Ago 202017
 
18 agosto a San Ferdinando: in assenza di ruspe ci pensano associazioni e sindacati

  Fonte: pagina facebook “ Comitato lavoratori e lavoratrici delle campagne” Ieri, 18 agosto, dentro la tendopoli abbiamo aspettato l’arrivo di polizia e istituzioni in modo pacifico e molto determinato. La sera prima, in un’assemblea insieme anche ai solidali di diverse parti d’Italia, avevamo scelto i nostri portavoce per esporre ancora una volta le nostre richieste. Prima di tutto l’accesso ai documenti per tutti e tutte (permesso di soggiorno, residenza e passaporto), poiché senza non […]

Ago 202017
 
AMBURGO ESTATE 2017: CI SONO, CI RESTO!

Riceviamo e diffondiamo   Fonte: https://nantes.indymedia.org/articles/38349  https://paris-luttes.info/hambourg-ete-2017-j-y- suis-j-y-8550 Lettera di un detenuto del G20 del giorno 14.08.2017, dal carcere di Billwerder ad Amburgo. È passato quasi un mese e mezzo da quando sono stato arrestato durante il dodicesimo vertice del G20, ad Amburgo, in una città assediata e presa in ostaggio dalle forze dell’ordine, ma che ha anche visto nascere per l’occasione una contestazione locale e popolare molto importante. Decine di migliaia di persone, se non di più, affluendo da tutta l’Europa, se non da più lontano, si sono incontrate, organizzate e si sono trovate insieme a discutere, sfilare per più giorni in un grande slancio di solidarietà e coscienti di poter subire in ogni momento la violenza e la repressione della polizia. Per l’occasione è stato costruito, addirittura, un immenso tribunale di polizia, in un prefabbricato, allo scopo di sanzionare nel più breve tempo possibile ogni tipo di contestazione contro questo vertice internazionale. Il mio arresto, come quello di molti/e compagni/e, si basa solo sulla sacrosanta parola della polizia, quella di una brigata addestrata per infiltrarsi, osservare e pedinare “le sue prede”(quarantacinque minuti nel mio caso, per un presupposto lancio di oggetti..), finché una volta isolate, trovano la possibilità di arrestarle mandando colleghi che intervengono velocemente, violentemente, senza lasciare nessuna scappatoia. Eccomi quindi rinchiuso in questo luogo primordiale per il buon funzionamento di un ordine sociale globale, utilizzato come strumento di controllo e di gestione della miseria, essenziale per il mantenimento della loro “pace sociale”. Il carcere agisce come spada di Damocle al di sopra di ogni individuo cosicché sia pietrificato davanti all’idea di trasgredire le regole e al diktat di un ordine stabilito “metro, lavoro, consuma, dormi”, al quale nessun dominato dovrebbe sfuggire per così essere alienato dalla propria vita, sempre in orario, senza mai battere ciglio. Così anche durante il secondo turno delle presidenziali, nel corso delle quali si aspettavano da noi che stessimo “En Marche” oppure  che morissimo, preferibilmente in maniera lenta e silenziosa. Il diritto non avendo vocazione ad assicurare il bene generale e nemmeno a essere neutro è l’espressione di una dominazione sempre più aggressiva, istituita dai potenti per garantire loro proprietà e sicurezza e quindi paralizzare, sanzionare, emarginare chi non vede le cose allo stesso modo o chi non si piega. Al di là dei casi di militanti/e detenuti/e, in genere abbastanza sostenuti/e e messi/e in primo piano in queste situazioni, perdurano anche e sopratutto i casi di uomini e donne abbandonati/e alla brutalità e alla crudeltà della reclusione carceraria. Qui il lavoro è retribuito un euro all’ora, di cui la metà è percepibile solo una volta liberati/e. Nella mia sezione i detenuti in detenzione provvisoria o per pene brevi (dai sei mesi ai quattro anni) sono principalmente rinchiusi per un motivo solo: la loro condizione e origine sociale. A parte il personale, pochissimi provengono dal paese ospite, tutti sono stranieri, rifugiati e/o precari, poveri, indeboliti dalla vita. Il loro crimine: non sottomettersi alle “loro” regole del gioco, nella maggioranza dei casi rivolgendosi alla vendita di stupefacenti o commettendo scippi, truffe, in  solitaria o in gruppi organizzati a diversi livelli. La reclusione è un pilastro primordiale di questo sistema e non si può criticarla senza attaccare la società che la produce. Il carcere, non funzionando in autarchia, è il tassello perfetto di una società basata sullo sfruttamento, la dominazione e la divisione sotto svariate forme. “Il lavoro e la prigione sono due pilastri essenziali del controllo sociale, il lavoro essendo la migliore delle polizie e il reinserimento un ricatto permanente.” Un pensiero per i compagni/e italiani/e colpiti/e da un’ennesima ondata repressiva, in particolare agli imputati nell’indagine “sull’ordigno […]

