Ebbene, nel tardo pomeriggio di sabato, sul posto, accompagnato da alcuni agenti della polizia cantonale e dal comandante della polizia comunale Ivano Beltraminelli, è giunto il legale della società anonima che gestisce l’ex Istituto Francesco Soave per conto della Congregazione dei padri Somaschi: ai giovani – che in mattinata avevano consegnato le loro rivendicazioni agli agenti della polizia comunale che erano entrati nell’ex Istituto per verificare la situazione – ha mostrato l’ordine di sfratto e la copia della denuncia sporta in magistratura nei loro confronti per violazione di domicilio e danneggiamento. In buon ordine, la quindicina di « Folletti urbani » ha così fatto fagotto ed ha lasciato l’ex Istituto Francesco Soave.
Il nuovo tentativo di creare un centro sociale autogestito nella capitale – dopo quasi sei anni or sono i Pastorizzati si insediarono per qualche mese nella casa Cin- zia di Vicolo Von Mentlen – è durato in tutto una ventina di ore. Il progetto elaborato dai giovani « Folletti » – che si inserisce nel programma del neocostituito collettivo per l’autogestione ticinese nella città di Lugano, Locarno, Mendrisio e Bellinzona – guardava evidentemente molto più lontano: l’intenzione era infatti quella di insediarsi stabilmente negli spazi vuoti da anni dell’ex Istituto Francesco Soave per proporre svariate attività culturali e sociali aperte a tutti gli interessati: in programma vi era anche la possibilità di cenare con pietanze vegetariane e biologiche, oppure di assistere a concerti dal vivo o ancora di partecipare ad atelier creativi. Ieri in serata è giunto in redazione un comunicato a firma « folletti urbani » in cui si sostiene che « l’autorità forse pensa dopo averci sgomberato da questo edificio che noi ce ne torniamo alle nostre case (…) ma si sbaglia » . Dopo aver rivendicato la volontà di avere a disposizione una struttura, nel comunicato si auspica che ogni agglomerato ticinese abbia un centro socioculturale autogestito.

cdt 23 12 02

Potrebbero Interessarti:

https://www.inventati.org/molino/wp-content/uploads/2016/07/logo-molino-01.pnghttps://www.inventati.org/molino/wp-content/uploads/2016/07/logo-molino-01-150x150.pngRassegna stampaEbbene, nel tardo pomeriggio di sabato, sul posto, accompagnato da alcuni agenti della polizia cantonale e dal comandante della polizia comunale Ivano Beltraminelli, è giunto il legale della società anonima che gestisce l’ex Istituto Francesco Soave per conto della Congregazione dei padri Somaschi: ai giovani – che in mattinata...Viale Cassarate 8

Contatta il Molino

Contatto telefonico
+41(0)91 942 12 21

Per info generali:
CS()A il Molino
Viale Cassarate 8
6900 Lugano (Ch)

molino@inventati.org