chi siamo

RadioLina è un collettivo di mediattivisti indipendenti che intende fare della contro informazione uno strumento di lotta aperto alle istanze dei movimenti e che supporta con complicità tutte le battaglie nate dal basso offrendo il mezzo radio per poter amplificare la propria voce, in contrapposizione alle logiche dei media ufficiali.

RadioLina è interessata alla controcultura, in particolare quella musicale, e alla diffusione virale sia dei contenuti politici, palesati tanto nelle singole trasmissioni che collaborando con esperienze autogestite dal basso (es. etichette o singoli gruppi o collettivi  dediti al do-it yourself), che delle pratiche quali copyleft, no-siae, licenze libere.

RadioLina è una radio Libera e Indipendente, che al momento trasmette in web-streaming 24 ore su 24 e per ascoltarla basta un qualsiasi computer connesso a internet. Abbiamo diversi appuntamenti di trasmissioni musicali, di attualità, di approfondimento politico. Difficilmente sentirai mai su una comune radio gran parte dei nostri contenuti.

RadioLina intende presto puntare a una frequenza in etere FM, da condividere con altre esperienze analoghe alla nostra. Frequenze già piratate in passato e abbandonate per i costi onerosi di manutenzione.

RadioLina è un mezzo ad uso di chi ascolta e di chi trasmette.

Incontri periodici

Il collettivo è aperto a chiunque voglia partecipare.
Ci troviamo presso il Terzo Piano Autogestito della Facoltà di Architettura. Puoi cercarci su facebook e twitter.
E se vuoi contattarci scrivi a radiolina@bastardi.net o aggiungi su facebook Giggi Esposito

Principi

Chiediamo a chiunque partecipi al progetto di condividere i concetti di antifascismo, antirazzismo e antisessismo.

RadioLina non trasmette alcun tipo di pubblicità. E’ un progetto rigorosamente autofinanziato dal basso attraverso l’autorganizzazione.

RadioLina non delega a nessuno le lotte e rifiuta il concetto di rappresentanza. L’agire politico affonda le proprie radici nell’autodeteminazione, nella presa di coscienza. RadioLina non dà spazio a forme associative, quali che siano, a scopo di lucro, e men che meno a partiti, o quant’altro abbia a sua disposizione altre forme di comunicazione. Priorità è dare voce a chi non ce l’ha.

Le dirette per appuntamenti straordinari quali manifestazioni e appuntamenti di movimento hanno la priorità sulle normali trasmissioni.

Utilizzo di mezzi open-source

RadioLina ha esplicitamente sempre preferito per la gestione del palinsesto e dello streaming audio (e talvolta video) strumenti che fossero opensource e free (licenziati possibilmente sotto i termini della licenza GNU/GPL).
I perchè di questa scelta sono da ricondursi alla natura libera, indipendente e pirata del nostro collettivo. Una natura che ci ha portato fin dall’inizio a sostenere attivamente la lotta contro il copyright, le licenze proprietarie, il codice software non libero e i brevetti che talvolta legano formati audio e software. Nel corso degli anni abbiamo lavorato anche a costruire strumenti software, dove non esistessero, che rispondessero alle nostre esigenze:
è il caso dei software che abbiamo spesso utilizzato per realizzare le dirette esterne di manifestazioni ed altri eventi. Il software libero è una scelta che nasce dalla nostra attitudine e allo stesso momento si riversa nel nostro atteggiamento tecnico, che ha come idea centrale quella della condivisione di saperi e alla replicazione di tante radioline nelle nostre città e quartieri. Insomma, siamo proiettati alla condivisione dei saperi tecnici, che ci sembra la base per ogni progetto che voglia definirsi libero, indipendente e pirata.

Maggio 2012 Terzo Piano Autogestito

*               *               *

Documento precedente

*               *               *

Leggi il comunicato stop etere del 7/10/08

radiolina@bastardi.net
Comunica con la diretta, inviaci una email.