Diario dallo Spazio 26 ottobre

Dal colorificio liberato: " Luigi siamo con te". Mai più nessuno costretto al lavoro nero.

Risveglio piovoso quello del 26 ottobre a Pisa, il grigio del cielo però diventa solo un colore insieme agli altri mille che riusciamo a vedere dal colorificio.

I lavori procedono , nuove zone sono state pulite e rese agibili…e la passeggiata nello spazio si allunga inevitabilmente. Adesso altre attività hanno modo di partire.

In questa parte di Pisa, tra campagna e città; ci si può ancora svegliare al canto del gallo, ma anche godere dei tramonti su  piazza dei miracoli dal tetto e ancora se poi passeggi all'ex-colorificio, cosa che qui facciamo ancora increduli ogni giorno,  attraversi stanze con macchinari, armadietti e cartelli informativi,  e quasi si riescono ancora a sentire rumori e voci di fabbrica.

Insomma suggestioni delle più disparate qui in via Montelungo 7.


Oggi però, c'è qualcosa di strano in queste voci, c' e infatti il pensiero che corre a Luigi, operaio caduto da un'impalcatura mentre lavorava al nero.

E dal Colorificio, luogo che per anni ha accolto lavoratori e lavoratrici e le loro battaglie, e da chi in una fabbrica c'è entrato per la prima volta adesso, si alza l'in bocca al lupo per quel lavoratore, che pur di lavorare ha accettato condizioni lavorative che non lo tutelavano e  un pensiero di vicinanza alla famiglia, amici e colleghi.


L'ennesimo incidente che ci fa ribadire con forza le ragioni per cui abbiamo sempre rifiutato e rifiuteremo "lavoro a nero".


 

leggi tutti i diari

 
< Prec.   Pros. >
Joomla SEF URLs by Artio