Ma, in questo particolare periodo di barbarie legalizzate, di soprusi sulle minoranze e di guerre preventive, vogliamo esprimere il nostro sdegno anche contro chi spara sugli zingari, chi imbratta di celtiche e svastiche i cimiteri mussulmani, chi da fuoco ai centri sociali e chi aggredisce, umilia, offende le persone perché di razza, colore, genere, fede religiosa o orientamento sessuale diverso.

Siamo contro i fascisti, siano essi in doppio petto o con il cranio rasato. Siamo e saremo sempre in prima linea contro ogni tipo di razzismo. Senza se e senza ma.
Per questi motivi scenderemo in strada domenica. Vogliamo dare una risposta di società a chi ha scelto con atti infami di dare un seguito alle parole usate da sedicenti “rappresentanti del popolo” che fomentano l’odio e la xenofobia verso gruppi sociali a scopi elettorali. A coloro che terrorizzano la popolazione con la paura del diverso e con la guerra di civiltà. A coloro che barricano le frontiere per proteggersi da nemici immaginari, costruendo la fortezza Europa in nome della sicurezza. Perché riteniamo sia questo il vero problema: quelli che alimentano il razzismo, che lo banalizzano o, peggio, che lo giustificano, diffondendo nell’opinione pubblica e nella popolazione l’idea di odio razziale. Le teste vuote che compiono questi atti sono solo dei rozzi imbecilli che si sentono legittimati nel loro agire da persone “perbene”. Le stesse che accolgono con il tappeto rosso il razzista Bossi e il suo seguito discriminante, proteggendolo con un ampio schieramento di polizia.

Vogliamo una società nella quale il razzismo, la xenofobia e l’antisemitismo non abbiano alcun diritto di cittadinanza. Una società multiculturale, basata sul rispetto delle differenze che consideriamo delle ricchezze. Un mondo dove convivano molti mondi!
Siamo convinti che in Ticino, a Lugano, la società civile sia in grado di isolare i fascisti e dimostrare di essere profondamente antirazzista.
Per questo invitiamo tutte le persone, le organizzazioni e gruppi che si riconoscono nelle ragioni prima esposte, a partecipare al presidio previsto in Piazza Molino Nuovo, domenica 20 marzo alle ore 16.00

C.S.O.A. il Molino

Potrebbero Interessarti:

http://www.inventati.org/molino/wp-content/uploads/2016/07/logo-molino-01.pnghttp://www.inventati.org/molino/wp-content/uploads/2016/07/logo-molino-01-150x150.pngComunicatiMa, in questo particolare periodo di barbarie legalizzate, di soprusi sulle minoranze e di guerre preventive, vogliamo esprimere il nostro sdegno anche contro chi spara sugli zingari, chi imbratta di celtiche e svastiche i cimiteri mussulmani, chi da fuoco ai centri sociali e chi aggredisce, umilia, offende le persone...Viale Cassarate 8

Contatta il Molino

Contatto telefonico
+41(0)91 942 12 21

Per info generali:
CS()A il Molino
Viale Cassarate 8
6900 Lugano (Ch)

molino@inventati.org