C’è disponibilità al dialogo, ma anche determinazione a imboccare la via della resistenza nella presa di posizione del Centro sociale autogestito, che ieri attraverso un comunicato ha risposto alle affermazioni di Giovanna Masoni Brenni. Intervenuta sabato al dibattito organizzato dal PS sul tema « la città e il teatro » , la municipale ha confermato l’intenzione del Comune ( CdT di sabato 26 marzo) di trasformare l’ex macello in una sorta di laboratorio culturale, pedagogico e didattico, abbandonando quindi l’idea della « cittadella delle arti » alla quale guardavano con favore le compagnie teatrali. Per il Molino un progetto vale l’altro: in ogni caso la conseguenza sarà l’abbandono dell’ex macello e la ricerca di una nuova sede. È solo una questione di tempo. Per Masoni i termini della convenzione stipulata dalla Città, dal Cantone e dal Molino sarebbero già scaduti per cui il centro sociale dovrà lasciare l’ex macello.
Una prospettiva che gli interessati non sono disposti ad accettare a cuor leggero. « Si fanno i conti senza l’oste » , osserva irritato il CSOA. « Volenti o nolenti, siamo un soggetto politico attivo e legittimato con il quale confrontarsi » , dice il comunicato, che ricorda: « La nostra storia racconta come disponibilità e propositività ci abbiano sempre contraddistinto, anche quando disillusi e sfiduciati ci siamo se- duti al tavolo delle trattative».È capitato dopo l’abbandono volontario degli ex Molini Bernasconi a Viganello, occupati abusivamente nell’autunno del 1996, e dopo lo sgombero del Maglio offerto dal Cantone come sede provvisoria. Poi è arrivato l’ex macello, ottenuto con la protesta nelle strade di Lugano. Ma anche questa parentesi « urbana » dell’autogestione luganese è destinata a chiudersi.
Il Molino traccia un bilancio dell’esperienza: « Abbiamo reso vivibile un’area fino ad allora quasi completamente abbandonata, liberato e costruito uno spazio di aggregazione, di contro informazione, di cultura dal basso e popolare e di riflessione».E annota: « Come si fa a pensare di chiudere uno spazio che ha una funzione così importante? Pensiamo veramente che i giovani e non solo andranno al Palace? Fino a quando si continuerà a discutere di violenza e di disagio senza avere il coraggio di proporre e riconoscere soluzioni? » .
Il CSOA vuole difendere questa esperienza. Anche coi pugni se sarà necessario.

i. p.

Potrebbero Interessarti:

https://www.inventati.org/molino/wp-content/uploads/2016/07/logo-molino-01.pnghttps://www.inventati.org/molino/wp-content/uploads/2016/07/logo-molino-01-150x150.pngRassegna stampaC’è disponibilità al dialogo, ma anche determinazione a imboccare la via della resistenza nella presa di posizione del Centro sociale autogestito, che ieri attraverso un comunicato ha risposto alle affermazioni di Giovanna Masoni Brenni. Intervenuta sabato al dibattito organizzato dal PS sul tema « la città e il teatro...Viale Cassarate 8

Contatta il Molino

Contatto telefonico
+41(0)91 942 12 21

Per info generali:
CS()A il Molino
Viale Cassarate 8
6900 Lugano (Ch)

molino@inventati.org