Prossimi eventi
Nessun evento in programmazione

Scacco alla Leopolda

Scacchi Insorgenti Come Scacchi Insorgenti non possiamo che prendere parola sul bando per l'assegnazione diretta della ex Stazione Leopolda alla associazione Casa della Città Leopolda. In particolare da scacchisti consideriamo inaccettabile una delle clausole del suddetto bando, quella che escluderebbe dalla partecipazione allo stesso le associazioni che abbiano pendenze di occupazioni.

Non stiamo qui a farla lunga sulla presunzione di innocenza che ancora vige nella nostra Repubblica Democratica (checchè ne dica l'Amministrazione), il punto che ci preme è un altro e ci riguarda direttamente in quanto "abili" scacchisti. 

Leggi tutto...
 

A noi non piacciono le partite truccate, non partecipiamo al bando per la Leopolda!

Futbol Rebelde Come Futbol Rebelde, associazione facente parte del Progetto Rebeldía e affiliata UISP, vogliamo comunicare la nostra inquietudine per il nuovo bando per la gestione della Stazione Leopolda, in cui abbiamo individuato varie criticità:

- l'elevato onere economico che viene richiesto alle associazioni, e la “concessione”, che di fatto si trasforma quindi in necessità, di svolgere attività commerciali: sembra che ci si sia dimenticati che il bando è rivolto a entità no profit, che si troverebbero invece costrette a far cassa, e non per finanziare le proprie attività, ma per pagare affitto e spese!

- il controllo e la supervisione delle attività da parte della Giunta comunale come passo necessario per ottenere lo spazio e avere finanziamenti pubblici (indispensabili, dati i costi elevatissimi); è evidente il rischio di un'ingerenza della politica, che porterebbe con sé clientelismo, sudditanza, perdita della necessaria autonomia.

Leggi tutto...
 

Hanno la faccia come il bando

reblabL'affaire Leopolda, ovvero della distanza intergalattica che separa la Giunta comunale di Pisa dalla partecipazione e la democrazia

Come Laboratorio delle disobbedienze, collettivo facente parte del del Progetto Rebeldía fin dalla sua nascita, vogliamo comunicare alla città la nostra posizione sulla questione del bando della Leopolda. Riteniamo che l'attuale gestione di uno spazio così importante come l'ex Stazione Leopolda rappresenti in maniera chiara un modello di rapporto sbagliato e dannoso tra il potere politico e la città viva e vissuta.

Sorvolando sulle gaffes dell'Assessora Maria Paola Ciccone che ha ritirato il bando dopo soli tre giorni dalla sua pubblicazione, rivelando preoccupanti errori e imbarazzi nella gestione delle politiche sociali, ciò che non ci convince del bando così come è stato presentato sono i seguenti punti:

Leggi tutto...
 

L’associazionismo non è un business.

mezclarCon il bando per la Leopolda la democrazia è in "prognosi riservata"

L'attuale gestione di uno spazio così importante come l'ex Stazione Leopolda rappresenta in maniera chiara un modello di rapporto sbagliato e dannoso tra il potere politico e quella parte di città che realmente agisce in città con iniziative, attività e proposta culturale.

Sorvolando sulle gaffes dell'Assessora Maria Paola Ciccone che ha ritirato il bando dopo soli tre giorni dalla sua pubblicazione, rivelando preoccupanti errori e imbarazzi nella gestione delle politiche sociali, ci sono molte questioni che non solo non convincono  ma  preoccupano del bando così come è stato pensato e pubblicato.

Leggi tutto...
 

Questione Leopolda: la Giunta comunale si dà alla sartoria e confeziona un bando su misura

Come Laboratorio di cucito 31K32 ci sentiamo toccati nel vivo dagli ultimi sviluppi  dell’ormai annosa questione Leopolda: chiunque abbia dato un’occhiata al bando elaborato per assegnare la gestione di quella che è nata come la Casa delle Associazioni (ripetiamo: Casa delle Associazioni) ha visto come si tratti di un abito male imbastito da una Giunta armata di metro da sarto e forbici. Dovrebbe trattarsi di un bando “taglia unica”, capace di vestire e dare spazio alle associazioni, tutte, della città, e invece guardiamo l’etichetta e vediamo che è una taglia 40, perché quaranta devono essere le associazioni partecipanti, che queste devono avere sede a Pisa e esser state formate da almeno due anni; che tali associazioni si presumere debbano essere a scopo di lucro, altrimenti come potrebbero pagare gli alti oneri previsti? Ancora, sotto la scritta “Made in Pisa”, l’etichetta del Bando per la Casa delle Associazioni, riporta altre clausole: chiunque voglia indossarlo non può avere pendenze (ossia vertenze in sospeso, non condanne) per occupazione, né potrà indossarlo chi intenda svolgere la propria attività associativa nel territorio senza dover render conto a controllori. E’ prevista infatti la supervisione politica delle attività da parte della Giunta Comunale, il cui parere sarà dirimente per la concessione degli spazi della Leopolda (che è sempre la Casa delle Associazioni di cui sopra) nonché di eventuali contributi.

