Spettacolo teatrale Francese senza parole con Musica Italiana.

Mercoledì 28 Marzo 2007

MENTE/EXPRIT(il sogno)
> www.ombradipeter.it

Uno spettacolo da vedere assolutamente. Un omaggio a Kantor ma che vive di vita propria. Adeline Poidevin (Quartier Libre)

Una Poesia romantica, piena di Emozioni delle scene che sembrano dei dipinti, dei sogni presi dalla memoria di tutti. (silke Koltrowitz (le bien Pubblique)

MENTE-ESPRIT Il SOGNO di Vincenzo cirillo con Roger Cartelier , Bernadette Cortot,Andre Rèmi,Sandy Wiplie (musica autori undrground Italiani)

LA stanza dell’imaginazione si apre verso un luogo di transito un prolungamento della vita reale un luogo d’incontro. Un accompagnamento metaforico della comunità sociale, gli spettatori , verso il bagaglio dell’imaginazione e dei ricordi. Il viaggio è un insieme di ricordi, evocazioni di memorie individuali e comuni di una certa verità di deposito di memoria che è la povera stanza dell’imaginazione, ogni immagine è poetica è dolce, avvolgente .

Un teatro clandestino che supera il testo preesistente e afferma la completa autonomia del teatro in” Mente” ogni oggetto è simbolo traccia di memoria il tutto per salvare dall’oblio la piccola, povera inerme e stupenda storia della vita umana individuale. Gli attori si immergono copletamente nelle storie con le loro vite vivendo l’emozione con un reale profondo realismo pour trascinandoci un sogno che diventa magico perchè e solo un sogno o forse qualcosa di più….

QUELLO CHE ACCADE IN MENTE/ESPRIT sogno.

Il vento soffia tutto e lento, nero.intorno a noi dei fiori rossi una mano sofferente piena di speranza li raccoglie dalla terra. Un gruppo di astanti immobili Al suono del canto riprendono vita in assorta melodia si muovono come nell’aria sospinti dal vento immobile ed invisibile. Un vecchio con il suo amato e inseparabile ombrello con un leggero gesto poetico lo apre come se fosse un sacco pieno di magia e lo solleva verso il cielo e lo fa roteare , un corpo addormento solleva il braccio verso il cielo il bastone magico, ruota come il suo corpo in amore danzante,sognante. Il sogno si protrae su una melodia di viole e violini. Qualcuno cammina ma non sa dove andare ma infondo non ce da andare in nessun posto se non verso la fine del nostro breve tempo.
Gli astanti vogliono restare insieme ,chi di faccia Al mondo chi di schiena ad ascoltare le voci delle genti che si sono perse ,ce chi è partito per il lungo viaggio… Verso il desiderio e la speranza infinita che è l’eternità per una rosa ed un corpo.
Poi ce la prghiera verso un Dio presente/assente lo spirito s’invola il corpo resta disteso difronte a gli occhi increduli a quel pregare forte,intenso. L’abbraccio di una madre I calici di vetro, la benedizione dell’attimo che fu e che mai più ritornerà. It battezzo madre perchè essere figlio �� difficile come per te essere madre e se qualcuno rinuncia è solo perchè ha paura dell’amore di madre.
Prepariamo il cibo e la tavola un corpo viene lavato e disteso Al suolo, chi cucina, chi sistema I piatti chi li lava di nuovo, l’amore danza sempre più tristemente perchè l’amante parte per la guerra ci si racconta e poi e la volta della morte di danzare qualche anima cade davanti Al plotone d’esecuzione, ma poi l’essere con la maschera rossa risolleva I caduti e si ritorna Al sogno, nulla è passato ma tutto è stato vissuto.”(forse niente di tutto questo accadrà quel giorno…).

Un ora è passata ma nessuno se ne è accorto, il pubblico non �� più pubblico l’attore non è più attore è la memoria di ognuno che è diventata di tutti.

