Elezioni europee? Parliamo d’altro! #Agorà2014. Il 23- 24 maggio alla facoltà di Agraria

#Agorà2014

#Agoràfiorentina

Qui l’evento Facebook

23 – 24 maggio, parole in movimento: facoltà di Agraria, parco delle cascine

Venerdì 23

ore 17,30 – Quali diritti? Valori e retoriche dei movimenti in Italia. Ne parliamo con:

- Francesco Piccioni (Contropiano)

- Simone Sisti (Infoaut)

- Silvano Cacciari (SenzaSoste)

ore 20,30 – Cena benefit per l’Assemblea verso Mondeggi Bene Comune (fattoria senza padroni) con presentazione del progetto

Sabato 24

ore 15 – Quali risorse per l’umanità? Fine del petrolio e altre piccole apocalissi prossime venture. Ne parliamo con Giovanni Pancani

ore 17 – Quale ricchezza per i lavoratori? Tempo, salario, reddito. Ne parliamo con:

- Laboratorio Acrobax e Clash City Workers

ore 20 – Apericena vegano

ore 21,30 – Beni comuni: inclusivi o esclusivi? Ne parliamo con:

- Luigi Lombardi Vallauri e l’assemblea verso Mondeggi Bene Comune

Due parole su questo appuntamento

L’uomo, da sempre, vive in un diluvio di parole. Parole che plasmano il mondo che lo circonda e la sua personalità. Questo diluvio, nell’era della comunicazione globale nella quale ci troviamo a vivere, si è intensificato al punto di rischiare di farci annegare nella confusione. Paradossalmente, proprio oggi che la comunicazione sembra alla portata di tutti, le parole che ci condizionano sono più che mai dettate dalle classi dominanti, nazionali e transnazionali.

Anche quest’anno l’Istituto Universitario Europeo allieterà la nostra città con il suo evento annuale The State of the Union. Come ogni anno, saranno presenti baroni universitari, politicanti e fabbricatori di “opinione pubblica”. Fra i protagonisti, oltre all’immancabile Barroso, e all’ex primo ministro italiano Mario Monti, altro ospite fisso dell’iniziativa, ci sarà anche il nostro ormai ex sindaco Matteo Renzi, oggi premier, che farà una comparsata prima di pranzo. Insomma, ancora una volta i padroni d’Europa verranno a fare sfoggio delle parole con le quali intendono dominarci.

L’Agorà fiorentina, nata due anni fa con lo scopo di creare un momento di discussione antagonista rispetto all’iniziativa dell’Università Europea, uno spazio dove cercare risposte collettive, estranee alla logica imprenditoriale con la quale l’Unione Europea pretende di decidere delle nostre vite, giunge alla sua terza edizione con uno scopo preciso: definire alcune parole che ci servano come armi e come strumenti per superare lo stato di cose presente.

I movimenti e i gruppi che a vario titolo si oppongono all’attuale ordine sociale fanno spesso uso di parole sulle quali non si è, forse, riflettuto abbastanza. Parole come diritti, risorse, ricchezza, beni comuni, sono sulla bocca di tutti; ma cosa significano? Qual è il giusto modo di utilizzarle? Come possiamo appropriarcene senza fare il gioco delle classi dominanti?

Il 23 e 24 maggio, alla facoltà di Agraria di Firenze, ci incontreremo per parlarne, insieme a tutti coloro che non intendono vivere da sudditi dei “mercati”, alias del capitale.

Leggi anche, in vista della due giorni:

A proposito dei test Invalsi

Il primato dei beni non esclusivi come chiave dello sviluppo umano pleromatico

La bolla scientifica e tecnologica

Politiche industriali di sinistra o lotta di classe?

La produzione peer to peer come alternativa al capitalismo

La classe non è acqua. Un’antologia sulla categoria di classe in Marx

ALLE ORIGINI DELLA CRISI: ovvero dell’insostenibilità del capitalismo

La forza delle mediazioni e il bisogno di organizzazione

Lo spazio-tempo capitalistico e il suo sviluppo tendenziale

La classe “fuzzy” del 99%

Facebook

YouTube