Appello per dire NO al Daspo Urbano

Riparte anche a Pisa la cosiddetta “lotta al degrado”: siamo di fatto in campagna elettorale, la Lega Nord ha già conquistato il Comune di Cascina, e qualcuno pensa che per avere consensi si debbano inseguire le parole d’ordine di Salvini.

Così anche a Pisa si ricomincia a parlare di “sicurezza” e di “ordine pubblico”: e lo si fa in modo ideologico, propagandistico, a scopo evidentemente elettorale. Così, non ci si interroga sulla vivibilità dei quartieri, sulle nuove forme di esclusione sociale, e nemmeno sulle possibili minacce all’incolumità fisica dei cittadini pisani, dei residenti o dei turisti, su cui pure sarebbe interessante e utile discutere. Ci si accontenta invece delle solite affermazioni da marketing elettorale: per garantire sicurezza, si dice, bisogna allontanare mendicanti, senza fissa dimora, venditori ambulanti, immigrati.

E così, ancora una volta, si confondono e si mescolano in un unico calderone povertà, disagio sociale e criminalità: scippatori e rapinatori sono assimilati ai senza fissa dimora, tanto che si emana un’ordinanza che vieta di dormire nelle panchine pubbliche… ma davvero si pensa, con questi provvedimenti al limite del ridicolo, di affrontare i problemi reali della città, anche quelli relativi alla sicurezza?

È in questo contesto che si cerca di applicare a Pisa il cosiddetto Decreto Minniti, divenuto ora Legge n. 48 del 2017, “Disposizioni urgenti in materia di sicurezza delle città”. Si tratta di una norma fortemente contestata, che amplia a dismisura i poteri di ordinanza dei Sindaci (come già avevano fatto, con modalità non troppo diverse, le norme del “Pacchetto Sicurezza” berlusconiano poi bocciate dalla Corte Costituzionale).

L’applicazione a livello locale della legge Minniti prevede, in particolare, l’uso del cosiddetto “Daspo urbano”: il sindaco, in collaborazione con il prefetto, potrà multare e poi impedire l’accesso ad alcune aree della città per chi «ponga in essere condotte che limitano la libera accessibilità e fruizione» di infrastrutture di trasporto (strade, ferrovie etc.). La definizione, come si vede, è molto ampia, poco determinata, e lascia ampio margine ad un uso discrezionale e arbitrario.

Nella nostra città, in particolare, il Daspo urbano – misura di limitazione della libertà personale – è stato invocato contro i venditori ambulanti senegalesi: la sua applicazione, dunque, non avrebbe nulla a che fare con la tanto sbandierata “sicurezza”. Sarebbe piuttosto un provvedimento rivolto contro le fasce più vulnerabili dell’immigrazione. Una misura contro i poveri, insomma.

Ed è proprio questa la cifra delle leggi Minniti: colpire i poveri, allontanarli dallo spazio urbano, o almeno dai centri storici. I poveri fanno degrado, si dice, ed è meglio nascondere la polvere sotto il tappeto. Ma proprio questa concezione è un pericolo per la democrazia e per lo stato di diritto del nostro paese. Trattare la povertà con misure di allontanamento significa tornare indietro di almeno un secolo, annullare le conquiste del welfare, negare lo spirito, e probabilmente anche la lettera, del dettato costituzionale. Tutto questo, evidentemente, ha ben poco a che fare con la tutela della sicurezza dei cittadini…

Per questo, sulla scia di importanti appelli lanciati a livello nazionale dall’Associazione Antigone e dai Giuristi Democratici, chiediamo al Sindaco di non inseguire il linguaggio leghista, e di riaprire una discussione sui nodi dell’esclusione sociale, delle nuove marginalità, della vivibilità dei quartieri. Riaprire la fallimentare stagione delle ordinanze, promuovere i Daspo urbani, lanciare ancora una volta la guerra a mendicanti e venditori, significherebbe non affrontare i problemi reali della città. E vorrebbe dire perpetuare quella guerra ai poveri che non ci pare aver prodotto brillanti risultati, nemmeno sul terreno della sicurezza.

Leggi tutto...
 

Progetto Caserme: arriva l'accordo per la speculazione

Progetto Caserme: arriva l'accordo per la speculazione … finalmente dichiarata.

distretto42prima.jpgDopo solo 16 anni, il Progetto Caserme è a una svolta decisiva: Comune e Demanio avvieranno un 'tavolo tecnico' per elaborare un nuovo progetto. L'obiettivo, l'imperativo guida di quest'amministazione, in accordo con il Ministero della Difesa, è vendere, anzi svendere il patrimonio pubblico.

Nonostante 'le sopraggiunte difficoltà sotto il profilo economico-finanziario connesse alla sostenibilità dell'operazione' – queste le premesse giustificative del nuovo accordo che per anni hanno tenuto nello scacco dell'abbandono e del degrado una grande porzione del tessuto del centro cittadino – non siano mutate, l'amministrazione persiste nella scelta di privare la comunità di beni di grande valore economico e sociale.

