Prossimi eventi
Nessun evento in programmazione

UN CALCIO AL PALLONE E UNO AL RAZZISMO

MONDIALI REBELDI 2016  10 GIUGNO - 10 LUGLIO 
UN CALCIO AL PALLONE E UNO AL RAZZISMO

logo_mr2016.jpg
Lo storico mondiale rebelde raggiunge nel 2016 la sua undicesima edizione. 
In una stagione segnata dal dramma di chi per mare e per terra va alla ricerca di una vita migliore a repentaglio della vita, con nazioni che rinverdiscono la pratica ignobile dei muri e con l'evocazione sconsiderata quanto disinvolta di un clima di perenne emergenza, il mondiale rebelde rappresenta una finestra alternativa sul mondo, sul calcio popolare, senza padroni né confini. 
Appuntamento fisso dell'inizio estate pisano, anche quest'anno il mondialito sarà giocato sul campo del Circolo Arci 'Pisanello' di Oratoio, in via Marsala, organizzato dal Progetto Rebeldia con la collaborazione tecnica della Lega Calcio Uisp - Comitato di Pisa e il supporto logistico della stesso circolo 'Pisanello'.

Saranno 24 le squadre che si fronteggeranno, tra di esse buona parte delle realtà migranti locali, a partire da quelle più radicate e nel tessuto cittadino; alle 'nazionali' si accosteranno le squadre in rappresentanza di quelle associazioni che fanno dell’antirazzismo, dell’accoglienza e dell’inclusione sociale un punto insindacabile. 
Inoltre, per quest'undicesima edizione, sull'erba sintetica di Pisanello si affronteranno ben quattro squadre composte da richiedenti asilo, seguite dalla cooperativa Arnera di Pisa e dalla cooperativa Odissea di Capannori.

Leggi tutto...
 

Cena Mondiale

mr2016_cena_inagurazione.jpg
 

Contagio, Potere, Sicurezza e Migranti

 Ass. Capuzzi caso esemplare di discriminazione
diventa oggetto di studio scientifico

ebola.jpg

E' uscito da poco il numero 1/2015 della rivista di sociologia giuridica "Studi sulla questione criminale", essa si sforza di osservare criticamente il rapporto tra diritto penale e sociologia della devianza, della criminalità e del controllo sociale. 
Questo numero è interamente dedicato alla questione della "sicurezza" e alle sue declinazioni nell'Italia di oggi, attraversata da nuove ondate di razzismo, xenofobia e repressione sociale. Dagli anni Novanta infatti, in Italia abbiamo assistito all'emergere simultaneo di due fenomeni sociali: la crescita progressiva della presenza di migranti e l’assunzione di un ruolo centrale di sindaci e assessori non soltanto nel governo amministrativo della città, ma anche nell'intervento – in prima persona – in questioni nazionali, le quali hanno avuto dirette e decisive conseguenze sul piano locale. La presenza di diverse forme di marginalità e devianza viene percepita come un problema per la vivibilità dello spazio urbano attivando soluzioni emergenziali di tipo punitivo. Come Progetto Rebeldia mettiamo in luce un saggio dedicato alla città di Pisa, caso studio esemplare per aver alimentato la discriminazione razziale e spaziale nei confronti dei profughi attraverso la paura della diffusione della malattia dell'Ebola. 
Leggi tutto...
 

Sosteniamo il CNMS contro Assoconciatori

Lo struzzo del cuoio insabbia e colpisce basso contro un nuovo modello di sviluppo.

conceria.jpg

Apprendiamo con sconcerto delle dichiarazioni di Franco Donati, presidente dell'Associazione Conciatori che attaccano e diffamano Francuccio Gesualdi, Papa Demba e tutto il Centro Nuovo Modello di Sviluppo di Vecchiano.

Tali esternazioni vengono mosse a seguito dell’inchiesta realizzata dal Centro Nuovo Modello di Sviluppo (CNMS) e dalla Campagna “Abiti Puliti. Una dura storia di cuoio” che analizza la situazione lavorativa nell’industria della concia italiana. La ricerca, parte del progetto “Change Your Shoes”, focalizza l’attenzione su quella che viene definita la Repubblica del Cuoio: il distretto produttivo di Santa Croce.

