Lo “Sportello D-Scream- Osservatorio sulle discriminazioni” attivo da oggi.

371.3971573

logo_dscream.pngLo “Sportello D-Scream- Osservatorio sulle discriminazioni” attivo da oggi.

Nasce a Pisa lo Sportello D-Scream, un'osservatorio che svolgerà funzione di monitoraggio degli eventi discriminatori, ma anche effettuerà monitoraggio attivo sulle discriminazioni istituzionali che sempre più creano diseguaglianze a livello sociale amplificando di fatto gli effetti della crisi che stiamo vivendo da anni.

D-Scream vuole costituire in città e non solo un punto di riferimento nel caso in cui una persona sia vittima e/o testimone di un fatto discriminatorio.



Leggi tutto...
 

Violenza istituzionale verso la comunità LGBTI

Prosegue la violenza istituzionale del Comune di Pisa verso la comunità LGBTI

Abbiamo appreso con sconcerto che nei giorni scorsi la Giunta del Comune di Pisa ha deliberato di non dare attuazione a “Ready For Visibility”, una campagna di sensibilizzazione contro le discriminazioni verso le persone LGBTI (lesbiche, gay, bisessuali, transgender, intersessuali) rivolta alla cittadinanza. Il progetto era stato già approvato dal Comune nello scorso mese di Maggio, e finanziato dalla Regione Toscana nell’ambito dell’accordo denominato “Rete RE.A.DY”, la Rete Nazionale delle Pubbliche Amministrazioni Anti Discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere.

Leggi tutto...
 

Non può piovere per sempre? A Pisa sì.

img_8602.jpgNon può piovere per sempre? A Pisa sì.


Un'incessante pioggia di idranti per annaffiare il marmo e cemento, alle ordinanze si aggiungono le idropulitrici, ma a Pisa si sa piove spesso sul bagnato.
È questa è la nuova trovata della giunta leghista, caldeggiata dal (dis)onorevole Edoardo Ziello. Tale provvedimento ci impone di prendere parola sulla sua inutilità, ma anche sulla continuità - in contrapposizione forte alla retorica del "governo del cambiamento” - con le precedenti misure adottate dal Partito Democratico, a Pisa come in molte altre città, tra le quali spicca la Firenze di Nardella.

Non produci, non consumi? Crepa!

Percepiamo distintamente questa lotta contro il "degrado" come il rinnovato tentativo di diffondere e radicare un'idea di decoro fortemente discriminatoria, che agisce sui soggetti più vulnerabili della popolazione e su quella parte di città che esprime dissenso rispetto alle politiche attuate. Il decoro è ciò che viene proposto e imposto a un ceto medio impoverito e impaurito e a tutti coloro i cui desideri e passioni non sono facilmente esauribili nella società dei consumi. Il decoro giustifica politiche nazionali e locali volte a tenere a bada i soggetti che di volta in volta vengono identificati come "devianti": i giovani, le donne, i migranti, "coloro che bivaccano", per poi indirizzare su di loro paure e malcontento.
Il richiamo al decoro è parte integrante di un progetto politico che non afferra i reali problemi della città: dall'emergenza casa ai continui sfratti, dalle enormi possibilità di speculare sui piani urbanistici fino alla radicale assenza di politiche sociali e culturali che affrontino i bisogni della presenza studentesca in una città che fonda gran parte della sua economia sull'indotto universitario. La crisi economica morde e la Lega trova sempre nuovi nemici: dopo il migrante è il turno della manipolazione degli spazi pubblici come le piazze, le quali non possono più essere vissute per un incontro al di fuori dei canoni costituiti, per mangiare un panino in compagnia o suonare una chitarra.


 
Leggi tutto...
 

Radio Roarr is back

Radio Roarr riparte
RadioRoarr.gif






 

 

Segui sulla pagina facebook di Radio Roarr i podcast della stagione 2018/2019:


Leggi tutto...
 

10 novembre Indivisibili

10 novembre, manifestazione nazionale | Uniti e solidali contro il governo, il razzismo e il decreto Salvini

Il Progetto Rebeldìa aderisce alla manifestazione nazionale del 10 Novembre

 10novembre2018.jpg

L’assemblea che si è svolta domenica 14 ottobre a Roma, dopo un’intensa discussione che ha fatto emergere l’urgenza di una presa di parola collettiva contro la deriva razzista e fascista del paese, ha deciso di lanciare una sfida al governo cogliendo il tempo della conversione in legge del Decreto Salvini su immigrazione e sicurezza, considerato un preoccupante attacco generalizzato ai diritti e alle libertà di tutti e tutte. Di seguito i punti della piattaforma approvata e l’appello a tutte le realtà sociali e politiche, ai cittadini e alle cittadine di aderire e partecipare.
È il momento di reagire, mobilitarsi e unirsi contro gli attacchi del governo, a cui Minniti ha aperto la strada, contro l’escalation razzista e il decreto Salvini che attacca la libertà di tutte e tutti.
  • Per il ritiro immediato del Decreto immigrazione e sicurezza varato dal governo. NO al disegno di legge Pillon.
  • Accoglienza e regolarizzazione per tutti e tutte.
  • Solidarietà e libertà per Mimmo Lucano! Giù le mani da Riace e dalle ONG.
  • Contro l’esclusione sociale.
  • No ai respingimenti, alle espulsioni, agli sgomberi.
  • Contro il razzismo dilagante, la minaccia fascista, la violenza sulle donne, l’omofobia e ogni tipo di discriminazione.
Per queste ragioni convochiamo una MANIFESTAZIONE NAZIONALE pacifica, solidale, accogliente e plurale per sabato 10 novembre a Roma, ore 14.00 Piazza della Repubblica.
Piattaforma approvata dall’assemblea antirazzista del 14 ottobre a Roma

 

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 19 - 27 di 2059
Joomla SEF URLs by Artio