Lug 092016
 

fonte: csakavarna Ieri sono state fatte le richieste di condanna e le difese degli imputati, per il secondo filone del processo riguardante la rivolta del 24 gennaio 2015, avvenuta a Cremona per il corteo in solidarietà a Emilio. Sono stati chiesti 5 anni e 4 mesi per Filippo, 4 anni per Sam e Gianmarco, Per tutti e tre il Comune di Cremona ha chiesto un risarcimento di 200 mila euro. Per i tre antifascisti, l’accusa […]

Lug 032016
 
Da Roma a Cremona per la giornata di solidarietà del 7 luglio

Giovedì 7 luglio ci sarà la sentenza di primo grado contro tre compagni imputati nella seconda tranche del processo per il corteo antifascista del 24 gennaio 2015. Il corteo fu organizzato a Cremona in solidarietà con Emilio, un compagno del c.s.a. Dordoni gravemente ferito in un attacco fascista. Il primo processo, conclusosi il 21 gennaio scorso, condannò in primo grado i quattro imputati a 4 anni di reclusione e 200.000 euro di risarcimento per la […]

Giu 102016
 

fonte: Scateniamoli Giornata di mobilitazione in attesa della sentenza del processo al primo maggio NoExpo di Milano h 9:00 —- Presidio davanti al Tribunale di Milano aspettando la sentenza h 14:00 — Pranzo in Statale, writing, musica e iniziative h 18:00 — Aperitivo h 19:00 — Presentazione dell’opuscolo “Rompere la piazza” e a seguire assemblea aperta “continuare a combattere devastazione e saccheggio” Sono passati ormai oltre sei mesi dall’arresto di tre pirati accusati di devastazione e saccheggio […]

Mag 162016
 

LA CATASTROFE È OGNI GIORNO IN CUI NON ACCADE NULLA Il 12 maggio si è tenuta l’ultima udienza del processo di primo grado per i fatti del 15 ottobre 2011 a Roma. Fu una giornata di lotta in cui la rabbia e l’insofferenza, a lungo trattenute, sfociarono in numerose azioni di attacco contro luoghi rappresentativi dello sfruttamento e dell’oppressione e che ebbe il suo culmine negli scontri di piazza S. Giovanni. Eravamo in tanti/e a vivere […]

Giu 122015
 

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato di solidarietà dopo gli arresti di Matteo e Mauro con l’accusa di “devastazione e saccheggio”, in seguito al corteo antifascista di fine gennaio a Cremona. 24 gennaio, Cremona – L’antifascismo non è reato Il 24 gennaio un corteo di migliaia di persone percorse le strade di Cremona dimostrando con rabbia e determinazione il rifiuto verso la presenza di Casapound in città e, nello specifico, la solidarietà verso Emilio e i […]

Giu 122015
 
15 ottobre 2011 - Mauro a Radio Onda Rossa sulle condanne in cassazione per "devastazione e saccheggio"

Pubblichiamo un contributo che abbiamo ascoltato dai microfoni di Radio Onda Rossa, a tre giorni dalle condanne in cassazione contro i compagni di Teramo. “Corrispondenza con Mauro a 3 giorni dall’udienza in cassazione che ha condannato Davide, Cristian e Mauro stesso per il reato di devastazione e saccheggio, in merito alla giornata di lotta del 15 ottobre 2011 a Roma. Per Marco è caduta l’accusa di “devastazione e saccheggio” e tornerà in appello. Mentre Davide […]

Apr 162013
 

Lettera di Davide Rosci, prigioniero per gli scontri del 15 ottobre 2011 inviata a OLGA: Car* compagn* e fratelli carcerati, Ho ricevuto l’opuscolo n. 77 dove veniva pubblicata la mia lettera dal carcere di Teramo. Da allora ad oggi (parliamo di poco più di un mese) me ne hanno fatte di tutti i colori. Per chi vive la nostra situazione potrebbe essere qualcosa di strano, ma penso che per molti, così come anche per me, […]

Apr 122013
 

Il 4 aprile è cominciato il processo a mio carico e di altri 24 compagni/e, per gli scontri di piazza del 15 ottobre 2011 a Roma, tutti accusati di devastazione e saccheggio e violenza pluriaggravata, eccetto me ed altri due compagni accusati di tentato omicidio nei confronti del cc Tartaglione. Io sono già agli arresti domiciliari dal 20 aprile 2012 e condannato in primo grado a sei anni con l’accusa di devastazione e saccheggio per […]

Mar 232013
 
La libertà non cade dal cielo

Il 15 Ottobre 2011, come a Genova nel 2001, eravamo 300.000 a gridare per le strade di Roma la nostra rabbia contro le politiche di austerità, un grido che voleva risvegliare le coscienze di una Italia ancora assopita di fronte alla crisi economica provocata dalle grandi lobby del capitalismo globale e fatta pagare in maniera pesantissima,per intero, alle classi subalterne. Questo mentre in tutta Europa e nei Paesi arabi si sviluppavano mobilitazioni e rivoluzioni. Una […]