«L’unica proposta che rimane sul tavolo delle trattative, scrive l’assemblea del centro sociale, è il progetto Molino nella sede dell’ex Macello. Progetto finora supportato da diverse associazioni e più di 1500 firme» . Ma al Cantone non sembra interessare, mentre il Municipio di Lugano ha scelto di passare la ‘ patata bollente’ nelle mani del Consiglio comunale. Intanto i rapporti con l’Esecutivo cittadino sono stati interrotti. «Nonostante le nostre ripetute telefonate, prosegue l’assemblea, nessuno vuole dirci cosa succederà» . Insomma, all’ex Macello si comincia a respirare un’aria pesante, aria di sgombero. «Non è fantascienza: dal Maglio di Canobbio, dice il Molino, siamo stati sgomberati quando il dialogo con le autorità era ufficialmente ancora in corso, con la commissione tecnica» . E allora, «non permetteremo un altro 18 ottobre, mai più uno sgombero forzato, del resto la necessità di un centro sociale è riconosciuta da tutti oramai da anni e la convenzione parla chiaro: il Molino resterà all’ex Macello fintantoché non verrà trovata una nuova sede. Chiediamo che Città e Cantone si assumano la responsabilità politica di assegnare una sede definitiva al Csoa e una proroga della convenzione» .

https://www.inventati.org/molino/wp-content/uploads/2016/07/logo-molino-01.pnghttps://www.inventati.org/molino/wp-content/uploads/2016/07/logo-molino-01-150x150.pngRassegna stampa«L’unica proposta che rimane sul tavolo delle trattative, scrive l’assemblea del centro sociale, è il progetto Molino nella sede dell’ex Macello. Progetto finora supportato da diverse associazioni e più di 1500 firme» . Ma al Cantone non sembra interessare, mentre il Municipio di Lugano ha scelto di passare la...Viale Cassarate 8

Contatta il Molino

Contatto telefonico
+41(0)91 942 12 21

Per info generali:
CS()A il Molino
Viale Cassarate 8
6900 Lugano (Ch)

molino@inventati.org