Archivio Tag per cinema

Attività

30.06.2016 – Proiezione Film: Rino, La mia ascia di Guerra.
Concerto AB ORIGINE band

Ore 20:30 - Proiezione del film: Rino, La mia ascia di Guerra, di Andrea Zambelli Andrea da bambino aveva un eroe: “il Rino”. Rino è stato il mentore di Andrea. Partigiano, comunista: diverso da tutti. Da anni Andrea pensava a un film su Rino partigiano. Ma oggi Rino non può più raccontare: ha il morbo di Alzheimer. Andrea comincia a rivedere le decine di cassette con registrate le storie dell’amico, trova documenti e filmati Super 8 di Rino emigrato in Svizzera. Il rapporto di Andrea con Rino cambia, l’”eroe” di ieri è oggi un uomo da accudire, Andrea deve affrontare…
Leggi di più...
Cinema

06.04.2017 – CineMolino ‘Nudi Verso La Follia’

Angelo Rastelli ci propone questo fantastico film/documentario che ci trasporta per 51 minuti nell’ultimo grande festival libero Italiano (che poi del tutto libero non fu, come potrete vedere) quello di Parco Lambro del 1976. Oltre ad offrirci bellissimi spezzoni d’epoca dei concerti di Don Cherry, Eugenio Finardi, Alberto Camerini ed Area, il vero pregio di questo documento è la fotografia di un movimento che, come dice Finardi, dopo che per almeno tre anni si era illuso di unire la musica alle idee del proletariato e dei movimenti giovanili, era ora sull’orlo di un cambiamento epocale. Don Cherry – “Jam session”…
Leggi di più...
Cinema

09.03.2017 – CineMolino – Miracolo a Le Havre di Aki Kaurismaki

Marcel Marx, un ex scrittore rinomato e bohemien, volontariamente si trasferisce in esilio nella città portuale di Le Havre, dove la sua professione onorevole, ma non redditizia, di lustrascarpe, gli dona la sensazione di essere più vicino alla gente. Mantiene viva la sua ambizione letteraria e conduce una vita soddisfacente nel triangolo formato dal pub dell'angolo, il suo lavoro e sua moglie Arletty, quando il destino mette improvvisamente nella sua vita un bambino immigrato proveniente dall'Africa nera.
Leggi di più...
Cinema

23.03.2017 – CineMolino – The Flickering Flame di Ken Loach

Settembre 1996. Circa 500 lavoratori portuali di Liverpool licenziati iniziano una strenua lotta per la reintegrazione nei loro posti di lavoro. Si tratta di operai specializzati rimpiazzati da una forza lavoro precaria e non sostenuta dai sindacati che garantisce minori problematiche per i datori di lavoro. Una narrazione didascalica illustra le condizioni di lavoro dei portuali sin dagli anni '60 e ripercorre le tappe delle varie modifiche dei diritti dei lavoratori e delle lotte messe in atto da un gruppo di uomini arrabbiati e disperati che, improvvisamente, si sono trovati senza la garanzia di un lavoro e senza mezzi per…
Leggi di più...
Cinema

Annullato – CineMolino – Spartiates

Avviso: La proiezione di questo film è stata annullata dal momento che il film non è più disponibile. Invece verrà proiettato The Flickering Flame. Yann Sorel, 24 anni, è un uomo che si è fatto da sé. Ha fondato un club di arti marziali miste (MMA) nei quartieri nord di Marsiglia. Questo campione, che ha tenuto alti i colori della Francia senza nessun aiuto, si sostituisce ai poteri pubblici. Attraverso lo sport inculca il rispetto e la tolleranza ai ragazzi della Cité Bellevue.
Leggi di più...
Cinema

30.03.2017 – “Lisbon Story” di Wim Wenders

Philip, tecnico del suono, trova un messaggio di un suo amico regista che lo chiama a Lisbona per aiutarlo a finire un film che sta girando. Arrivato a Lisbona non trova il suo amico Friedrich, ma dopo qualche giorno passato nella sua casa trova del materiale girato da lui e comincia a lavorarci sopra. Gira per la città per cercare e registrare suoni. Poi incontra Teresa, la cantante del gruppo Madredeus che sta registrando la colonna musicale del film. Quando finalmente ritrova il suo amico lo trova in preda a una grottesca ossessione.
Leggi di più...
Cinema

02.03.2017 – Les hommes du port – Rassegna film sulle dinamiche portuali

Mentre una lenta panoramica scopre il porto di Genova, una voce racconta il passato di un uomo. Ieri Alain Tanner aveva 17 anni e scopriva un paese di cui amava i film attraverso una città singolare ed in pieno fermento. Il regista vi andò perché aveva visto il cinema neorealista italiano. Lavorò un anno in uno “scagno”, poi s’imbarcò su un cargo per un altro anno. “Ho imparato lì cosa è il lavoro, e questo mi è servito poi anche nel cinema.” Poi, per quarant’anni, Tanner non era più tornato a Genova: Nel 1994 il cineasta ritorna in quella città,…
Leggi di più...