Il voucher nuoce gravemente alla salute

Il voucher nuoce gravemente
alla salute delle lavoratrici e dei lavoratori

 

La proliferazione incontrollata dei voucher è il sintomo maggiore di una precarietà ormai fuori controllo.

I governi promotori di un simile strumento di infelicità collettiva sono stati senza dubbio numerosi (Berlusconi, Monti, Letta e in ultimo il fu governo Renzi) e si dividono più o meno equamente la palma della vergogna, ma è negli ultimi due anni che il fenomeno ha assunto una dimensione a dir poco endemica.

Le limitazioni prescritte dal Jobs Act (il divieto di utilizzo dei voucher negli appalti e l'obbligo di tracciabilità) sono con tutta evidenza fumo negli occhi. La verità è sotto gli occhi e sulla pelle di tutte e tutti: una precarizzazione selvaggia, condotta ormai sulle singole ore di lavoro, senza più una prospettiva che tenga conto della dignità minima della persona. Una vera e propria legalizzazione di forme di lavoro irregolare, una trasformazione a tutto vantaggio dei datori di lavoro e generatrice di precarietà, insicurezza e ‎povertà.

 

È evidente la distorsione che sta portando il voucher a sostituire altri contratti di lavoro, anche quando non si è in presenza di lavoro di tipo accessorio regolarizzabile con i buoni. 'Si fa ma non si dice', parrebbe questo il motto di molti datori di lavoro che sanno bene di truccare il rapporto con i propri dipendenti ricorrendo consapevolmente a uno strumento indebito.

In quanti accettano questo tipo di rapporto lavorativo nell'illusione che sia solo il primo passo verso un contratto vero e proprio, che non arriva mai?

In quanti accettano una retribuzione a voucher per ampliare la parte del curriculum in cui descrivere le proprie esperienze lavorative, nella speranza che il prossimo lavoro, e quindi la propria vita, sia tutelato da un vero e proprio contratto?

Su queste illusioni e queste speranze, o meglio su questi insiti ricatti, si basa lo sfruttamento.

 

Lavoro e dignità per i lavoratori e le lavoratrici

 

Progetto Rebeldìa

 
< Prec.   Pros. >
Joomla SEF URLs by Artio