Quadrilogia palestinese
un progetto ideato e diretto da
Maurizio Fantoni Minnella

Rassegna cinematografica d’autore sulla Palestina e iniziative informative contro lo stato d’occupazione israeliano

17. 05 GAZA A CIELO APERTO e MURO CONTRO MURO

A Gaza City il problema dello smaltimento della spazzatura appare nella sua drammatica evidenza camminando semplicemente per le strade cittadine, visitando le discariche temporanee e quelle principali che ormai straripano. Sovrappopolamento e isolamento della Striscia dal mondo esterno ne sono le cause schiaccianti. Grazie ad un progetto di una Ong italiana, Coopi, esiste un sistema dinamico di raccolta quotidiana dei rifiuti che impiega a livello temporaneo un elevato numero di disoccupati gazawi. Un altro progetto si occupa invece del riciclaggio dei rifiuti, in particolare della plastica, dal cui successivo trattamento nascono  gli oggetti d’uso più svariati. Il film racconta la vita quotidiana dei netturbini coi carretti, che dalle quattro del mattino cominciano la raccolta e il trasporto dei rifiuti nelle discariche di Gaza City fino al tardo pomeriggio, mostrando anche la città che vive, la sua gente (bambini, studenti, pescatori etc.) .

MURO CONTRO MURO

Il Muro del Pianto e il muro di sicurezza  e della vergogna che separa gli israeliani dai palestinesi; due entità contrapposte: il sacro e il politico. In questo cortometraggio, l’autore , con evidente spirito trasgressivo, si diverte a porli uno contro l’altro. Da una parte la folla di ebrei in preghiera, dall’altra, tracce di libertà, di rabbia e di speranza sul muro di cemento armato.

24.05 A EST DI GERUSALEMME

Gerusalemme Est, per ogni palestinese, è la capitale, la sola possibile, della Palestina.  A Sheik Jarrah o a Silwan, si lotta  per difendere il diritto  alla casa, mentre Israele costruisce nuovi insediamenti su un territorio che i palestinesi sentono come la propria terra. Palestinesi e israeliani manifestano pacificamente, uniti sotto un’unica bandiera, quella della giustizia.  Cresce tuttavia il clima di conflittualità quotidiana tra coloro che rivendicano il diritto di vivere in pace ed ebrei ortodossi, sempre più decisi ad occupare legalmente o illegalmente i territori arabi ad Est di gerusalemme.    diviso in tre capitoli e un prologo, il film mescola il racconto di lotta con la descrizione della realtà quotidiana che si svolge intorno alla Porta di Damasco, simbolo vivente della Gerusalemme araba, il realismo della testimonianza con la poesia della realtà.

31.05 TONIGHT ON JENIN

Dopo trent’anni d’oblio e di degrado, il cinema di Jenin, in Cisgiordania, rinasce sotto la guida di un cineasta di documentari, il tedesco Marcus Vetter, già autore di Earth of Jenin, 2008 sulla vita del padre di un bambino di Jenin, ucciso per caso da un soldato israeliano. Grazie al lavoro di un affiatato gruppo di volontari palestinesi e tedeschi, il cinema, posto al centro della città, che molti ricordano per le giornate di resistenza contro l’esercito israeliano che la invase nel 2002, meglio note  come la “battaglia di Jenin”, e per il grande campo profughi, ha acquistato una nuova vita, proponendosi di diventare un sicuro punto di riferimento culturale per l’intera città che mostra ancora oggi, i segni di un trauma incancellabile. Il film traccia il bilancio  del nuovo cinema come simbolo di rinascita culturale attraverso lo sguardo sulla città stessa e suoi suoi abitant.  Il film è altresì, in una più ampia accezione, grazie anche alla presenza di Mohamed Bakri, un omaggio al cinema palestinese contemporaneo.

07.06 IL LATO D’OMBRA

Il film è una sorta di viaggio tra i palestinesi d’Israele, ossia tra coloro che dal 1948 in avanti, hanno scelto di restare nella propria terra d’origine, diventata Israele. Da Jaffa, antichissimo porto del Mediterraneo, abitato dagli arabi,  attraverso le città di Ramlan e di Lod, fino a Nazareth, Cana e ai villaggi palestinesi sulla costa, il film raccoglie numerose testimonianze di palestinesi che vivono la profonda lacerazione della doppia identità, mostrando i luoghi nei quali l’identità arabo palestinese è ancora viva (Jaffa) o in altri in cui essa è ridotta a un cumulo di rovine accanto a cui sono cresciuti ghetti popolari per la minoranza araba.

Potrebbero Interessarti:

https://www.inventati.org/molino/wp-content/uploads/2012/05/Schermata-2012-05-31-a-7.48.19-AM.pnghttps://www.inventati.org/molino/wp-content/uploads/2012/05/Schermata-2012-05-31-a-7.48.19-AM-150x117.pngCinemaSala AttivitàQuadrilogia palestinese un progetto ideato e diretto da Maurizio Fantoni Minnella Rassegna cinematografica d'autore sulla Palestina e iniziative informative contro lo stato d'occupazione israeliano 17. 05 GAZA A CIELO APERTO e MURO CONTRO MURO A Gaza City il problema dello smaltimento della spazzatura appare nella sua drammatica evidenza camminando semplicemente per le strade cittadine,...Viale Cassarate 8

Contatta il Molino

Contatto telefonico
+41(0)91 942 12 21

Per info generali:
CS()A il Molino
Viale Cassarate 8
6900 Lugano (Ch)

molino@inventati.org