Mai più CIE, né a Pisa né altrove

2017_04_08_maipiucie.jpg

Fin dalla loro costituzione alla fine degli anni Novanta in Italia, i centri di identificazione e espulsione (CIE) sono divenuti luoghi di privazione dei diritti dei migranti, come mostrato dai numerosi rapporti resi pubblici negli anni da varie organizzazioni non governative e da tante reti antirazziste che li hanno monitorati nel tempo. 

Non potranno mai esistere CIE vivibili o efficaci: si tratta di istituzioni che, all'interno della legge Bossi-Fini che rende effettivamente impossibile migrare e avere dei diritti garantiti, nascono per istituzionalizzare l'esclusione dei migranti, per fomentare l'odio e la xenofobia attraverso la marginalizzazione. Quello dei CIE è un sistema di detenzione criminale e in quanto tale dobbiamo opporci a nuove installazioni.

Peccato che, a pochi giorni dal voto di fiducia sul decreto Minniti-Orlando, che modifica i termini del diritto all'asilo e aumenta la discrezionalità dei provvedimenti amministrativi d'espulsione, sempre più arbitrari e incuranti delle singole situazioni, proprio la nostra città sia tra le candidate a ospitarne uno nuovo. Una possibilità che prende corpo a partire dalle posizioni prone del presidente della regione e di tutto il movimento Democratici e Progressisti. 

Un nuovo CIE nella Toscana di Enrico Rossi, la Toscana-laboratorio di una nuova forma di schiavitù, quella del lavoro gratuito e coatto dei richiedenti asilo. E non è difficile immaginare la reazione compiaciuta del sindaco Filippeschi, orgoglioso anticipatore politico di Minniti, che con la sua amministrazione ha sbarrato la strada a qualsiasi percorso di accoglienza degna, demandando tutto alle prefetture e a misure straordinarie di ospitalità ai margini della città, salvo poi mettere in mostra con quale minuzia i profughi puliscano le strade o le spiagge. 

Terremo alta l'attenzione affinché non si apra mai più un CIE, né a Pisa, né altrove.

Progetto Rebeldìa

Giornata di mobilitazione nazionale lanciata dalla La “Rete delle città in comune”  contro il decreti Minniti – Orlando su immigrazione/ respingimenti e la cosiddetta sicurezza urbana

 
< Prec.   Pros. >
Joomla SEF URLs by Artio