Il Municipio risponde all’interrogazione di Marra sui fatti del 9 dicembre

LUGANO – Il Municipio di Lugano risponde all’interrogazione di Marra in cui il democentrista poneva la questione della legittimità della contromanifestazione dei “molinari” nella giornata di sabato 9 dicembre quando frange di autonomi hanno cercato di fermare la manifestazione autorizzata dei giovani leghisti.

Alla domanda di Marra in cui chiedeva al Municipio se si fosse reso conto dell’esempio dato ai giovani ticinesi, l’esecutivo luganese risponde che il Municipio aveva concesso eccezionalmente il diritto agli autogestiti di manifestare i propri ideali e che ha preso atto “dell’assoluto mancato ossequio delle condizioni loro impartite”. I “molinari” quindi, ammette il Municipio, non hanno rispettato le condizioni imposte, mancando alla fiducia loro riposta.

Il Municipio luganese ha comunque voluto garantire una pari opportunità di esternare le proprie convinzioni e, alla luce di quanto accaduto, prenderà in futuro delle decisioni che contempleranno anche la proibizione di manifestare allo scopo di “evitare che i disordini possano turbare l’ordine pubblico, arrecare costi spropositati all’Ente pubblico e mettere in pericolo l’integrità di ignari cittadini e di solerti agenti di polizia”.
Il Municipio quindi ritiene di non aver dato cattivo esempio ai giovani, ma è stato semmai “l’atteggiamento dei manifestanti che andrebbe analizzato, visto che hanno mal ripagato la fiducia in loro riposta con un comportamento provocatorio, irrispettoso e pericoloso”.
Sulla problematica dei costi sopportati dalla comunità per l’intervento di polizia per evitare lo scontro tra opposte fazioni, il Municipio informa che 29 erano le unità della polizia comunale di Lugano e 23 quelle della polizia Cantonale dispiegate comportando un costo superiore a fr. 35.000,–, senza tuttavia l’emissione di fatturazioni esterne.

Per quanto riguarda la violazione dell’ordinamento comunale che prevede la proibizione di manifestare a volto coperto, il municipio ammette che numerosi manifestanti legati al CSA Il Molino hanno contravvenuto alla legge coprendosi il volto, impedendo così alle autorità di identificare coloro che hanno assunto comportamenti contrari alle disposizioni impartite. Il Municipio comunque giustifica il fatto che, nonostante la presenza di volti coperti fuori legge, la polizia delle Città di Lugano ha preferito comunque tenere un basso profilo e quindi evitare un intervento che avrebbe avuto come conseguenza “una violenta reazione dei manifestanti” tra l’altro in evidente sovranumero rispetto agli agenti. Si è voluto quindi evitare uno scontro, che avrebbe potuto degenerare in violenza.

Alla domanda poi di Marra, in cui chiede al Municipio “se esso intende, ancora e per l’ennesima volta, sottostare e genuflettersi ai voleri di quei pochi che cercano lo scontro”, l’esecutivo luganese risponde che le autorità hanno, ogni qualvolta è stato fattibile, denunciato e querelato gli autori alle autorità giudiziarie e ricorda che, nel caso della manifestazione del 9 dicembre, non è stato possibile l’identificazione dei volti coperti.

Il Municipio comunque è attento al fenomeno dell’estremismo di sinistra e di destra, che, anche a Lugano, è presente e organizzato. La predisposizione alla violenza sembra avere la precedenza allo scontro ideologico e verbale. La Polizia di Lugano “esprime una seria preoccupazione in quanto “non si può escludere che nell’immediato futuro, in caso di concomitanti manifestazioni di questo genere, possano ripetersi i medesimi fatti con forse maggiori conseguenze nel caso in cui, gli uni o altri manifestanti, oltre a disturbarsi vicendevolmente, possano reperire dall’Italia o dalla Svizzera Interna, ulteriori manifestanti scontrosi”. A tal proposito il Municipio invita alla lettura del “Rapporto federale sull’estremismo”:
http://www.fedpol.admin.ch/fedpol/it/home/dokumentation/berichte/extremismus.html.

Infine, il Municipio informa che nello scorso anno sono state 58 le denunce penali riguardanti i casi di violenza dell’estremismo, ma che molti di più sono stati i manifestanti che sarebbero potuti essere identificati, se si avesse avuto più “fortuna”.

Potrebbero Interessarti:

https://www.inventati.org/molino/wp-content/uploads/2016/07/logo-molino-01.pnghttps://www.inventati.org/molino/wp-content/uploads/2016/07/logo-molino-01-150x150.pngRassegna stampaIl Municipio risponde all'interrogazione di Marra sui fatti del 9 dicembre LUGANO - Il Municipio di Lugano risponde all'interrogazione di Marra in cui il democentrista poneva la questione della legittimità della contromanifestazione dei 'molinari' nella giornata di sabato 9 dicembre quando frange di autonomi hanno cercato di fermare la manifestazione...Viale Cassarate 8

Contatta il Molino

Contatto telefonico
+41(0)91 942 12 21

Per info generali:
CS()A il Molino
Viale Cassarate 8
6900 Lugano (Ch)

molino@inventati.org