Condanniamo fermamente il modo di Assoconciatori di approcciarsi a una simile questione, ovvero attaccando le persone e le associazioni di volontariato invece di concentrarsi sui contenuti.

Leggi tutto...
 

LA SDS TAGLIA IL CENTRO ANTIVIOLENZA

 IL PROGETTO REBELDIA è VICINO
ALLE RIVEDICAZIONI DELLA CASA DELLA DONNA DI PISA

iostoconlacasa.jpg

La Società della salute della zona pisana, contrariamente alle notizie-slogan apparse sui giornali per bocca dell'assessore Capuzzi, ha confermato i tagli a numerosi servizi come quello che la Casa della Donna offre alle donne vittime di violenza. Il finanziamento al centro antiviolenza verrà quindi ridotto del 35%! Questo significa chiaramente ridurre i servizi di ascolto, i colloqui, le terapie psicologiche e le consulenze legali. Nell'ultimo triennio il progetto aveva visto aumentare il numero delle donne accolte, fino ad arrivare a 741. Donne che non sono andate al pronto soccorso, che non hanno avuto bisogno di essere accolte in emergenza e - infine - che sono riuscite ad iniziare un percorso per uscire dalla spirale di violenza.

Questi tagli significano che la donna vittima di violenze e maltrattamenti sarà abbandonata solamente ad una soluzione medica, dovrà recarsi come un malato qualunque al pronto soccorso aggravando ancora di più un servizio sanitario che anch'esso è paralizzato per i tagli alla sanità. 

E' lecito pensare che il Comune di Pisa, l'assessorato ai servizi sociali e la Società della Salute non comprenda l'importanza del lavoro delle operatrici, delle consulenti, delle volontarie che hanno sostenuto le donne nel percorso lungo e difficoltoso di reinventarsi un progetto di vita al di fuori della violenza.


Leggi tutto...
 

Zerocalcare a Pisa

 Sabato 11 Giugno presso il polo F d'Ingegneria 

zerocalcare_locandina.jpg

Leggi tutto...
 

CinemAlt continua alla Balalaika

 

locandina_secondaparte.jpg

Ancora Per tre martedì CinemAltrove sarà ospite presso il circolo Balalaika, ancora tre visioni speciali dedicate al tema "Monsters":

martedì 31 maggio: 
MA COME SI PUO' UCCIDERE UN BAMBINO? di Narciso Ibáñez Serrador, 1976
trailer: https://www.youtube.com/watch?v=L77eOCmTK8w

martedì 7 giugno: 
WAMPYR (Martin) di George A. Romero, 1978
trailer: https://www.youtube.com/watch?v=AGNsUj1cTyA

martedì 14 giugno: 
BABADOOK di Jennifer Kent, 2014
trailer: https://www.youtube.com/watch?v=k5WQZzDRVtw

ore 21:30
ingresso gratuito.

 

Mondiali Rebeldi 2016

dal 10 giugno al 10 lugio presso il Circolo Arci di Pisanello
 

IL DIRITTO DI MANIFESTARE NON IN VENDITA

2016_canapisa_fideiussioni.jpg
Non era mai successo, né al Canapisa, né ad altre manifestazioni politiche che si concedesse «Parere favorevole (…) previo versamento di una cauzione, o stipula di polizza fideiussoria bancaria in favore del Comune di Pisa, di euro 5.000 a garanzia di eventuali danni (…) che dovrà essere pagata per il ritiro della concessione», così si legge nella missiva firmata dalla responsabile dell’ufficio Canone di occupazione di spazi ed aree pubbliche (Cosap), Susanna Falsetti. Alla street parade antiproibizionista che da 16 anni porta nella città della Torre pendente quasi 10 mila persone che chiedono un cambio di paradigma sulle sostanze - ora illegali - si chiede una cauzione in denaro per permettere un corteo. Mentre a Roma si prepara una nuova legge sulla sicurezza urbana, a Pisa si tenta di creare un primo laboratorio maggiormente repressivo sul fronte della gestione dell'ordine pubblico, dove i cortei e le manifestazioni le potranno fare solo coloro i quali possono permettersi di impegnare una fideiussione di 5.000 euro. Senza dimenticare l'ingente aumento delle forze dell'ordine nella città di Pisa, provocando una vera e propria militarizzazione dello spazio urbano.
Leggi tutto...
 

