L'integrazione del Progetto Rebeldía

L’integrazione del Progetto Rebeldía in via Battisti è possibile: è solo una questione di volontà politica. Rebeldía rilancia presentando diverse soluzioni urbanistiche e chiedendo la convocazione del tavolo interistituzionale per discuterne.

pdf: Proposta 1 - Proposta 2 - Proposta 3 - Proposta 4 - Proposta 5 - Proposta 6 - Proposta 7

Come Progetto Rebeldía già da gennaio abbiamo avviato una trattativa con le istituzioni cittadine al fine di risolvere in modo definitivo il problema della nostra collocazione. Come deciso all'ultimo incontro interistituzionale del 15 giugno 2007, è stato istituito un tavolo tecnico per vagliare la possibilità di integrare l’esperienza del Progetto Rebeldía all'interno del piano di riqualificazione dell'area compresa fra Via Battisti e la Ferrovia: un progetto che al momento attuale non prevede la salvaguardia delle attività portate avanti dalle 23 associazioni che lo compongono.
Al tavolo tecnico, svoltosi il 25 luglio 2007, abbiamo avanzato 7 proposte di inserimento urbanistico. Tutte le proposte hanno la caratteristica fondamentale non solo di non snaturare le originarie direttive del piano di riqualificazione, ma di renderlo più completo da un punto di vista della riqualificazione sociale dell'area. La commissione tecnica ha preso visione delle sette proposte e le ha commentate, mettendo così a disposizione delle istituzioni tutti gli strumenti necessari per giungere finalmente ad una decisione.
Poiché si tratta di spazi pubblici mettiamo a disposizione della cittadinanza le ipotesi che abbiamo elaborato insieme ad ingegneri ed architetti pisani (quali l'architetto Alessandro Baldassari, il prof. Aldo Frediani, l'ingegner Francesco Tognarini), in quanto crediamo che una città debba discutere e confrontarsi sul proprio sviluppo urbanistico e sulle sue trasformazioni sociali. La questione della sede del Progetto Rebeldía parla di questi temi e pone questi problemi: è una questione della città, la cui soluzione dipende dalla volontà di chi la governa ma anche dalla partecipazione e dal coinvolgimento di tutti i soggetti che la abitano, vi lavorano e studiano.
Sollecitiamo, quindi, il Comune e le altri istituzioni a convocare in tempi brevi una riunione del tavolo interistituzionale in cui discutere queste proposte. Auspichiamo una discussione aperta e costruttiva, augurandoci che venga presa una decisione e si arrivi ad un accordo in tempi sufficientemente rapidi da permettere l'integrazione del Progetto Rebeldía nel piano di riqualificazione prima che questo diventi definitivo.

Progetto Rebeldía: Acklab, Africa Insieme, Associazione Mezclar - Ambulatorio migranti, Babilon-mediateca, CiboliberoKC, Chicco di senape, Ciclofficina, Cinemaltrove, Cinematic, El Comedor Estudiantil Giordano Liva, Emergency Pisa, Equilibri Precari, Gruppo d'Acquisto Solidale Pisano, Ingegneria Senza Frontiere, Laboratorio delle disobbedienze Rebeldía, ¡Mosquito!, Osservatorio Antiproibizionista, Rebeldía Media Crew, Rebeltheater, Scacchi Insorgenti, Gruppo TNT Lavoro non lavoro, Trinacria Gio Family, Underground Pisa
 
< Prec.   Pros. >
Joomla SEF URLs by Artio