Bentornata Limonaia nella Zona Rosa

Il Progetto Rebeldìa sostiene la riapertura della Limonaia di vicolo del Ruschi, rinominata Zona Rosa a seguito dell'occupazione dello scorso fine settimana. 

Una riapertura che ci appare nella sua doppia natura. Uno spazio e un rigoglioso giardino vengono resi nuovamente disponibili a beneficio della cittadinanza, dopo anni di chiusura, dopo anni di mancata ristrutturazione, dopo anni di permanenza all'interno del piano delle alienazioni della Provincia. Allo stesso tempo quegli stessi spazi si trasformano in una zona femminista, dove poter discutere di auto-determinazione e rompere il silenzio in cui si può ricadere a seguito di violenze e soprusi, dove si può trovare supporto legale per affrontare i troppi casi di obiezione di coscienza che sottraggono alle donne il diritto alla salute sessuale e riproduttiva. 

Come Progetto Rebeldìa per anni abbiamo vissuto lo spazio della Limonaia valorizzandone la destinazione d'uso, ossia il sostegno della divulgazione scientifica e di tutti i saperi, attraverso momenti di discussione e dibattito, attraverso mostre e proiezioni; più volte le attività del Progetto Rebeldìa hanno trovato nella Limonaia un luogo di incontro e confronto, anche con il quartiere. 

Peraltro, a seguito delle passeggiate di osservazione partecipata della città che negli anni abbiamo promosso, abbiamo scoperto che il quartiere San Francesco registra un primato negativo. Infatti la superficie di immobili inutilizzati costituisce il 10 % di tutta quella mappata nel nostro dossier “Riutilizziamo Pisa” (quasi 300.000 mq). Questi immobili ad oggi vuoti risultano per lo più di proprietà pubblica, quindi comunale, provinciale o dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Pisana.

Ci auguriamo che l'esperienza della Limonaia - Zona Rosa possa rappresentare per tante e tanti una zona ”sicura”, dove per sicurezza si intende quella della libera espressione, dell'incontro e della vicendevole contaminazione, del mutualismo e della lotta per la garanzia dei diritti. Un progetto di segno opposto a quello che l'amministrazione ha portato avanti attraverso sgomberi coatti e militarizzazione delle piazze e che verrà propugnato d'ora in avanti a colpi di decreto Minniti-Orlando (manodopera gratuita dei richiedenti asilo, daspo urbano). 

 
< Prec.   Pros. >
Joomla SEF URLs by Artio