Leggi tutto...
 

Alla corte di Filippeschi, il bando sbanda

rebel theater Il Rebeltheater del Progetto Rebeldia si congratula con l'amministrazione comunale di Pisa per l'esemplare farsa messa in piedi per  la gestione di uno spazio così importante come l'ex Stazione Leopolda.

- La retorica della legalità e della trasparenza si è tradotta, senza troppi colpi di scena, nelle arbitrarie condizioni sulle caratteristiche del soggetto richiedente: 40 associazioni formate da più di 2 anni da reperire nei 20 giorni di apertura del bando. Ovvero un bando ritagliato per l'attuale comitato gestore della Leopolda.

- Come i mecenati rinascimentali, che amavano circondarsi da artisti che contraccambiavano ponendo la propria arte al servizio del potere rappresentato dai loro benefattori, dando così prestigio alle loro corti, così la Giunta comunale di Pisa pone il controllo e la supervisione politica della programmazione delle attività delle associazioni come passo necessario per confermare il contributo pubblico, nonché determinante per la stessa assegnazione del bando.

Leggi tutto...
 

Non è un film di fantascienza! È uscito davvero il bando per la Leopolda, e che bando!

cinemaltrove Dopo anni di proroghe è stato pubblicato il bando per la Stazione Leopolda. Un bando dovrebbe essere uno strumento di democrazia, pensato per dare la possibilità a tutti di potervi partecipare senza privilegi per l'una o l'altra parte. Invece quello che è venuto fuori in questi giorni è qualcosa che va ben oltre ogni effetto speciale. Non siamo di fronte, però, a un film di fantascienza, bensì a un film drammatico. Da un lato l'evidente costrizione delle associazioni no-profit eventuali vincitrici del bando a vincoli e sudditanze che snatureranno l'identità delle stesse, costringendole a diventare attività commerciali per poter pagare l'oneroso affitto.
Dall'altro, si parla addirittura di stipendi per i dipendenti. Dipendenti di chi? Ma non è tutto. Le attività dovranno passare dalla supervisione politica della Giunta comunale. Sì, siamo sconfinati nel cinema fanta-politico, o forse siamo già arrivati direttamente dentro Matrix.

Leggi tutto...
 

Hanno la faccia come il bando.

cinemaltroveL'affaire Leopolda, ovvero della distanza intergalattica che separa la Giunta comunale di Pisa dalla partecipazione e la democrazia

Come Osservatorio antipro del Progetto Rebeldía vogliamo comunicare alla città la nostra posizione sulla questione del bando della Leopolda. Riteniamo che l'attuale gestione di uno spazio così importante come l'ex Stazione Leopolda rappresenti in maniera chiara un modello di rapporto sbagliato e dannoso tra il potere politico e la città viva e vissuta.

Sorvolando sulle gaffes dell'Assessora Maria Paola Ciccone che ha ritirato il bando dopo soli tre giorni dalla sua pubblicazione, rivelando preoccupanti errori e imbarazzi nella gestione delle politiche sociali, ciò che non ci convince del bando così come è stato presentato sono i seguenti punti:

Leggi tutto...
 

Parte a Pisa la Campagna di Obbedienza civile

acqua obbedienza civile autoriduzione  pisa
Il Comitato Acqua Bene Comune Pisa  lancia  nel nostro territorio, la "campagna di obbedienza civile" promossa dal Forum Nazionale dei Movimenti per l’Acqua per l'applicazione del 2° quesito referendario. Con la pubblicazione del decreto del Presidente della Repubblica, 18 Luglio 2011, n. 116 (Gazzetta Ufficiale  Serie Generale n. 167 del 20 Luglio 2011), è stata sancita la vittoria referendaria, sostenuta da  27 milioni di cittadini italiani che il 12 e 13 giugno 2011 hanno votato per l'abolizione della remunerazione del capitale investito dalle bollette dell'acqua.