Ago 042017
 
Torino – Cinque arresti e due divieti di dimora per l’opposizione a una retata

fonte: Macerie Il caldo agostino non è l’unico a rendere soffocante l’aria. Dopo gli arresti di ieri a Firenze, Roma e Lecce,  la mannaia estiva è arrivata anche a Torino: Digos e celerini si sono presentati stamane poco dopo le 6 h all’occupazione di corso Giulio Cesare 45 e in alcuni appartamenti privati per effettuare cinque arresti e notificare due divieti di dimora. I compagni che vivono nello stabile occupato sono saliti sul tetto e là sotto si è formato […]

Ago 042017
 
Sull'operazione repressiva del 3 agosto - Fuori tutti/e dalle galere

Ieri mattina all’alba, l’ennesima operazione repressiva ha portato (attualmente) al fermo di 8 compagnx tra Firenze, Lecce e Roma. Con un imponente dispiegamento di forze (si parla di almeno 200 sbirri), affinché tutto apparisse il più spettacolare possibile agli occhi dei pennivendoli nostrani, hanno inoltre approfittato per sgomberare la Riottosa Zquat nella città toscana, dove 4 compagnx hanno resistito per ore sul tetto, mentre dentro si procedeva alla devastazione dei locali e alla muratura di […]

Ago 042017
 
Lotta contro l'inceneritore ad Albano: assolti i/le compagni/e nel processo per il corteo del 14 Aprile 2012

Tutti Assolti! Venerdì 28 Luglio presso la sezione distaccata del Tribunale di Albano si è tenuta l’ultima udienza del processo contro 16 compagni accusati di resistenza aggravata. L’accusa era relativa alla manifestazione contro la costruzione dell’inceneritore dei Castelli Romani svoltasi ad Albano il 14 Aprile 2012. Tutti i compagni son stati assolti per non aver commesso i reati che la procura addebitava loro, cioè resistenza aggravata e manifestazione non autorizzata. Una resistenza c’è stata, certo. […]

Lug 312017
 

fonte: Macerie Nelle carte dell’operazione repressiva del 3 maggio, oltre ai nomi di Cam, Antonio, Fran, Antonio, Fabiola e Giada, c’era anche quello di Greg. Per mesi non è stato trovato, fino a oggi in cui è stato fermato dai carabinieri a Gorizia per un controllo stradale e portato poi in caserma per l’arresto. Per qualche giorno sarà rinchiuso nel carcere friulano e poi molto probabilmente sarà trasferito alle Vallette. Intanto è possibile mandargli qualche […]

Lug 282017
 

Riceviamo e pubblichiamo, odiando il carcere giorno dopo giorno. Carx compagnx, vorrei ringraziarvi nuovamente per la vostra solidarietà e appoggio espresso in tante e diverse forme, fin dall’inizio e specialmente durante il processo, sia dentro l’aula del tribunale che dalla lontananza. In tanti momenti quei gesti mi hanno regalato energia e calore e, evidentemente, rafforzato la mia convinzione che la lotta continua, quale che sia la condizione e indipendentemente dagli ostacoli che si frappongono al […]

Lug 272017
 
Davide è in sciopero della fame

fonte: nobordersard Apprendiamo ora che oggi Davide ha iniziato uno sciopero della fame. Il motivo scatenante dovrebbe essere la mancata consegna da parte dei secondini di una foto di un caro compagno scomparso da poco a cui Davide era molto legato. Non abbiamo altri dettagli, non ci resta che rilanciare con sempre più forza l’appello alla solidarietà con Davide e alla lotta che sta portando avanti contro le condizioni disumane in cui lo stanno facendo […]