Prossimi eventi
Nessun evento in programmazione

Anti Degrado Bici Tour - il video

Leggi tutto...
 

Beni Comuni. è vicina una stagione di lotte

tirreno_pascali.gif
 

L'Italia sospenda l'invio di armi a Israele

Il governo italiano sospenda immediatamente l’invio di sistemi militari a Israele
e promuova una simile misura presso l’Unione europea

L’Italia è oggi il maggiore fornitore di sistemi militari dell’Unione europea verso Israele e proprio nei giorni scorsi, durante i raid aerei israeliani su Gaza, Alenia Aermacchi del gruppo Finmeccanica, ha inviato i primi due aerei addestratori M-346 alla Forza Aerea israeliana
Fonte: Rete Disarmo - 11 luglio 2014

M346 armati“Il governo italiano sospenda immediatamente l’invio di armi e sistemi militari a Israele e si faccia promotore di una simile misura presso l’Unione europea”. Lo chiede la Rete Italiana per il Disarmo, che raggruppa le principali organizzazioni italiane impegnate sui temi del disarmo e del controllo degli armamenti, a fronte dell’escalation delle ostilità nella Striscia di Gaza che – come ha affermato il Segretario generale dell'Onu, Ban Ki-moon – stanno portando ad una spirale fuori controllo.

L’Italia è oggi il maggiore esportatore dell’Unione europea di sistemi militari e di armi leggere verso Israele e proprio nei giorni scorsi, durante i raid aerei israeliani su Gaza l'azienda Alenia Aermacchi del gruppo Finmeccanica ha inviato i primi due aerei addestratori M-346 alla Forza Aerea israeliana.

 

Leggi tutto...
 

Pisa ritorna al futuro

 Il futuro che vogliamo per la città di Pisa

labcacao.jpg

Il 4 luglio abbiamo visto in faccia cosa è la speculazione e la difesa della rendita in città: una situazione inaccettabile, tanto più nel periodo di crisi sociale ed economica che stiamo vivendo. Migliaia di metri cubi abbandonati, palazzi costruiti e lasciati a marcire in attesa di essere svenduti o di qualche grande opera di speculazione che ne faccia volano per nuovi sfruttamenti e privazioni di pubblica utilità.

Abbiamo attraversato la città di Pisa colorati e festosi svelando - se ancora ve ne fosse bisogno - questo inaccettabile coacervo di interessi. Lo abbiamo fatto seguendo un faro, quello della Costituzione, dell'articolo 42 in cui si dice che i beni pubblici e privati, a prescindere dal titolo proprietario, devono avere una funzione sociale.

 

Leggi tutto...
 

Il sigillo della Costituzione su migliaia di metri cubi abbandonati al degrado

In conclusione dell'Anti Degrado Bici Tour che ha visto i suoi partecipanti toccare e  simbolicamente riaprire alcuni luoghi sensibili della città, viste le preoccupanti situazioni di degrado e abbandono in cui vertono questi ultimi, 

 Il Municipio dei Beni Comuni ribadisce che 

l'Amministrazione deve essere custode e garante della cura del proprio territorio, impedendo che il bene comune venga travalicato da logiche estranee a esso, con il ricorso agli strumenti ampiamente prescritti dalla Costituzione della Repubblica italiana; 

le amministrazioni devono predisporsi affinché possano ricevere senza eccezioni le istanze e le proposte in materia di riqualificazione e recupero degli spazi provenienti dal basso, anche qualora queste ultime fioriscano ai margini della legalità, in quanto espressione di un bisogno reale e inalienabile. 

Per tale ragione, Il Municipio dei Beni Comuni chiede che 

gli spazi compresi nelle tappe dell'Anti Degrado Bici tour (ex Colorificio ToscanoPalazzo dei TrovatelliMattonaia , ex Asl di via Zamenhof, Parco urbano di Cisanelloex hotel Fossabandaex Caserma 'Curtatone e Montanara ') siano al più presto ricondotti all'uso sociale, così da colmare in minima misura il bisogno di spazi sollevato da più parti della cittadinanza. 

MUNICIPIO DEI BENI COMUNI

 

Caro Marino, diamo fuoco all'ovvietà!

Solidarietà del Municipio dei Beni Comuni al Teatro Valle

diamofuocoallovvieta.jpg
«Affinché il teatro possa tornare ai romani, serve anche un’assunzione di responsabilità da parte degli occupanti che devono al più presto rendere disponibile la struttura per favorire il processo di rilancio del prezioso spazio culturale, anche facendo tesoro dell’esperienza fino ad ora maturata».

Grazie Marino... forse non te ne sei accorto ma è proprio per mezzo di quell'assunzione di responsabilità collettiva dei cittadini che il 14 giugno del 2012 è stata presa la decisione di occupare il Teatro Valle. Il teatro da quel giorno è tornato ai romani avviando il rilancio del prezioso spazio culturale. Questa esperienza è riuscita ad oltrepassare i confini della capitale stimolando e inspirando la liberazione di tanti altri spazi in tutta Italia avviando percorsi di riconversione del patrimonio comune culturale e urbano.

