tattoocircusV5
 
 
Dal 17 al 19 aprile si terrà al Molino una tattoo circus, benefit per prigionier* in lotta.
È un festival auto-organizzato e autogestito.
Durante la tattoo circus, si vuole creare uno spazio in cui la cultura dei tatuaggi e la lotta contro le carceri e la repressione si uniscano riportando il tatuaggio tradizionale occidentale alle sue origini galeotte e di strada.
Diversx tatuatrici/tori metteranno a disposizione il proprio tempo, esperienza, creatività e la maggior quantità possibile di inchiostro per sostenere chi dal carcere resiste e continua a lottare.
Il principio della tattoo circus è che nessun* faccia profitti con questo evento: né le/i tatuatrici/tori, né i gruppi, né le/i relatrici/tori o le/i performer parteciperanno per un guadagno personale.
Tuttx le/i partecipanti mettono a disposizione le proprie conoscenze, energia, e risorse per convinzione e solidarietà, con la coscienza che tutto il ricavato andrà a coloro che lottano con determinazione contro lo stato e il capitale.
La tattoo circus non vuole limitarsi alla cultura dei tatuaggi! Si stanno preparando delle iniziative che tratteranno tematiche legate alla solidarietà contro la repressione, alla clandestinità, all’ecologismo radicale…
A breve uscirà il programma dettagliato comunque sappiate che durante la tre giorni, oltre alle discussioni e ai tautaggi ci saranno: serigrafia, musica, cibo e momenti ludici, angolo prigionieri, massaggi, taglio capelli, ecc.
In questa prospettiva abbiamo deciso di organizzarlo negli spazi del CS()A il Molino che da decenni è attivo e resiste nella realtà ticinese ed è attualmente minacciato di sgombero. In solidarietà agli spazi occupati.