Con ritrovo fissato alle 14, in meno di quindici minuti il piazzale della Stazio ne si è riempito di sostenitori della so cialità, simpatizzanti o attivisti di orga nizzazioni non governative per far vale re i diritti dei senza tetto come i due ecuadoriani trovati morti in un furgone il 30 dicembre scorso nel posteggio del l’area di sosta a Monte Carasso.
Nell’aria sembrava aleggiare ancora il ricordo del lungo scioperare delle Offi cine, di cui alcuni presenti ancora por tavano il simbolo con la ormai famosa spilla rossa. Prendendo esempio dalla lotta delle Officine, si è difatti voluta porre l’attenzione su un tema che do vrebbe preoccupare e coinvolgere l’opi nione pubblica. Durante il corteo vi è stata infatti la distribuzione di volantini sui diritti di ogni essere vivente, come il diritto all’alloggio, alla dignità o all’aiu to, facendo riferimento anche alla Costi tuzione ticinese.
La manifestazione ha voluto attirare pacificamente l’attenzione su quanto accaduto a Maria Marta Morales Lopez e Luis Enrique Muenango Morales, ma ha anche aspramente criticato il gover no ticinese. Con una nota quasi sarcasti ca, è stata infatti distribuita una senten za fittizia nei confronti del Consiglio di Stato come « colpevole della violazione dei diritti fondamentali garantiti dalla Costituzione ticinese e svizzera, di omis sione di soccorso e sussidiariamente di omicidio per negligenza ».
Rivolgendosi in particolare al consi gliere di Stato Luigi Pedrazzini, uno dei portavoce della manifestazione ha sotto lineato la necessità di sostenere i pro getti e i movimenti sociali e di prestare particolarmente attenzione all’offerta di alloggi, soprattutto nei periodi più freddi, affinché casi come quello dello scorso 30 dicembre non si ripetano. « Lo Stato deve fare tesoro di questa esperien za e non solo inasprire le leggi – si è riba dito nel discorso di apertura del corteo –.
Dovrebbe piuttosto informare e fornire più strutture di accoglienza a gente in dif ficoltà ». Casa Astra a Ligornetto è insuf­ficiente a soddisfare le esigenze di tutti i senzatetto senza documenti in regola e senza denaro presenti nel nostro paese. È opportuno quindi fornire più aiuto e organizzare una rete che si occupi di tutti e indiscriminatamente: impiegan do ad esempio case abbandonate e dor mitori aperti a tutti. SI.TE

Potrebbero Interessarti:

http://www.inventati.org/molino/wp-content/uploads/2016/07/logo-molino-01.pnghttp://www.inventati.org/molino/wp-content/uploads/2016/07/logo-molino-01-150x150.pngRassegna stampaCon ritrovo fissato alle 14, in meno di quindici minuti il piazzale della Stazio ne si è riempito di sostenitori della so cialità, simpatizzanti o attivisti di orga nizzazioni non governative per far vale re i diritti dei senza tetto come i due ecuadoriani trovati morti in un furgone...Viale Cassarate 8

Contatta il Molino

Contatto telefonico
+41(0)91 942 12 21

Per info generali:
CS()A il Molino
Viale Cassarate 8
6900 Lugano (Ch)

molino@inventati.org