I lavoratori e lavoratrici dello spettacolo assieme ai cittadini romani hanno donato un nuovo volto a quel teatro riuscendo – da quel palcoscenico occupato – a porre nuove questioni sociali, dal diritto alla città all'autogestione dei beni comuni, rideclinando questo concetto attraverso nuove forme di democrazia che pongono l'accento sull'accesso condiviso e orizzontale agli spazi culturali e ai servizi che offrono.
Leggi tutto...
 

per i Beni Culturali: il ritiro definitivo dell’intesa

PISA: Il Coordinamento cittadini attivi e professionisti per i Beni Culturali chiede il ritiro definitivo dell’intesa tra Comune, Prefettura e Università sui volontari nei beni culturali.

mattoniverdeprima.jpg

Si è tenuto a Pisa il 30 Giugno scorso, presso la Gipsoteca di Arte Antica, il dibattito pubblico “Beni culturali e volontariato: quale rapporto?” promosso dal Coordinamento cittadini attivi e professionisti – per i Beni Culturali.

Tale dibattito ha avuto come base di partenza la discussione dell’intesa del 3 febbraio scorso a Pisa tra Prefettura, Comune, Soprintendenza, con l’adesione di Università e altre istituzioni, per la creazione di una “Sezione specializzata di volontari per il pronto intervento” affidata agli Amici dei Musei e Monumenti Pisani, “finalizzata alla minuta manutenzione dei siti e delle opere architettoniche”.

Tutti gli intervenuti (Sara Nocentini, Assessore alla Cultura e al Turismo della Regione Toscana; Dario Danti, Assessore alla Cultura del Comune di Pisa; Maria Antonella Galanti, Prorettore per i rapporti con il territorio dell’Università di Pisa; Paola Raffaella David, Soprintendente BAPSAE di Pisa e Livorno; Silvia Pagnin, assessore della Provincia di Pisa con delega alla cultura) e i partecipanti al dibattito hanno concordato su come tale intesa, seppur di buone intenzioni, violi le norme nazionali e le indicazioni regionali che regolano il volontariato nel settore dei beni culturali.

Leggi tutto...
 

Casa di Nialtri 2.0: nasce un nuovo spazio ad Ancona.

  Le necessità delle persone devo trovare risposta

casadenialtri.jpg
Ne eravamo sicuri, l’esperienza nata con Casa di Nialtri da oggi continua in nuovo spazio, ma provando a dare risposte alle necessità delle persone, in termini non solo nel senso di diritto alla casa e di accoglienza,  ma anche di autodeterminazione e autogestione, di spazi di socialità sana.

Gestire in maniera indipendente uno spazio è una vera occasione per tutta la città per sperimentare nuove forme di wellfare e di garanzia di diritti che questa volta Ancona non può perdere ricorrendo ad una ormai banale e arretrata considerazione della legalità e quindi all’uso delle forze dell’ordine.

Casa di Nialtri 2.0, una seconda occasione per Ancona

 

 

Municipio dei Beni Comuni 

 

Back to the city - foto

 

Solidarietà incondizionata all'attivista del wwf aggredito.

parcheggiabusiviwwf.jpgIl Municipio dei Beni Comuni esprime piena solidarietà all'attivista del wwf aggredito nel pieno svolgimento delle attività di volontariato.
E' grave che il lavoro di curia e ripristino svolto per preservare un area dell' oasi sia stato barbaramente vanificato dall'inciviltà e dal privato interesse di pochi cittadini. Ancor più grave che le istituzioni abbiano assistito silenti e immobili a questo tipo di prevaricazioni. Che addiritura una persona sia stata aggredita con violenza nel tentativo di impedire e censurare chi con etica e coerenza di principi  voleva documentare e denunciare questo scempio è la misura  di un segno che è stato oltrepassato. Un ritorno a  un medioevo in cui la concezione di feudo privato invade anche quelle zone protette, che sono bene comune e in cui il rispetto per l'ambiente e  per le associazioni che si adoperano per la salvaguardia dello stesso dovrebbe essere sacro.  L'aggressione a Roberto è un'aggressione al senso civico. Che le istituzioni facciano subito tesoro di questo segnale e diano una risposta chiara e concreta affinchè l'aggressore sia sanzionato, le staccionate ripristinate e affinché gesti del genere siano condannati senza se e senza ma e restino il più isolati possibile.

 

Leggi tutto...
 

Mondiali Rebeldi 2014 - il video

 

Uniti contro speculazione, privatizzazioni e attacco al sistema sanitario pubblico a Pisa

Uniti contro speculazione, privatizzazioni e attacco al sistema sanitario pubblico a Pisa

agorazamenohoff.jpg

Venerdì 4 luglio una delegazione delle realtà che a Pisa aderiscono al Coordinamento Toscano per il Diritto alla Salute (Unione Sindacale di Base, Circolo agorà e Ross@) hanno partecipato a un’importante tappa di 'Back to the city' promossa dal Municipio dei Beni Comuni, al fine di evidenziare la scandalosa presenza in città di grandi spazi e edifici pubblici e privati chiusi e abbandonati, in attesa delle future speculazioni finanziarie e edilizie.
Il punto d’incontro è stato in Via Zamenhoff, di fronte all’ex sede dell’ASL di Pisa, chiusa da alcuni anni e come altri edifici pubblici all’incanto, in attesa di un’improbabile vendita alla ricerca di denaro fresco, per alimentare politiche di vera e propria dismissione del Servizio Sanitario pubblico imposte dall’Unione Europea, come denunciato in alcuni nostri cartelli posizionati al fianco del simbolico “sigillo” messo dai militanti del Municipio all’ingresso dell’edificio.
Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 13 - 24 di 949
Joomla SEF URLs by Artio