LA STORIA dell’OMBRADIPETER inizia da Radio Incontro Pisa nel 1995 con un programma radio che si occupa di poesia nei cassetti teatro dei bordi, artisti fuori dalle gallerie, musica autoprodotta e piccole etichette indipendenti, all’inizio solo Vincenzo Cirillo e l’olandese Marlice Julia Vonk si occupavano di tutto dell’emissione che andava in onda tutti I venerdi alle ore 21,30 fino alle 23,30 e dei contatti con artisti,fanzine ecc,ecc. Siccome gli studi della radio erano in pieno Centro di Pisa, in poco tempo l’appartamento (dove è ancora Radio Incontro) e gli studi radio diventarono subito l’appuntamento fisso di artisti, amici, simpatizzanti. Gruppi dal vivo in acustico e poeti ,attori iniziarono ad animare il programma in diretta dal vivo. L’ombra di Peter s’ingrandisce con l’arrivo di personaggi singolari ed unici Come Mario e Antonio Jhon Lennon, Romeo,il Toce,Arturo,e Antonio Mosca, Franca di Roma,Bernardo Cirillo,Gabriella e tanti Altri. Il fatto di essere diventata antenna dei Arezzowave Love Festival fa si che gli artisti invitati e I promo arrivino da tutta ll’Italia, gli incontri con le zine diventano più stetti e ben presto le pubblicità appaiono sul tutto il territorio Nazionale. Stefano Isodoro Bianchi di Blow up proprio all’ombra leggendo una poesia di Rimbaud inaugura la sua ormai famosa rivista musicale. L’ombra di peter inizia ad uscire dagli studi della radio ed andare incontro alla gente con delle dirette radiofoniche in locali della città di Pisa dove si esibiscono delle bands e artisti di ogni genere dal vivo, come il caso dei Virginiana Miller che presentano in esclusiva il loro bellissimo album ” Gelaterie Sconsacrate” L’ombra di Peter con scambi con Freak Out di Napoli con Rockit a Milano a Jammai a Firenze, Brain a Matera, con Music Club,Blow up e Arezzowave ad Arezzo, con Radio citta futura a Roma,altre radio e zine a distribuzione locale, regionale e nazionale diviene conosciuta nell’ambiente underground artistico Italiano. L’ombra nel 96 fonda la sua compagnia teatrale e realizza il suo primo spettacolo radioteatrale ” L’ombra di Peter in Tour ” che fa una serie di apparizzioni in locali della Toscana ricevendo tanti consensi . Intanto il programma viene diffuso anche registrato su Radiowave ad Arezzo su richiesta di Mauro Valenti boss di Arezzowave e su Radio Nova a Firenze.(la formula del programma �� originale tante voci in studio che discotono in maniera ironica di tutto, non esiste un vero conduttore e le esibizioni live d’artisti si fondono con letture teatrali e scherzi telefonici). Il programma piace ed è per questo che tutti i giornali locali ne parlano Ampiamente tutte le settimane e i canali televisivi locali effettuano molte riprese in studio.

Informazioni su come e dove parcheggiare! 🙂
> Programma gennaio-marzo 007

Potrebbero Interessarti:

https://www.inventati.org/molino/wp-content/uploads/2016/07/odp.jpghttps://www.inventati.org/molino/wp-content/uploads/2016/07/odp-150x150.jpgSala AttivitàSpettacolo teatrale Francese senza parole con Musica Italiana. Mercoledì 28 Marzo 2007 MENTE/EXPRIT(il sogno) > www.ombradipeter.it Uno spettacolo da vedere assolutamente. Un omaggio a Kantor ma che vive di vita propria. Adeline Poidevin (Quartier Libre) Una Poesia romantica, piena di Emozioni delle scene che sembrano dei dipinti, dei sogni presi dalla memoria di tutti....Viale Cassarate 8

Contatta il Molino

Contatto telefonico
+41(0)91 942 12 21

Per info generali:
CS()A il Molino
Viale Cassarate 8
6900 Lugano (Ch)

molino@inventati.org