Solidarietà a Mala Servanen Jin Occupata

msjoccupata.jpg

Fin dall'inizio della rivoluzione in Rojava, la regione siriana a maggioranza curda che si è dichiarata autonoma e sta sperimentando un governo inedito del proprio territorio, il ruolo della donna è stato completamente riscritto dalle donne stesse, organizzate in comuni, protagoniste di una rigenerazione profonda delle relazioni umane e politiche, contro la frammentazione sociale prodotta dal sistema capitalista e patriarcale. Il femminismo del popolo kurdo è per noi un esempio poiché - come lo zapatismo messicano - è fra i pochi movimenti a saldare la questione di genere a quella di classe e alla radicale messa in discussione di ogni nazionalismo, in favore di una declinazione inedita di un progetto federalista internazionalista.
 
Mala Servanen Jin, “la casa delle donne che combattono” , nasce a Pisa nella notte tra l'8 e il 9 marzo, all'indomani dello sciopero globale femminista , e raccoglie non solo lo spirito dell'esperienza curda, ma soprattutto il bisogno di tante di riappropriarsi di uno spazio di auto-determinazione e messa in comune di bisogni, difficoltà, battaglie quotidiane per il diritto all'abitare, alla salute, per condizioni di lavoro dignitose. 
 
Tante donne in lotta contro soprusi e discriminazioni sul luogo di lavoro e di formazione, tra le mura domestiche, di fronte ai servizi sociali e a tutte quelle figure istituzionali che dovrebbero proteggere e garantire diritti, piuttosto che umiliare e marginalizzare, hanno riaperto uno spazio dismesso per trasformarlo in un luogo dove far fronte all'emergenza abitativa e dove ritrovarsi per raccordare le lotte sociali, quelle già accese e quelle a venire. 
 
Lo spazio in questione è l'ex centro di accoglienza per richiedenti asilo di via Garibaldi, di proprietà comunale, colpevolmente abbandonato a seguito del varo di un piano di ristrutturazioni che non è mai partito e che al momento non è tra le priorità, come ha dichiarato l'assessora Capuzzi . Da anni denunciamo la chiusura di questo spazio  (gli abbiamo dedicato una schedatura e una proposta di riqualificazione nel dossier Riutilizziamo Pisa ) dove sarebbe stato possibile strutturare una dignitosa accoglienza, mentre si continuano a preferire soluzioni di stampo emergenziale, che non contribuiscono a disinnescare allarmi sociali divenuti ormai strutturali. 
 
Mala Servanen Jin può rappresentare un esperimento socio-abitativo tutto da immaginare, che scardina l'idea di contingenza con cui le istituzioni cittadine erogano servizi insufficienti, scadenti, intermittenti e che prova a rompere la solitudine in cui troppo spesso tante si ripiegano di fronte a condizioni di vita divenute degradanti. Per questo inviamo un messaggio di solidarietà a tutte coloro che stanno rendendo possibile quest'esperienza. 
 
Auspichiamo che l'amministrazione comunale avvii immediatamente un dialogo per supportare attivamente questo progetto di recupero e non scelga la violenza di un inutile e forzato sgombero come strumento di risoluzione delle problematiche sociali emerse.

 


pisa, 14 Marzo 2017
Progetto Rebeldia

 
 

Silos in centro. Stravolgere la realtà a fini di lucro.

sanmartino_views.jpg

La proposta di Conf-Commercio per il centro storico, ovvero la riconversione di immobili abbandonati in silos per parcheggi, rappresenta per noi del Progetto Rebeldìa un progetto aberrante e prettamente speculativo, che invece di mirare al riutilizzo degli spazi dismessi deturpa il centro storico e peggiora la qualità della mobilità e della vita per tutta la cittadinanza. 

Da anni ribadiamo l'importanza del recupero e della riqualificazione degli edifici in stato di abbandono e siamo contenti che finalmente anche Conf-Commercio si sia accorta di questa piaga che affligge la città, ma allo stesso tempo sosteniamo che l'orientamento del recupero degli immobili dovrebbe essere di tipo sociale e su di esso dovrebbero poter prender parola le cittadine e i cittadini.

Sappiamo bene che l'ex distretto militare di via Giordano Bruno, bene pubblico, è stato tenuto per decenni inaccessibile alla cittadinanza, gli 8000 metri quadri di parco pubblico sono stati lasciati all'incuria, un vero e proprio polmone verde è stato sottratto al centro città, mentre pochi privilegiati, militari semplici e alte cariche, ne usufruivano a mo' di parcheggio privato. 

Quando le associazioni e i soggetti facenti parte del Municipio dei Beni Comuni hanno proposto la valorizzazione di quel luogo dall'alto potenziale aggregativo e dal grande valore naturalistico, l'amministrazione comunale ha negato qualsiasi apertura: non ci appare migliore, in termini di vivibilità e utilità, quella di ricoprire con metri cubi di mortale cemento una parte che quotidianamente viene attraversata a piedi o al più in bicicletta dalla maggior parte dei cittadini pisani, aumentando in maniera esponenziale il traffico da e verso una parte centrale della città.

Leggi tutto...
 

Gli ambulanti incontrano i Capigruppo del Consiglio Comunale

Pisa, 13 Marzo 2017


Il 10 Marzo scorso una rappresentanza dei venditori ambulanti, in gran parte senegalesi, è stata ricevuta dalla conferenza dei capigruppo del consiglio comunale.

L’incontro si è svolto , su proposta degli stessi venditori, per provare da un lato a raccontare nella sua complessità la situazione che ogni giorno troviamo nelle strade di Pisa e nei parcheggi, sia centrali che periferici; dall’altro lato per individuare, con il dialogo e non con “raid” e operazioni poliziesche, possibili soluzioni che tengano conto anche delle istanze di questa componente lavoratrice della città.


Leggi tutto...
 

Giornate di aperture straordinarie per un ordinario sfruttamento

l “giro delle mura storiche”, attualmente fiore all'occhiello delle attrazioni turistiche pisane, è reso possibile, fin dalla sua inaugurazione, solo attraverso l'impiego di lavoro non retribuito, che coinvolge circa 200 “volontari”.


migranti_mura.jpgUna scelta che si colloca a pieno nell'ambito della progressiva precarizzazione degli inquadramenti contrattuali che, dal tempo determinato al voucher giornaliero, ha condotto inesorabilmente verso il lavoro gratuito, un sistema che ci viene narrato come imposto dalla recrudescenza della crisi economica, mentre si tratta di uno strumento per far crescere i profitti abbattendo i costi della manodopera. La retorica attorno al lavoro volontario si erge su un senso comune ormai strutturato:
«la mancanza risorse economiche ce lo impone», ci dicono gli amministratori;«meglio lavorare gratis oggi, magari poi mi fanno un contratto», si sente ancora troppo spesso dire da chi lavora gratuitamente, tenuto in pugno dalla promessa che, una volta terminata la “gavetta”, il periodo di “formazione e specializzazione”, lo “stage”, il curriculum risulti arricchito da quell'esperienza e chissà che non si profili un futuro di lavoro regolare. Nessuno vuole certo togliere valore al volontariato, a partire dalle nostre stesse attività, condotte interamente a titolo volontario, ma esso non può sostituire quello che le amministrazioni non riescono a realizzare, non per mancanza di risorse, ma secondo una volontà politica
.

Leggi tutto...
 

Il caporalato nei vigneti Toscani

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 55 - 63 di 2036
Joomla SEF URLs by Artio