Ma gli autonomi non si sono fermati qui. Lungo il tragitto, dalla loro sede fino a Piazza Dante, passando per via Balestra e via Pretorio, si sono infatti fermati e inginocchiati per ‘ adorare’ istituti bancari e supermercati cittadini. Non sono mancati anche i riferimenti alle vicende che hanno coinvolto la consigliera di Stato Marina Masoni, che sarebbe, secondo una delle varie canzoni proposte, il ‘ sogno erotico’ di diversi uomini ticinesi. Nemmeno la politica internazionale è stata risparmiata: più volte sono stati scanditi dalla folla, non particolarmente numerosa, i nomi di Bush, Blair e Berlusconi, definiti come « veri e propri campioni della nostra civiltà » . Ironicamente, l’intento è stato quello di « portare anche a Lugano lo spirito di Davos » . In pratica una maniera diversa per ribadire il proprio no ad un certo tipo di politica globale e per avvicinare la gente e sensibilizzarla ai problemi che attanagliano il mondo.
L’iniziativa di Lugano non è stata isolata: essa infatti faceva parte di un piano congiunto di azioni ( cortei, teatri di strada ed altro ancora) organizzate su scala nazionale. Una manovra d’obbligo, quella della delocalizzazione delle manifestazioni, considerando che raggiungere Davos, con il passare degli anni e con l’aumento della sicurezza, sta diventando sempre più difficile: anche per questa edizione verranno impiegati i militi dell’esercito. Come afferma uno dei manifestanti « si è coscienti che non è con questa giornata che si cambieranno le cose, ma l’intento è quello di far capire alle persone che si riuniscono lassù che il loro modo di fare non ci va bene e che esiste gente che li contesta e li critica. È chiaro che la lotta al sistema neoliberista non si ferma qui perché bisogna prendere coscienza che le cose non stanno andando molto bene » .
Il lato, per così dire, estroso dei Molinari si è espresso anche attraverso il carro artistico che è stato portato lungo il corteo: una sorta di scultura su cui sono stati saldati alcuni bidoni della benzina variopinti e da cui uscivano alternativamente delle fiammate.
Come valutare la riuscita della manifestazione? Secondo il nostro interlocutore « il corteo è stato positivo. Non sapevamo quanta gente sarebbe affluita, ma tutto sommato anche quest’anno vi è stata una risposta soddisfacente da parte del pubblico » . MDRIU

Potrebbero Interessarti:

https://www.inventati.org/molino/wp-content/uploads/2016/07/logo-molino-01.pnghttps://www.inventati.org/molino/wp-content/uploads/2016/07/logo-molino-01-150x150.pngRassegna stampaMa gli autonomi non si sono fermati qui. Lungo il tragitto, dalla loro sede fino a Piazza Dante, passando per via Balestra e via Pretorio, si sono infatti fermati e inginocchiati per ‘ adorare’ istituti bancari e supermercati cittadini. Non sono mancati anche i riferimenti alle vicende che hanno...Viale Cassarate 8

Contatta il Molino

Contatto telefonico
+41(0)91 942 12 21

Per info generali:
CS()A il Molino
Viale Cassarate 8
6900 Lugano (Ch)

molino@inventati.org