Su questa proposta dovrebbero quindi concentrarsi gli sforzi di tutte le parti in causa, eppure, dopo l’ultimo incontro, da parte delle autorità solo silenzi ufficiali e qualche informazione tramite stampa.
Continua dunque a non esserci trasparenza e comunicazione nei confronti di chi in tutti questi anni è stato sempre aperto al dialogo e ha giocato pulito…

Attualmente il Molino è di fatto una realtà inserita nel tessuto urbano, che lo arricchisce e vivifica, che cerca risposte a bisogni espressi ripetutamente da una parte importante della popolazione. Eppure temiamo si voglia lentamente avvolgere questa realtà luminosa nella nebbia, che qualcuno, forse infastidito da questo lume, voglia negarle ancora una volta il diritto di esistere.
Allo scadere del 30 settembre e malgrado le nostre ripetute telefonate, nessuno vuole dirci cosa succederà e la convenzione di fatto non è stata prolungata.
Si vogliono forse stringere le maglie attorno al Molino? Non rinnovare la convenzione per poi poterci definire illegali? E magari di conseguenza sgomberarci?
A che gioco stanno giocando? Non siamo degni di risposte chiare? La convenzione è stata firmata, esprimeva degli impegni, tutte le parti intendono rispettarli?
Non ci sembra corretto essere lasciati ancora nell’incertezza più totale, all’oscuro di decisioni che ci riguardano in prima persona anche perché, quando non vi è trasparenza, vi è il forte rischio che qualcuno giochi sporco, facendosene magari un baffo degli accordi presi in precedenza.
Non è fantascienza, dal Maglio siamo stati sgomberati quando il dialogo con le autorità era ufficialmente in corso, con la commissione tecnica. Le critiche indignate, successive a quest’azione, poco sono servite a una frittata che ormai era fatta.
Non permetteremo un altro 18 ottobre, mai più uno sgombero forzato, del resto la necessità di un centro sociale è riconosciuta da tutti ormai da anni e la convenzione parla chiaro: il Molino resterà al macello fintantoché una nuova sede non verrà trovata.
Chiediamo che la città di Lugano e il cantone si assumano oggi finalmente la responsabilità politica di assegnare una sede definitiva per il CSA il Molino, un impegno che ricordiamo è stato sottoscritto dalle parti nella convenzione.
Chiediamo inoltre che venga immediatamente concordata una proroga della convenzione almeno fino a quando non sarà fatta chiarezza sul futuro del CSA.
Il tempo oggi stringe, ma di tempo ve ne era a sufficienza (7 anni) e ve ne è forse ancora per chi vuole veramente trovare una soluzione…

Assembla CS(O)A Il Molino

Potrebbero Interessarti:

http://www.inventati.org/molino/wp-content/uploads/2016/07/logo-molino-01.pnghttp://www.inventati.org/molino/wp-content/uploads/2016/07/logo-molino-01-150x150.pngComunicatiSu questa proposta dovrebbero quindi concentrarsi gli sforzi di tutte le parti in causa, eppure, dopo l’ultimo incontro, da parte delle autorità solo silenzi ufficiali e qualche informazione tramite stampa. Continua dunque a non esserci trasparenza e comunicazione nei confronti di chi in tutti questi anni è stato sempre aperto...Viale Cassarate 8

Contatta il Molino

Contatto telefonico
+41(0)91 942 12 21

Per info generali:
CS()A il Molino
Viale Cassarate 8
6900 Lugano (Ch)

molino@inventati.org