La persecuzione politica di Nekane Txapartegi continua. Lo Stato spagnolo minaccia una nuova richiesta di estradizione

24.5.2019

Un anno e mezzo dopo la sua liberazione, le autorità spagnole minacciano di emettere un nuovo mandato d’arresto contro Nekane Txapartegi. Il tribunale federale e il tribunale amministrativo federale hanno ritenuto credibile che la giornalista basca sia stata torturata nello Stato spagnolo. Tuttavia, le autorità svizzere non hanno ancora potuto pronunciarsi sulle accuse di tortura.

Mercoledì 22 maggio 2019, Nekane Txapartegi è stata convocata presso la procura generale della Svizzera a Berna per essere interrogata dal tribunale speciale spagnolo Audiencia Nacional in videoconferenza. Le accuse contro Nekane Txapartegi si basano di nuovo su una confessione del 1999, costretta sotto torture, come già avvenuto con la richiesta di assistenza legale nel 2016. Nekane Txapartegi si è recata presso la procura federale accompagnata dai suoi avvocati e da duecento persone solidali. Ha richiamato l’attenzione delle autorità svizzere sul fatto che la richiesta di assistenza legale dell’Audiencia Nacional fa esplicito riferimento al contenuto della confessione fatta sotto tortura. Poiché la domanda spagnola è contraria al diritto internazionale e quindi inammissibile secondo il diritto svizzero, Nekane Txapartegi ha rifiutato l’audizione in videoconferenza. Le autorità spagnole hanno annunciato che avrebbero emesso un mandato d’arresto e di affrontare la Svizzera con una nuova richiesta di estradizione.

Tortura nello stato spagnolo, detenzione a Zurigo

Nel 1999, Nekane Txapartegi, allora consigliere di Asteasu, è stata arrestata dalla Guardia Civil e torturata e violentata per cinque giorni. Nekane Txapartegi fu costretta, sotto tortura, a firmare una confessione preparata. Sulla base di questa confessione, nel 2007 le autorità spagnole l’hanno condannata a 11 anni di prigione. Nekane Txapartegi fuggì dalla minaccia di ulteriori torture e arresti. Vive in Svizzera con sua figlia da diversi anni. Nella primavera del 2016 è stata arrestata a Zurigo in seguito a una richiesta di estradizione da parte dello Stato spagnolo. Con i suoi avvocati ha presentato ricorso contro l’estradizione e allo stesso tempo ha presentato domanda di asilo in Svizzera. Dopo 17 mesi di prigione, Nekane Txapartegi è stata rilasciata nel 2017 perché le autorità spagnole hanno ritirato la sua richiesta di estradizione. Ciò è dovuto al fatto che il tribunale spagnolo aveva ridotto la pena detentiva originaria e la condanna era quindi prescritta.

Tribunale federale: la tortura è “credibile”

A seguito della riduzione della pena detentiva, la Svizzera non ha dovuto prendere posizione sull’accusa di tortura. Tuttavia, le due corti supreme della Svizzera hanno lanciato un monito inequivocabile in materia di tortura. Il 31 ottobre 2017 il Tribunale federale ha giudicato “credibili” le accuse di tortura. Il 27 novembre 2017 il Tribunale amministrativo federale, nella sua decisione sulla domanda d’asilo di Nekane Txapartegi del 27 novembre 2017, è giunto alla conclusione che le sue violazioni non erano “credibili” nel suo caso.

Il numero di detenuti è aumentato costantemente e “date le circostanze del momento, è possibile che la denunciante sia stata sottoposta a maltrattamenti fisici e psicologici da parte della Guardia Civil durante la sua permanenza a Tres Cantos e nel carcere di Soto del Real”.

Il Tribunale amministrativo federale rimprovera SEM

Il Tribunale amministrativo federale ha così rimproverato la decisione di primo grado della Segreteria di Stato per la migrazione (SEM), ma non ha respinto la domanda d’asilo e non l’ha riesaminata. La decisione è stata motivata dal fatto che il tribunale spagnolo ha dichiarato ufficialmente decaduta la pena comminata e che l’interessato non deve più temere le persecuzioni. Tuttavia, questa valutazione è ora messa in discussione dalla nuova persecuzione politica.

Maggio 2019: l’ONU riconferma la tortura

Se lo stato spagnolo presentasse effettivamente una nuova richiesta di estradizione, la Svizzera avrebbe qualche difficoltà ad accoglierla. La Svizzera sarebbe invece costretta a indagare attentamente sulle accuse di tortura. Solo lo scorso anno – il 14 febbraio 2018 – la corte europea dei diritti dell’uomo ha condannato lo Stato spagnolo per gravi maltrattamenti in carcere in due casi. In precedenza, lo Stato spagnolo era già stato condannato otto volte a Strasburgo per non aver indagato o per non aver indagato a sufficienza sulle accuse di tortura. E il 20 maggio 2019 – due giorni prima del nuovo interrogatorio di Nekane Txapartegi – il Comitato ONU per i diritti umani ha confermato la tortura di una persona arrestata nel 2007, lo stesso anno della fuga di Nekane Txapartegi. La nuova persecuzione politica sta rieducando. La Svizzera è invitata a rispettare il divieto assoluto della tortura e ad offrire una protezione adeguata ai sopravvissuti alla tortura sessuale.

Alleanza Free Nekane, 24.05.05.2019

Contatto per i media: freenekane.medien@gmail.com

LO STATO SPAGNOLO HA NUOVAMENTE CHIESTO L'ESTRADIZIONE DI NEKANE 2

Potrebbero Interessarti:

https://www.inventati.org/molino/wp-content/uploads/2017/04/15-04-2017-presidio-di-solidarieta-per-nekane-txapartegi-1024x724.jpghttps://www.inventati.org/molino/wp-content/uploads/2017/04/15-04-2017-presidio-di-solidarieta-per-nekane-txapartegi-150x150.jpgComunicatiIn evidenzaNekane TxapartegiLa persecuzione politica di Nekane Txapartegi continua. Lo Stato spagnolo minaccia una nuova richiesta di estradizione 24.5.2019 Un anno e mezzo dopo la sua liberazione, le autorità spagnole minacciano di emettere un nuovo mandato d'arresto contro Nekane Txapartegi. Il tribunale federale e il tribunale amministrativo federale hanno ritenuto credibile che la...Viale Cassarate 8

Contatta il Molino

Contatto telefonico
+41(0)91 942 12 21

Per info generali:
CS()A il Molino
Viale Cassarate 8
6900 Lugano (Ch)

molino@inventati.org