La Corte costituzionale con la sentenza n. 26 del 2011, con la quale ha dichiarato costituzionalmente ammissibile il quesito referendario, aveva chiarito che l'esito di questa abrogazione è direttamente applicabile, e "non presenta elementi di contraddittorietà", rendendo cioè immediatamente praticabile  la riduzione della tariffa senza attendere alcun ulteriore intervento legislativo.

Leggi tutto...
 

Alla Valle che resiste…

Haidi Giuliani Ho negli occhi Luca che viene giù dal traliccio. Non riesco a togliermi la sua immagine dalla mente, neppure ora che è fuori pericolo. Perché è la parte migliore del nostro paese che cade con lui.

 

E si fa male, molto male.

 

Avrà a lungo bisogno di cure per rimettersi in piedi, questo paese assaltato dal proprio Stato, prima di poter dire che è fuori pericolo. Non sto parlando di economia, naturalmente, di spread, di banche, di borse, di tutte quelle diavolerie che Lorsignori usano per assoggettare intere popolazioni.

 

Penso alla coscienza civile, alla morale; a quel sentimento di solidarietà, di condivisione, di rispetto per la vita e la storia del territorio che voi dimostrate e che ha portato Luca sul suo traliccio. Un tesoro prezioso per la convivenza umana che viene quotidianamente misconosciuto, aggredito, messo in pericolo da uno Stato che avrebbe il compito di preservarlo.

Leggi tutto...
 

Una condanna prima della sentenza

diritti migranti sentenza condannaAntonella De Vito

Ibadet Dibrani è una giovane donna rom molta coraggiosa. Un coraggio che in questo momento le nasce dalla disperazione, ma che le conferisce comunque la caratteristica di una donna forte e combattiva, non disponibile ad arrendersi alla logica e al potere di un’amministrazione comunale che da una parte dà e dall’altra toglie sulla base di logiche e principi che lasciano molti dubbi. Oggi Ibadet ha 34 anni e con i suoi 5 figli, la cui più piccola ha solo 9 mesi, è stata sfrattata dalla casa dove viveva da oltre un anno. Da una piccola e vecchia roulotte sistemata a pochi metri dall’abitazione, senza vestiti per potersi cambiare e con poche coperte per tutti i bambini, continua a chiedersi perché ce l’hanno proprio con lei. “È la prima volta che qualcuno della nostra etnia, arriva fino alla Corte d’Assise” spiega Ibadet. I suoi figli, tutti minorenni, sono Belen di 9 mesi, Corona di due anni e mezzo, Merema di 12 anni, Ekrem di 13 e Toni di 15. Tutta la famiglia raggiunge gli onori delle cronache nel 2010 quando ad appena due mesi dal matrimonio, la moglie di suo figlio Toni decide di rompere l’unione accusando il marito e tutta la sua famiglia, di averla rapita, violentata e trattata da schiava. I giornali locali si gettano sulla storia battezzando il caso come “la sposa bambina” dividendo subito i protagonisti della vicenda fra buoni e cattivi. Toni ha 15 anni e così sua moglie, anche se sugli organi d’informazione alla sposa, per essere ancora più bambina, attribuiscono 13 anni, e le fanno indossare le vesti della giovane eroina, che denunciando i suoi aguzzini infonde il coraggio per ribellarsi, ad altre coetanee nelle sue condizioni. Questa la storia letta sulla stampa.

continua a leggere

 

Africa Insieme sulle reti anti-ambulanti

un rete di recinzione ad alta sicurezzaCOMUNICATO STAMPA

Aberrante, disumana, e anche un po’ grottesca. Difficile definire diversamente quella che sembrerebbe l’ultima trovata dell’Amministrazione comunale: l’ipotesi di costruire sul Litorale una “barriera” – una rete di recinzione, una staccionata in legno o chissà che altro – per impedire le fughe degli ambulanti stranieri durante le “retate” dei vigili urbani. Un’idea affidata ad un’anticipazione di stampa, confermata a mezza bocca da un assessore, non smentita dal Sindaco: ma, almeno per ora, mai scritta nero su bianco su documenti ufficiali o atti amministrativi. 
Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 Pross. > Fine >>

Risultati 1285 - 1296 di 1318
Joomla SEF URLs by Artio