Superare le marginalità abbattendo i confini

SUPERARE LE MARGINALITÀ ABBATTENDO I CONFINI.
LABORATORI E DIBATTITI DELL'ALTRA CITTÀ


convegnorom_locandina.jpgIl Progetto Rebeldìa e Africa Insieme organizzano una due-giorni di seminari e laboratori “Superare la marginalità abbattendo i confini”, che si terrà venerdì 20 e sabato 21 maggio presso il polo Carmignani. “Da tempo sentiamo l'esigenza – dicono gli attivisti – di concentrare la nostra attenzione sulla duplicità di significato che emerge con forza sempre maggiore ogni volta che si riflette sul concetto di confini e sui risvolti geo-politici e sociali generati dal rafforzamento o dal venir meno di essi”. Da un lato, il confine come linea di demarcazione inter-statuale difesa con le unghie e con i denti, con un discorso pubblico razzista e xenofobo, con i muri e le recinzioni da parte di governi incapaci tanto di assumere posizioni politiche promotrici di pace, quanto di pianificare una degna accoglienza per chi si trova costretto a fuggire dai conflitti ai quali essi stessi hanno offerto il fianco. 
Dall'altro, il confine interno, urbano, figlio di politiche scellerate e predatorie che viviamo ogni giorno nelle nostre città, luoghi sempre più attraversati da conflitti più o meno evidenti, che intrecciano la linea del colore e quella delle classi così come il business dell'accoglienza e la negazione della stessa, che si traducono in sottrazione di diritti, in selezione tra degni e indegni, in confinamento dei più deboli: “Tra le comunità maggiormente colpite dalla marginalizzazione prodotta dalla carenza di politiche sociali efficaci e aggravata dalla temperie culturale particolarmente desolante c'è sicuramente quella rom: a partire dal 30 settembre 2015, con lo scandalo delle ruspe democratiche che hanno abbattuto il del campo della Bigattiera, passando per la criminalizzazione e la cacciata delle famiglie residenti a Coltano, così come di quelle presenti nel quartiere di Putignano, la recrudescenza delle politiche securitarie dell'amministrazione Filippeschi ha popolato le prime pagine di tutti i giornali, locali e non”.

Leggi tutto...
 

Superare le marginalità abbattendo i confini

LABORATORI E DIBATTITI DELL'ALTRA CITTà

convegnorom_locandina.jpg

  

 

Salviamo le biblioteche pisane

 

Il 47% degli italiani, secondo l‘OCSE, soffre di analfabetismo funzionale e la percentuale è talmente alta da far balzare il paese al vertice di questa classifica poco invidiabile. Da mesi si moltiplicano denunce e appelli sul nostro declino culturale, in particolare sullo stato di biblioteche e archivi, ma anche denunce dei professionisti dei beni culturali (archeologi, storici dell’arte, archivisti, bibliotecari, ecc.) che nei tagli dei finanziamenti alla cultura vedono un pericolo per il loro stesso futuro.
In provincia tutto questo ha una ricaduta pesante e a Pisa – in misura maggiore ad esempio rispetto a Pistoia, che in cultura ha investito – la situazione si sta facendo drammatica. La scarsità di investimenti è resa ancora più grave dal fatto che la città aveva costruito nel tempo la propria fama e qualità della vita custodendo, tutelando e arricchendo un patrimonio storico-artistico, librario e archivistico di interesse internazionale, patrimonio che si sta rapidamente disfacendo.
Negli ultimi anni il declino è stato rapido e allarmante:

 

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 73 - 84 di 1298
Joomla SEF URLs by Artio