Completamente ignorato il percorso partecipativo che per un anno e mezzo ha coinvolto decine di associazioni e migliaia di cittadini nell'elaborazione di un progetto di recupero alternativo sul piano economico e sociale che realmente potesse valorizzare i migliaia di metri quadri delle caserme, costituirne una funzione sociale e rispondere concretamente e immediatamente ai bisogni reali del quartiere e di tutta la città. Inascoltate le proposte dei cittadini nonostante ci fosse un ampio margine d'inclusione nella nuova formulazione d'accordo. Proposte tanto concrete e fattibili, come dimostrato dai 2 mesi di occupazione del Distretto 42, da dover essere stroncate dalle forze dell'ordine affinché il sogno di rimpolpare le casse del Comune potesse rimanere tale.

Leggi tutto...
 

Appello: Verità e giustizia per Ibrahim

Il Progetto Rebeldìa sottoscrive l'appello Verità e giustizia per Ibrahim

banner-ibra.jpg

Ibrahim Manneh aveva 24 anni, era nato in Costa d’Avorio, era cresciuto in Gambia e da anni viveva qui a Napoli. Ibrahim è morto nella notte tra il 9 e il 10 Luglio di malasanità e di razzismo. I suoi amici, i suoi familiari, i suoi compagni, non sanno ancora come sia stato possibile morire così. Eppure, ciò che ha ucciso Ibrahim non è frutto del caso: il semplice racconto delle sue ultime 24 ore di vita è esemplare dello stato attuale di questo Paese, del clima di odio e di indifferenza all’interno del quale vogliono gettarci,  di un sistema ingiusto e spietato dove i diritti più elementari vengono negati.

Scriviamo questo appello per mandare un messaggio chiaro: non possiamo far finta di niente, riteniamo sia doveroso far emergere tutta la verità sulle ultime ore di vita di Ibrahim e che venga fatta giustizia perché quanto successo non accada più.

 

Leggi tutto...
 

Appello per una gestione civica di Mondeggi

Il Progetto Rebeldìa aderisce all'appello per una gestione civica della Fattoria Senza Padroni - Mondeggi Bene Comune.

 

APPELLO DA DOCENTI, RICERCATORI, STUDIOSI E DALLA SOCIETÀ CIVILE PER IL MANTENIMENTO DELLA GESTIONE DEL BENE COMUNE NELLA FATTORIA DI MONDEGGI A BAGNO A RIPOLI – FIRENZE

Circa tre anni fa un folto numero di accademici di molte università italiane e di studiosi di vari centri di ricerca manifestarono tramite un appello la loro contrarietà all’alienazione della Fattoria di Mondeggi, una tenuta pubblica che versava in stato di abbandono, chiedendo alle pubbliche amministrazioni di immaginare un futuro diverso dalla vendita, assieme a tutta la vasta e variegata comunità che la stava facendo rivivere impegnandosi a trasformala in “bene comune”. Oggi nuovamente sentiamo il bisogno di intervenire perché sebbene da un lato la comunità che si prende cura di Mondeggi si è ingrandita e consolidata, dall’altro la pubblica amministrazione continua a perseguire la strada dell’alienazione, ignorando ciò che sta succedendo in quelle terre ed evitando un confronto serio teso a dare spazio a quel progetto nato dal basso, che ha mobilitato tanta energia sociale e solidale.

 

Leggi tutto...
 

Pisa può essere una città davvero accogliente?

La nostra risposta è sempre stata e sarà sempre sì.

pisa_san_rossore_accoglienza_profughi2.jpgBasterebbe davvero poco per garantire la vivibilità dei luoghi d'accoglienza e i diritti per quei migranti che fuggono da ogni genere di pericolo, violenza e abuso, che incontrano sia nel proprio paese, sia durante il viaggio.

Il problema, come sempre, è la volontà di prendersi carico e strutturare un'accoglienza dignitosa, senza “scaricare il barile” appellandosi ai “numeri dell'accoglienza” o riferendosi esclusivamente a chi finora ha avuto il mandato di gestirla, ovvero la prefettura. Da anni lo ripetiamo, a fronte di un'amministrazione affetta da una sorta di sordità selettiva: è necessario semplicemente abbandonare il concetto di emergenza e iniziare a gestire un fenomeno che nessun ripristino delle frontiere riuscirebbe comunque a fermare.

Alla Polveriera nel quartiere del CEP, ma è così in molti altri centri, ci raccontano una situazione di sovraffollamento, con circa una settantina di ospiti stipati nella struttura in muratura e in alcuni container che si trovano all'ingresso dello spazio demaniale, gestito dalla Croce Rossa. 

I letti presenti nei container sono separati da pochi centimetri. Durante il sopralluogo che abbiamo svolto non è stato possibile verificare la presenza di aria condizionata, ma poco importerebbe, a fronte della totale mancanza di spazio vitale. 

Da tempo proponiamo soluzioni fattibili e a costo zero: la messa a disposizione da parte dell'amministrazione di più spazi tra i molti inutilizzati in città - adatti all'accoglienza sia di adulti sia di minori non accompagnati - e l'aumento della disponibilità di posti in SPRAAR, riducendo così l'accoglienza d'emergenza.

Si tratta di semplici raccomandazioni di buon senso, sponsorizzate anche dall'ANCI, ma che a Pisa vengono colpevolmente ignorate dal governo cittadino.

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 1 - 9 di 2016
Joomla SEF URLs by Artio