bello come una galera che brucia

Entrata: 5 Bombe
No Nazi – No Sbirri – No Spaccio

Inoltre avremmo il onore di inaugurare la Tattoo Week 2016.

Il ricavato dei tattuaggi del 24 saranno un benefit x coprire spese legali dei compagni in carcere!

24giugno2016-anticarcerario

Il Comune della città di Lugano ruba al popolo!

Posted on | maggio 31, 2016 | Commenti disabilitati su Il Comune della città di Lugano ruba al popolo!

Lo scorso fine settimana abbiamo organizzato un torneo di calcio e un mercato popolare all’esterno degli spazi del C.S.O.A. Il Molino.

Oggi gli operai comunali, su ordine della polizia ci hanno rubato le porte del campo di calcio.

Non intendiamo accettare questo affronto!

C.S.O.A. Il Molino

keep looking »