contatti/nodi territoriali

Trivelle Zero Marche è una rete regionale di realtà organizzate e liberi cittadini nata tra il maggio e il giugno scorsi in seguito alla partecipazione alla manifestazione indetta dal Coordinamento No Ombrina Salviamo l’Adriatico a Lanciano il 23 maggio,   e alle tante assemblee cittadine sorte in tutte le Marche nei mesi estivi in seguito agli effetti dello Sblocca Italia: Il 22% del territorio regionale e 450.000 ettari di costa a mare sono oggetto degli interessi delle lobby petrolifere ai danni del territorio.

Come la “strategia rifiuti zero” sovverte il ciclo di gestione dei rifiuti in luogo di concrete proposte alternative, così pensiamo che per tendere ad una quantomai necessaria conversione in senso ecologico di un’economia che produce crisi e lavoro precario, devastazione e inquinamento dei territori, va aggredito il cuore del processo energetico. Tendere allo zero dell’estrazione di petrolio e gas significa sovvertire tutta la filiera dei processi produttivi dell’economia da fonti fossili, dalla ricerca al trasporto, dalla raffinazione allo smaltimento rifiuti, dai gasdotti e rigassificatori agli stoccaggi…

Trivelle Zero Marche si compone in nodi territoriali:

Ancona-Recanati-Senigallia-Falconara/Bassa Vallesina-Civitanova-Pesaro-Fano-Jesi/Fabriano-Offida-Piceno

CONTATTI:

trivellezeromarche@gmail.com

www.inventati.org/trivellezeromarche

pagina facebook

Segreteria:

Recanatesi Fabrizio  3490093960