Un’occupazione che rimane l’unica strada per un movimento determinato e pur sempre aperto al dialogo, nonostante la continua presa in giro fatta da rinvii, mancate promesse e proposte ridicole di spazi disponibili.
Con rammarico constatiamo la perseverante cecità delle autorità politiche che non sono in grado di cogliere l’importanza dell’opportunità offerta. I Centri Sociali Autogestiti, luoghi d’incontro nei quali si cresce senza delegare la gestione del potere, dovrebbero essere tra le priorità di una qualsiasi comunità territoriale, in particolar modo in una società sempre più individualista e malata come quella attuale. Inoltre, nel contesto locarnese, nel quale vi è un conflitto evidente tra giovani e istituzioni, è completamente miope non cogliere l’importanza dell’esistenza di una tale esperienza. La minaccia di un ulteriore repressione ai danni del movimento legato all’autogestione con lo sgombero immediato, il taglio dell’acqua e dell’elettricità dimostrano l’atteggiamento di chiusura del Municipio di Locarno e la volontà di voler risolvere la faccenda con la sola forza di polizia, dimenticandosi le disastrose esperienze passate (vedi Tassino e sgombero del Maglio).
Ci chiediamo fino a quando il Municipio di Locarno potrà continuare a negare l’esigenza di spazi di questo tipo e se si assumerà la responsabilità politica di aggravare ulteriormente la tensione esistente nella regione, criminalizzando un movimento sociale propositivo come Lokarno Autogestita. Non sarà con la politica di repressione, come la storia umana dovrebbe insegnare, che nasceranno delle buone soluzioni.
Da parte nostra crediamo fermamente che alla logica repressiva del controllo sociale, fatto di divieti, telecamere e più poliziotti, debba prevalere una logica di risposte concrete di spazi di socialità, come ad esempio quello proposto dal collettivo locarnese.
Invitiamo tutti gli individui ed organizzazioni dotati di sensibilità sociale nel capire l’importanza dell’esistenza di spazi autogestiti, a dimostrare solidarietà e a mobilitarsi a difesa dello spazio liberato da Lokarno Autogestita.

Saluti libertari,
C.S.O.A il Molino

https://www.inventati.org/molino/wp-content/uploads/2016/07/logo-molino-01.pnghttps://www.inventati.org/molino/wp-content/uploads/2016/07/logo-molino-01-150x150.pngComunicatiUn’occupazione che rimane l’unica strada per un movimento determinato e pur sempre aperto al dialogo, nonostante la continua presa in giro fatta da rinvii, mancate promesse e proposte ridicole di spazi disponibili. Con rammarico constatiamo la perseverante cecità delle autorità politiche che non sono in grado di cogliere l’importanza dell’opportunità...Viale Cassarate 8

Contatta il Molino

Contatto telefonico
+41(0)91 942 12 21

Per info generali:
CS()A il Molino
Viale Cassarate 8
6900 Lugano (Ch)

molino@inventati.org