Vi inoltriamo un volantino che è stato fatto da una rete di cittadini indignati, per i fatti che succedono in Italia e a Firenze, che si è spontaneamente costituita in gruppo e sta compiendo azione di informazione, monitoraggio e organizzazione di iniziative utili a rendere visibili notizie e fatti dai più ignorati e a rendere noti gli obiettivi di una battaglia civile che si compie e si compirà nel tentativo di rafforzare una rete di soggetti e persone che da anni, in più modi, o solo da pochi giorni o da sempre, si occupano di migrazione e di diritti dei migranti. Ci rivolgiamo a chiunque abbia in potenza o in atto, progetti che si occupano direttamente o indirettamente dei migranti e della loro accoglienza e integrazione sul nostro territorio.

Chiunque abbia idee o una progettualità che viene portata avanti nel tentativo di dare risposte alle richieste - tante - che vengono da chi non ha una cittadinanza italiana ed è costretto/a a elemosinare richiesta d’asilo, un permesso di soggiorno, garanzia dei diritti in dipendenza ad una legislazione ottusa e assurda che tratta i migranti come problema di sicurezza e poi di reclutamento di mano d’opera su commissione delle imprese.

Ci rivolgiamo a chi è d’accordo nel ritenere un abuso il fatto che i permessi di soggiorno siano legati alla costante pretesa di un contratto di lavoro (che non sia un contratto a progetto perchè altrimenti non vale) e di parametri abitativi che ogni cittadino medio italiano non si può permettere. Ci rivolgiamo a chi immagina - ciascuno a proprio modo - proposte e risposte differenti che possano concretamente rendere agile un inevitabile processo di integrazione, altrimenti solo rinviato.

Le popolazioni migranti non sono utili alla retorica, alla facile demagogia, non sono un business e neppure un alibi per chi vorrebbe dare toni umanitari alle proprie attività, di qualunque genere esse siano. E’ un momento grave, durante il quale - ai tanti episodi di abusi e violenza quotidiana perpetrati ai danni dei migranti - si aggiunge la terribile pressione repressiva di controlli antiterrorismo che diventano rastrellamenti e deportazioni generalizzate.

Tutto questo accade ovunque, anche qui a Firenze (come potrete leggere nel documento sotto). E’ emergenza dappertutto e chiediamo a chi è già impegnato o vorrà impegnarsi nelle terre pugliesi e siciliane di raccontarci o inviarci materiale e dirci come è possibile contribuire alla loro e dunque nostra battaglia che si compie su due terre divenute avanposti militari in opposizione o controllo di chi agisce per fermare - in ogni modo possibile - la migrazione.

Presto ci sarà una manifestazione nazionale e abbiamo comunque pensato di prepararci ad essa organizzando dei pulmann e una due giorni contro i lager nostrani meglio conosciuti come Cpt , l’1 e il 2 ottobre presso la Casa del Popolo di Settignano sede del Centro Doicumentazione Carlo Giuliani. Una due giorni durante la quale si parlerà di leggi, della loro applicazione, di come sono fatti i centri di permanenza temporanea e di come sono trattati i migranti, di come anche a Firenze accade ciò che non dovrebbe accadere e molte altre notizie che vengono censurate dai normali canali di informazione.

Vi invitiamo a partecipare e intervenire.

 
  invito_a_partecipare_alla_due_giorni_contro_i_cpt.txt · Ultima modifica: 21.10.2005 11:16 by 127.0.0.1
 
RSS: Modifiche Recenti Contenuti: Licenza Creative Commons Valid XHTML 1.0 Valid CSS Sito fatto con: DokuWiki Sito ospitato da: Inventati.org