logo



:: Chi_Siamo :: Archivio_News :: Foto :: Video :: Link :: Cinema :: Migranti :: Metropoli :: Recensioni :: Autoproduzioni :: Contattaci ::
    Calendario    

October 2017

LuMaMeGiVeSaDo
1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31

Aggiungi un'iniziativa


    X    


Read Con queste poche righe dichiariamo conclusa l'esperienza del Laboratorio Zeta in via Boito  
metropoli.png

La ragione di questa decisione consiste principalmente nell'impossibilità di continuare a coniugare le attività del centro sociale con l'accoglienza di rifugiati politici e quindi con la dimensione abitativa.

Dal marzo del 2003 (quindi due anni dopo avere occupato lo stabile di via Boito), insieme a centinaia di iniziative e manifestazioni di ogni genere, abbiamo ospitato più di 600 persone provenienti da ogni parte del mondo, facendo un lavoro di supplenza al totale vuoto istituzionale che ha guidato Palermo per tutti gli Anni Zero, ovviamente senza ricevere un soldo di contributi pubblici e basando tutto sull'impegno gratuito di centinaia di persone.

Avremmo sperato in nuove pratiche dell'accoglienza e nuove politiche di lotta alla povertà nella "città rinnovata" del nuovo decennio, ma ahi noi, gli Anni Zero sembrano non volere ancora finire.

Nell'impossibilità di coniugare dimensione abitativa e spazio sociale, e nell'assenza di alternative provenienti dalle istituzioni competenti, abbiamo dunque deciso di lasciare lo stabile di via Boito 7 ai profughi sudanesi che lo abitano. Declinando, va da sé, anche ogni responsabilità su ciò che da ora in poi avverrà in quello stabile.

Sappiamo che lo Zeta è stato attraversato, vissuto, animato, sostenuto, difeso e amato da migliaia di persone. E' stato terreno di sperimentazione di pratiche inedite di vivere la città, è stata strategia dell'incontro e del conflitto, è stato sopratutto pratica politica in grado di ridurre al minimo la distanza tra mezzi agiti e fini perseguiti, per mettere insieme lotta alle disuguaglianze e rivendicazione delle differenze.

Lo Zeta è stato a Palermo uno spazio di resistenza per sopravvivere collettivamente alla definitiva crisi della politica, per conquistare insieme e mettere in comune ciò che è giusto fosse di tutti, per sottrarsi alla spietata legge della giungla che rimanda tutto alla capacità individuale di sopraffare l'altro. Insomma, per praticare e rivendicare l'universalità dei diritti.

Le ragioni della sua esistenza sono ancora tutte valide.

Ma, proprio per questo, noi che ci siamo assunti l'onere di portare avanti la gestione dello Zeta, pensiamo che, per quanto sicuramente dolorose, ci sono decisioni che vanno prese per evitare il rischio di rimanere incastrati in dinamiche che non scaturiscono dalla condivisione dei nostri desideri.

Le lotte dello Zeta continueranno ad essere portate avanti, ma in altre forme, in altri luoghi e con altri nomi.


To be continued...

Zetalab

COMMENTI | Aggiungi Commento | Stampa
    Cerca    

    Newsletter    
iscriviti alla newsletter per essere aggiornato sulle iniziative del laboratorio!


Read
Ultima newsletter:
Libia, oltre il petrolio: le ragioni di un popolo in lotta
(29/03/2011)


    Link    

KOM-PA - metropoli - conflitti - saperi

Gnu\'s not Unix

L\'Autismo che si Inventa genera Condivisione

Inserisci un nuovo link
descrizione
indirizzo
categoria
password:

    Admin    
Aggiungi News
Modifica MOTD
Cambia priorit
Cambia priorit (Beta)
Gestione Banner

    Accessi    

Avete visitato questa pagina 5529625 volte.



Powered by FartNuke based on FlatNuke-1.7 © 2003 | Site Admin: Zeta | Get RSS News

Source available, email us ;-)

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.