Passi concreti per un centro giovanile a Cornaredo

Il progetto per un centro dei giovani leghisti all’ex gattile di Cornaredo atten­de il via libera dalla Città
«Occorre ancora approfondire alcuni dettagli. Il progetto do­vrebbe venir presentato in Mu­nicipio intorno alla fine dell’an­no ». A fare il punto della situa­zione è Claudio Chiapparino, responsabile dell’ufficio attività giovanili della Città, nelle cui ma­ni è finita la difficile pratica. Un’iniziativa nata in primavera con una lettera al Municipio in cui si chiedeva di dar vita ad un centro giovanile nello stabile ab­bandonato dell’ex gattile di Cor­naredo. Quali i particolari da mettere a punto? «Una volta chia­riti i contenuti – spiega Chiappa­rino – si tratterà di esaminare la questione dal punto di vista del­la logistica, della sicurezza e del­le spese. Una proposta integrale in tal senso dovrebbe venir sot­toposta nei prossimi giorni al­l’ Esecutivo, che valuterà se en­trare in materia». Al di là delle questioni tecniche, rimane an­cora un nodo da sciogliere. Un nodo alla cui estremità vi sono i contrasti con gli autogestiti del Molino. La questione, ammette Chiapparino, non è delle più semplici. Il riferimento, non trop­po velato, va ai disordini di saba­to 9 dicembre in stazione. « Le di­rettive del Municipio sono chia­re – rileva il responsabile dell’uf­ficio attività giovanili – il nuovo centro non dovrà poggiare su fondamenta che abbiano una chiara ed esplicita connotazione partitica. Quello dell’ex gattile de­ve essere un progetto rivolto ad una fetta allargata di giovani». Un paletto che non sembra creare particolari preoccupazioni tra i promotori, che nei giorni scorsi si sono riuniti dopo un sopralluo­go a Cornaredo. « Il rapporto inte­grale – ci dice il presidente dei giovani leghisti Francesco Love­ra
– è in attesa di venir inoltrato. La struttura è i n buono stato e non necessita di particolari ac­corgimenti legati alla sicurezza». Per quanto riguarda le spese, il gruppo si dice pronto ad occu­parsi di tutti i lavori di ristruttura­zione e sistemazione. «Ciò che vogliamo – conclude Lovera – è in definitiva lo stesso trattamen­to riservato a suo tempo agli au­tonomi del Molino, mantenendo però buoni rapporti con le auto­rità e muovendoci nella piena le­galità ». Inizialmente utilizzato come struttura diurna per tossicodipen­denti, l’ex gattile sul piano della Stampa era stato indicato negli anni scorsi come possibile sede di un luogo di accoglienza per asi­lanti recalcitranti. Progetto suc­cessivamente abbandonato dal Cantone per ragioni di natura fi­nanziaria. La struttura dovrebbe venir demolita nei prossimi tre anni nell’ambito degli interventi di rinnovo della viabilità nell’area. Nel frattempo i promotori del­l’operazione si dicono «fiduciosi di ottenerne le chiavi entro tem­pi accettabili». gi.m

Potrebbero Interessarti:

https://www.inventati.org/molino/wp-content/uploads/2016/07/logo-molino-01.pnghttps://www.inventati.org/molino/wp-content/uploads/2016/07/logo-molino-01-150x150.pngRassegna stampaPassi concreti per un centro giovanile a Cornaredo Il progetto per un centro dei giovani leghisti all’ex gattile di Cornaredo atten­de il via libera dalla Città «Occorre ancora approfondire alcuni dettagli. Il progetto do­vrebbe venir presentato in Mu­nicipio intorno alla fine dell’an­no ». A fare il punto della situa­zione è Claudio...Viale Cassarate 8

Contatta il Molino

Contatto telefonico
+41(0)91 942 12 21

Per info generali:
CS()A il Molino
Viale Cassarate 8
6900 Lugano (Ch)

molino@inventati.org