LUGANO – “Difficile davvero digerire, dopo anni di infruttuosi e stigmatizzanti tentennamenti, una presa di posizione da parte dell’Esecutivo cittadino che in sostanza, decide di non decidere…” Il consigliere comunale della Lega dei Ticinesi Stefano Fraschina non nasconde la sua delusione in merito alle risposte del Vice Sindaco Erasmo Pelli sul fenomeno dell'”autogestione” presso l’Ex Macello di Lugano, sede da anni del Molino CSOA.

Fraschina sostiene che la tematica non deve interessare unicamente Lugano, ma anche le autorità cantonali. “L’autogestione può certamente essere condivisibile, ma certamente non con gli attuali presupposti. Se da un lato sono evidenti le lacune strutturali dell’attuale stabile occupato dagli autogestiti, dall’altro ci sono le ripetute e pienamente condivisibili rimostranze da parte di buona parte della cittadinanza luganese”.

In considerazione del fatto che, da ormai troppo tempo, questa problematica attende puntuali e mirate risposte dalle autorità cittadine, chiedo al Lodevole Municipio della Città di Lugano:

1-Le lacune strutturali dello stabile ex-Macello (ormai fatiscente) sono evidenti a tutti. Difficilmente si può pensare che i minimi principi di sicurezza vengano rispettati. Non si ritiene la struttura assolutamente inadeguata e pericolosa per le attività svolte dal gruppo CSOA – IL MOLINO?
2-In considerazione delle ripetute e reiterate lamentele da parte della cittadinanza luganese, in merito ai disturbi arrecati alla quiete pubblica anche e soprattutto a tarda ora, il Municipio ritiene davvero comprensibile ed accettabile decidere di… “non decidere” come affermato dal Vice Sindaco Erasmo Pelli durante l’ultima seduta di Consiglio Comunale?
3-Non si ritiene assolutamente prioritaria un’immediata riapertura delle trattative con tutte le parti in causa, incluse le autorità cantonali, per cercare una soluzione definitiva e soprattutto un attimino più decorosa, che possa aprire scenari di prospettiva e di progettualità al fenomeno dell’autogestione a Lugano?
4-Quali soluzioni alternative all’ex-Macello, sarebbe pronto a proporre il Municipio della Città di Lugano, al gruppo CSOA – IL MOLINO per proseguire le proprie attività?
5-Si crede davvero che eventuali reazioni, anche violente, da parte degli autogestiti, possano impedire all’Esecutivo cittadino di prendere in mano con decisione le redini dell’annosa problematica e mettere le basi per un progetto in prospettiva ben più accattivante di quello attuale?

Potrebbero Interessarti:

https://www.inventati.org/molino/wp-content/uploads/2016/07/logo-molino-01.pnghttps://www.inventati.org/molino/wp-content/uploads/2016/07/logo-molino-01-150x150.pngRassegna stampaLUGANO - 'Difficile davvero digerire, dopo anni di infruttuosi e stigmatizzanti tentennamenti, una presa di posizione da parte dell’Esecutivo cittadino che in sostanza, decide di non decidere…' Il consigliere comunale della Lega dei Ticinesi Stefano Fraschina non nasconde la sua delusione in merito alle risposte del Vice Sindaco Erasmo...Viale Cassarate 8

Contatta il Molino

Contatto telefonico
+41(0)91 942 12 21

Per info generali:
CS()A il Molino
Viale Cassarate 8
6900 Lugano (Ch)

molino@inventati.org