"
<\/a><\/div>
\n
<\/i><\/a><\/div>\n
\n \n \n \n \n <\/path>\n <\/path>\n <\/path>\n <\/path>\n <\/g>\n <\/svg>\n <\/i>\n
Controinforma-ti\ud83c\udff4\u200d\u2620\ufe0f<\/b><\/i><\/span><\/a><\/div>\n\n\n
\n
\n
\n \n
\n
<\/div>\n <\/div>\n<\/a>\n
\n
<\/div>\n <\/div>\n<\/a>\n
\n
<\/div>\n <\/div>\n<\/a>\n <\/div>\n <\/div>\n<\/div>\n
RICEVIAMO E DIFFONDIAMO Stop ai rinvii forzati!Per il diritto di restare in Svizzera per tutt*!"Maria, \u00e8 una donna eritrea di 30 anni, \u00e8 arrivata in Svizzera al centro federale di Chiasso a fine dicembre 2021, dove ha depositato una domanda d\u2019asilo. Le autorit\u00e0 svizzere hanno rifiutato di entrare in merito alla sua domanda, su pretesto che le \u00e8 stato riconosciuto lo statuto di rifugiata in Grecia. Inizio maggio \u00e8 stata trasferita nel cantone Lucerna, il quale \u00e8 responsabile dell\u2019esecuzione del rinvio forzato. L\u00ec, non hanno perso tempo. Qualche giorno dopo si reca all\u2019appuntamento all\u2019ufficio della migrazione per rinnovare il suo documento di soggiorno. Ma l\u00ec ad aspettarla c\u2019\u00e8 la polizia. Viene arrestata e portata nella prigione amministrativa di Zurigo. Riceve tantissime pressioni da parte dei poliziotti: o sale sul volo di linea che le \u00e8 stato prenotato o sar\u00e0 incarcerata e rinviata con la forza in Grecia."<\/div>\n\n