E lo fa autorganizzando la proiezione di un film che il festival aveva rifiutato,un film che parla della guerra e delle responsabilità dell’Occidente, per non dimenticare che la guerra non è un film… e non è finita.
La trama subisce un’accelerazione quando tutta la popolazione del festival, insieme agli abitanti di Locarno, si riunisce al vecchio Grande Albergo e con voci, grida e urla invoca la sommossa: “vogliamo anche le rose” gridavano i senza voce, “non siamo moderati”, ripetevano gli anarchici. Soffocati da una veloce e vorace variante 95 che ha trasformato zone agricole in un’interminabile successione di grandi magazzini e capannoni, stipati in un enorme torre opulenta, la gente decide di occupare il Grand Hotel, di riappropriarsi del proprio spazio e della cultura per non escludere più nessuno. La parola d’ordine è smascherare los ladrones.
Il finale è tutto da vedere, concentrati e attivi, senza farsi cogliere impreparati. Una questione colpisce in questo film, cosa c’entrano gli anarchici al Grand Hotel luogo dove si svolse la prima edizione del festival e dove sfilano le star? In seguito il Grand Hotel divenne luogo aperto, ritrovo popolare di festa e allegria. Oggi così grigio e vuoto risveglia la nostalgia e anche la voglia di riscattarlo e viverlo ancora.

>Qui il flyer che annunciava l’azione

Potrebbero Interessarti:

https://www.inventati.org/molino/wp-content/uploads/2016/07/logo-molino-01.pnghttps://www.inventati.org/molino/wp-content/uploads/2016/07/logo-molino-01-150x150.pngComunicatiE lo fa autorganizzando la proiezione di un film che il festival aveva rifiutato,un film che parla della guerra e delle responsabilità dell'Occidente, per non dimenticare che la guerra non è un film... e non è finita. La trama subisce un'accelerazione quando tutta la popolazione del festival, insieme agli abitanti...Viale Cassarate 8

Contatta il Molino

Contatto telefonico
+41(0)91 942 12 21

Per info generali:
CS()A il Molino
Viale Cassarate 8
6900 Lugano (Ch)

molino@inventati.org