Urbanistica Resistente

Presentazione del libro collettivo

" Urbanistica resistente nella Firenze neoliberista: PerUnaltracittà 2004-2014"

Venerdì 16 dicembre ore 18:00 presso il circolo Agorà in via Bovio 48, Pisa

urbanistica_resistente_3.jpg

Negli anni della bolla edilizia e della mercificazione dei beni comuni, dell’accentramento del potere e dello svilimento degli organi rappresentativi, l’urbanistica neoliberista manifesta il suo vero volto, rinuncia ai suoi compiti statutari, spoglia gli strumenti attuativi di qualsiasi valenza sociale e si rende immediatamente funzionale alla rendita immobiliare e alla finanza fondata sul cemento.

Per dieci anni Firenze è il banco di prova per il cantiere nazionale. Dal 2004 al 2014 è presidente della Provincia, poi sindaco, un trentenne Matteo Renzi che vi sperimenta, prima di applicarle all'intero paese, la velocità nelle decisioni, la riduzione del governo cittadino ad evento mediatico e la politica come apologia della tabula rasa. Ma a margine della rappresentazione ufficiale si registra un decennio di “urbanistica resistente”. Per due legislature all'opposizione in Consiglio comunale – dove, nell'avvicendamento burrascoso di piani strutturali e inchieste della Magistratura, si definiva il futuro della città e dell’area di Castello –, la lista di cittadinanza “PerUnaltracittà” ha unito cittadine e cittadini, comitati, realtà autogestite ed esperti critici.

Il libro con scritti di: Ilaria Agostini, Paolo Berdini, Ornella De Zordo, Maurizio Da Re, Cristiano Lucchi, Maurizio De Zordo, Daniele Vannetiello, Antonio Fiorentino, Alberto Ziparo, Tiziano Cardosi, Roberto Budini Gattai, Giorgio Pizziolo, raccoglie il racconto corale e antagonista di questa esperienza collettiva che ha prodotto riflessioni critiche sullo smantellamento in atto della civiltà urbana e sulle pratiche sperimentali per immaginare un’altra città.

 

A Firenze come a Pisa, l'urbanistica è niente di meno che un “mezzo politico” capace di trasformare i quartieri in territorio di conquista da parte di quel segmento finanziario che non intrattiene «alcun legame con i luoghi in cui la ricchezza si produce». Da ormai quattro anni  il Municipio dei Beni Comuni monitora e denuncia le grandi operazioni di svendita del patrimonio immobiliare, contrapponendo a queste una proposta puntuale di riuso degli immobili per la pubblica utilità. D'altra parte l'amministrazione comunale Pisana, seppure in termini comunicativi e di propaganda, sembra aver assunto e fatto propri alcuni termini chiave: dai beni comuni urbani al riuso e alla riqualificazione. Nella pratica, tuttavia, persevera in politiche urbane che si allineano al paradigma neoliberista che prescrive ricchi vantaggi per l’1% a spese del restante 99%, un paradigma che produce “centri” – cittadelle del potere, fortificate e interconnesse da comunicazioni ad alta velocità – e “periferie” sempre più estese e distanti dai luoghi della politica. Dal Progetto Caserme all'operazione Santa Chiara, nella pianificazione dello sviluppo della città rimangono inascoltate le voci di tante associazioni e collettivi che hanno un'altra idea di come soddisfare i reali bisogni dei cittadini.

In questo orizzonte, l'incontro tra l'esperienza del Gruppo Urbanistica della lista di cittadinanza PerUnaltracittà (Puc) e il quadro mostrato nel dossier Riutilizziamo Pisa consente una riflessione critica – di segno politico-tecnico, ecologico e antropologico – sull'involuzione neocapitalista della città e sullo smantellamento in atto delle basi stesse della civiltà urbana.

Il Municipio dei Beni Comuni e la Società dei Territorialisti/e invitano a discutere insieme di questi temi con Ilaria Agostini, autrice e curatrice del libro, ricercatrice dell'Università di Bologna, e Alberto Ziparo, autore e docente di Tecnica e Pianificazione urbanistica dell'Università di Firenze, durante la presentazione del libro collettivo "Urbanistica resistente nella Firenze neoliberista PerUnaltracittà 2004-2014 "(curato da Ilaria Agostini per AION, pp. 160), Venerdì 16 Dicembre alle 18:00 presso il circolo Agora di via Bovio 48, Pisa. Alla presentazione del libro seguirà un aperitivo conviviale.

Pisa, 13 Dicembre 2016
Municipio dei Beni Comuni
Per maggiori informazioni:
l'evento facebook:
https://www.facebook.com/events/1719296705051002/ 

Articolo di Ilaria Agostini su PerUnaltracittà:
Pisa e Firenze. Mercificazione della città pubblica: esperienze resistenti a dialogo
http://www.perunaltracitta.org/2016/12/11/pisa-firenze-mercificazione-della-citta-pubblica-esperienze-resistenti-dialogo/
 
Recensione a cura di Alberto Ziparo:
La Firenze neoliberista e renziana narrata in un libro resistente  
http://www.perunaltracitta.org/2016/12/11/la-firenze-neoliberista-renziana-narrata-un-libro-resistente/
 
Recensione a cura di Ottavio Marzocca
FIRENZE: VOLUMI ZERO, SI FA PER DIRE
http://www.casadellacultura.it/494/firenze-volumi-zero-si-fa-per-dire
 
Introduzione di Ilaria Agostini su eddyburg: 
UN'ALTRA IDEA DI CITTA' 
 
COMUNICATO STAMPA RIUTILIZZIAMO PISA 2016
POLITICHE DI ALIENAZIONE E ABBANDONO: IL TRIPLICE DANNO AI CITTADINI DI PISA
   
 
< Prec.   Pros. >
Joomla SEF URLs by Artio