Carnevale Antirazzista 2019. Pisa Meticcia non si arrende alla paura!

Carnevale Antirazzista 2019.
Una Pisa Meticcia e che non si arrende alla paura!

Ieri 17 Marzo una Pisa Meticcia e che non si arrende alla paura, ha invaso la città.

Una Pisa che non cede alla barbarie di questi tempi, di questo governo anche cittadino, ha colorato le strade, riportando il sorriso, rompendo il grigiore e disinnescando le paure, mostrando che è possibile una comunità solidale e accogliente.

A centinaia hanno partecipato ieri al Carnevale Antirazzista organizzato da molte associazioni/collettivi di Pisa (Progetto Rebeldia, Arciragazzi Pisa, Arte Migrante Pisa, Ass. Africa Insieme, Un Ponte Per... , fratelli dell'uomo Toscana, Chicco di Senape - Bottega del Mondo, Sinistra Per , Scuola Mondo San Giuliano Terme, Unità Migranti in Italia , Mondostazione DLF), e tra queste molte rappresentanze delle diverse comunità migranti cittadine.

I bambini e le bambine hanno indossato le ali indomabili fatte durante i Laboratori Uccelli Migratori di Arciragazzi-Pisa che hanno preceduto l'evento, mostrando una netta determinazione a voler mettere il” becco” in questo loro presente.

Presenti in piazza anche i/le volontari/e e gli studenti della scuola di italiano El Comedor Giordano Liva, e i bimbi e le bimbe del doposcuola di Ripafratta Scuola Mondo San Giuliano, per una scuola che non si fa solo tra i banchi.

La Piazza è stata animata dal Laboratorio di Percussioni di Un Ponte Per - Comitato Toscano che ha strappato canti e balli a tutti e tutte, dal Laboratorio Permanente del Teatro dell'Assedio che ha ipnotizzato fin dal loro arrivo Piazza Vittorio Emanuele, da una roda della Fondazione Internazionale Capoeira Angola Pisa che ha trasportato i presenti in atmosfere latinoamericane, e dai PopulAlma che hanno fatto saltare e ballare tutto Corso Italia al loro passaggio.

Giunti in Piazza XX Settembre 47 barchette di carta colorate sono state messe di fronte alle porte del Comune di Pisa, quello della Sea Watch a Gennaio è stato uno degli sbarchi più osteggiati da questo Governo, un Governo messo in ginocchio dalla potenza vitale di quelle 47 persone approdate poi nel porto etneo.

Senza dimenticare gli altri sbarchi strumentalizzati dalla propaganda leghista, né le morti nel Mare del Mediterraneo, né la Legge Salvini, incostituzionale e discriminatoria, quelle barchette chiedono di tornare nel Mediterraneo per attività di “Search And Rescue”, chiedono l'apertura dei porti, e un'accoglienza dignitosa per i/le migranti.

 

 
< Prec.   Pros. >
Joomla SEF URLs by Artio