Ieri in Gran Consiglio il capo del Dipartimento istituzio ni Luigi Pedrazzini, risponden do a un’interpellanza del sociali sta Manuele Bertoli (titolo del l’atto parlamentare: “Intervento di polizia sproporzionato contro una civile dissidenza”), ha difeso l’operato delle forze dell’ordine durante la manifestazione anti militarista organizzata domeni ca 25 novembre a Lugano dal “Collettivo precari esistenziali” in occasione dell’ultima delle Giornate dell’esercito. Manife stazione sfociata nel lancio di oggetti, in scontri, manganellate e feriti, soprattutto fra i dimo stranti. Per il Collettivo gli agen ti “hanno reagito con la forza in maniera assurda: come mai que sta risposta di fronte alla nostra opposizione pacifica?”. I dimo stranti “hanno provocato” le for ze dell’ordine, è stata la replica della Polizia cantonale.
Dopo le dichiarazioni rilascia te nei giorni scorsi ai media, il ministro ieri ha riferito dell’ac caduto in parlamento sollecitato appunto dall’interpellanza del Ps. Ha così ricordato il primo in tervento, quella domenica, da parte della polizia (il dispositivo d’ordine era formato da agenti della PolTi e della Polcom di Lu gano), ovvero il fermo di undici manifestanti sul lungolago di Lugano « che volevano perturba re » la sfilata militare. « Non mi ri sulta che siano stati maltrattati », ha aggiunto Pedrazzini. Il grup petto è stato poi portato nel posto di gendarmeria di via Bossi, dove a un certo punto si è radu­nata « una cinquantina di ragaz zi » per chiedere la ‘liberazione’ degli undici dimostranti. Ed è in via Bossi che sono avvenuti i taf ferugli, in particolare allorché la polizia « ha deciso di fermare e identificare coloro che agivano a volto coperto, mascherati ». Con tro gli agenti, ha continuato il ministro, sono stati lanciati og getti fra cui « lattine e persino una bicicletta ». In quella circostanza le forze dell’ordine hanno ferma to altri cinque manifestanti. « Credo che la polizia – ha prose guito Pedrazzini – abbia lavora to in condizioni difficili. In ogni caso non possiamo tollerare che venga schernita e soprattutto ber sagliata da oggetti vari. Non di fendo e non ho mai difeso la poli zia per partito preso, il suo agire va però valutato nel contesto ge nerale di una manifestazione. Il dissenso civile lo si esprime senza essere necessariamente masche rati e nel rispetto delle decisioni prese dalle autorità, evitando provocazioni gratuite nei con fronti delle forze dell’ordine ». Detto questo, la polizia « sta anco ra analizzando i fatti » e il Mini stero pubblico « ha avviato » delle indagini preliminari: « se emerge ranno elementi di rilevanza pe nale il governo adotterà i provve dimenti del caso ».
Giudicando « esaustiva » la ri sposta del ministro, il Ppd Paolo Beltraminelli, che è pure mu nicipale di Lugano, ha rammen­tato che i manifestanti avevano « interloquito » con l’Esecutivo cittadino, tuttavia al momento della dimostrazione « non hanno rispettato i patti ». Il capogruppo Ppd si è quindi opposto alla di scussione generale sollecitata dal leghista Rodolfo Pantani. Jacques Ducry (Plr): « Pantani propone una discussione sul nul la, visto che su quanto successo l’altra domenica sono ancora in corso gli accertamenti della ma gistratura ». La richiesta del de putato della Lega è stata affossa ta dal Gran Consiglio con 59 voti (quattro gli astenuti e nove i fa vorevoli alla discussione gene rale).
La risposta di Pedrazzini non ha soddisfatto l’interpellante. « Le devo manifestare la mia netta delusione », ha sostenuto Bertoli rivolgendosi al consigliere di Stato. « Non sono tra coloro che sono sempre contro la polizia, tant’è che se lei dovesse chiedere risorse per le forze dell’ordine, per la sicurezza, avrà i nostri voti ». Quelli del Ps. « Ciò non significa però che la polizia non debba agi re in maniera più professionale, perché allora tutte le partite di hockey e di calcio dovrebbero fini re a sassate visto che le provoca zioni subìte dagli arbitri sono più pesanti di quelle subìte dalla poli zia. Cosa faremo in occasione de gli Euro 08?! Sono preoccupato se basta una mascherata a innesca re una simile reazione da parte della polizia ». Sui fatti di dome nica 25 novembre sono pronte « cinque denunce », ha fatto pre sente Bertoli (vedi pure pagina di Lugano).

Potrebbero Interessarti:

https://www.inventati.org/molino/wp-content/uploads/2016/07/logo-molino-01.pnghttps://www.inventati.org/molino/wp-content/uploads/2016/07/logo-molino-01-150x150.pngRassegna stampaIeri in Gran Consiglio il capo del Dipartimento istituzio ni Luigi Pedrazzini, risponden do a un’interpellanza del sociali sta Manuele Bertoli (titolo del l’atto parlamentare: “Intervento di polizia sproporzionato contro una civile dissidenza”), ha difeso l’operato delle forze dell’ordine durante la manifestazione anti militarista organizzata domeni ca 25 novembre...Viale Cassarate 8

Contatta il Molino

Contatto telefonico
+41(0)91 942 12 21

Per info generali:
CS()A il Molino
Viale Cassarate 8
6900 Lugano (Ch)

molino@inventati.org