10 ottobre 2005

Si chiama Meribel, è cittadina peruviana. È sposata con un ragazzo peruviano, «Giovanni», che vive anche lui a Firenze e con cui sono in contatto da ieri mattina. Il matrimonio è stato fatto in Perù e non è stato ancora registrato in Italia. Hanno due figli, non so se qui in Italia o in Perù, credo comunque minorenni, visto che i genitori dovrebbero avere una trentina di anni.

Tre giorni fa circa Meribel e Giovanni hanno fatto un incidente con il motorino. Sono entrambi feriti e hanno necessità di cure. Lui aveva il patentino scaduto e anche il permesso di soggiorno scaduto. Lei non ha mai avuto i documenti, è completamente «clandestina» ma da diverso tempo vive a Firenze, dove ha svolto ogni tipo di lavoro. A seguito dell’incidente, Meribel è stata presa e portata nel CPT di Bologna (dove è quindi da tre giorni). Comunica via cellulare con il marito. Inutile dire che è molto spaventata. Stamattina alle 10 dentro il CPT è stato confermato l’ordine di trattenimento nel centro. Andrea Ronchi (l’avvocato bolognese che ha seguito anche il ragazzo marocchino) ha preso il caso ieri sera. È stato già stamane nel CPT e ha parlato con Meribel. Ha trovato che le condizioni fisiche della ragazza sono incompatibili con lo stato di detenzione. Su questa base cercherà di farla uscire. Per farlo, sarà necessaria la perizia di un medico esterno, dato che quello che lavora nel CPT gli ha detto, testuali parole: «Tanto, malata dentro o malata fuori cosa cambia?».

 
  10.10.2005.txt · Ultima modifica: 21.10.2005 01:28 by 127.0.0.1
 
RSS: Modifiche Recenti Contenuti: Licenza Creative Commons Valid XHTML 1.0 Valid CSS Sito fatto con: DokuWiki Sito ospitato da: Inventati.org