29 novembre giornata internazionale di solidarietà col popolo palestinese
al CSOA “il Molino” a Lugano

Quest’anno ricorre il sessantesimo anniversario della Nakba, la catastrofe dell’espulsione forzata di 750 000 Palestinesi che ha accompagnato la creazione dello stato di Israele nel 1948. Le commemorazioni della Nakba sono state l’occasione per smentire il mito fondatore dello stato di Israele che vuol fare ancora oggi della Palestina “una terra senza popolo per un popolo senza terra”.

Con le nuove colonie, il muro e gli assedi, l’opera di spoliazione del popolo palestinese della propria terra e dei propri diritti continua senza interruzione, tra la complicità dei potenti e l’indifferenza di buona parte del mondo.

Il 29 novembre, giornata internazionale di solidarietà col popolo palestinese, ci offre lo spunto per ripercorrere gli avvenimenti e la responsabilità storica del progetto sionista per la colonizzazione della Palestina.

Programma:
– 19.30 cena orientale
– 20.30 Breve introduzione sui 60 anni della Nakba con Tobia Schnebli (Collectif Urgence Palestine, Ginevra)
– seguita dalla proiezione di
La Terre parle arabe film di Maryse Gargour (Gre./Pal. 2007, 61 min. V.o. st. francese)

La Terre parle arabe propone lo sguardo incrociato dello storico e del cineasta per trattare una verità che brucia ancora oggi : la pulizia e la spoliazione della terra palestinese da parte dei Sionisti.

Alla fine del 19° secolo il sionismo, movimento politico (ebreo) minoritario, fa la sua apparizione sulla scena internazionale con lo scopo di creare uno Stato per gli ebrei da qualche parte nel mondo. La scelta cadrà finalmente sulla Palestina. Ma questa terra palestinese « parla l’arabo » ed é già abitata da un popolo, i Palestinesi.

I capi sionisti elaborano la soluzione al loro progetto ben prima della dichiarazione Balfour del 1917. Si tratta di pensare prima e organizzare poi il trasferimento della popolazione locale palestinese fuori dalla propria terra. Per questo scopo verrà usato ogni mezzo e in particolare la forza brutale. Il progetto, elaborato in segreto nei primi anni, sarà progressivamente messo in opera dai dirigenti dopo la grande rivolta palestinese del 1936 durante la quale tutte le forme di opposizione dei Palestinesi a questo progetto saranno duramente represse dalla potenza mandatria britannica.

Il film di Maryse Gargour è costruito essenzialmente sulle citazioni dei leader sionisti, su materiale audiovisivo d’archivio inedito, sulla stampa dell’epoca e sui documenti diplomatici occidentali, incrociati con testimonianze di persone che hanno vissuto in quel periodo. Il filo conduttore è dato dallo storico Nur Masala.

Potrebbero Interessarti:

http://www.inventati.org/molino/wp-content/uploads/2016/07/palestin_4.pnghttp://www.inventati.org/molino/wp-content/uploads/2016/07/palestin_4-150x150.pngSala Attività29 novembre giornata internazionale di solidarietà col popolo palestinese al CSOA “il Molino” a Lugano Quest’anno ricorre il sessantesimo anniversario della Nakba, la catastrofe dell’espulsione forzata di 750 000 Palestinesi che ha accompagnato la creazione dello stato di Israele nel 1948. Le commemorazioni della Nakba sono state l’occasione per smentire il...Viale Cassarate 8

Contatta il Molino

Contatto telefonico
+41(0)91 942 12 21

Per info generali:
CS()A il Molino
Viale Cassarate 8
6900 Lugano (Ch)

molino@inventati.org