Post Tagged with: "Propaganda"

Bruxelles, sequenze di attentatori in tv tra propaganda e delirio

Tra gli attentati di Parigi e Bruxelles, un atto della guerra asimmetrica tra Europa e Medio Oriente che sta attraversando il continente, la copertura mediatica europea ci rivela politiche della comunicazione tutte da leggere. Soffermiamoci al caso per noi più diretto, quello italiano, senza omettere però che i media europei, per quanto militarizzati, non arrivano al iivello di comunione mistica [...]

Read more ›
997047_648303068598545_4300460044767729398_n_0

Il “comunitarismo”: un’altra trappola della retorica neofascista

Vi sono parole che, più di altre, si caricano di ambiguità e contraddizioni di un’epoca, fungendo da attrattori e dissimulatori, meccanismi scatenanti e dispositivi di camuffamento ideologico. Tra queste, una parola, apparentemente innocua, di cui si fa da qualche decennio largo uso, sia negli ambienti accademici, sia nei siti web e nei social network: “comunitarismo”. Nelle università, essa viene utilizzata, [...]

Read more ›
1512846_10201206860371919_6499244040486419883_n

Armi da fuoco negli Usa – La propaganda alla prova dei fatti, parte 2

Questo articolo è il proseguimento ideale del pezzo “La propaganda alla prova dei fatti” apparso su Umanità Nova numero 31 anno 95 (20 ottobre 2015 – questo blog). Razza, classe, genere e Gun Control Nel suo discorso di inizio anno il presidente statunitense Obama ha annunciato una serie di misure atte a rendere più difficile l’accesso alle armi a soggetti [...]

Read more ›
zaza

Bufale sul web – La morte dell’ironia e il qualunquismo: è l’ora di finiamola

Sulla nuova ondata di bufale razziste e qualunquiste in rete, pubblichiamo questo articolo di Claudia Vago  (attualmente Simone Zaza gioca nella Juventus) Io non sapevo chi fosse Simone Zaza. Non che ora ne sappia molto di più, ma ho avuto modo di sapere che giocava nel Sassuolo e ora gioca nella Juventus. La storia è lunga e ci porterà molto lontani, [...]

Read more ›

Natali, gufi, ruspe e black-block: a scuola di propaganda da Goebbels

di Alessandro Canella, da http://www.radiocittafujiko.it/ nella foto, Joseph Goebbels Dalla bufala del Natale vietato a Rozzano ai presunti black block che avrebbero calpestato il memoriale delle vittime parigine, dalla retorica dei gufi a quella delle ruspe. La comunicazione politica contemporanea ha portato ad un imbarbarimento del discorso pubblico simile a quello operato dalla propaganda nazista. Sembra che molti politici, con l’aiuto [...]

Read more ›

Jobs Act, lavoro, marketing politico: come costruisce consenso il governo Renzi? Martedì 31 @Via del Leone

Martedì 31 marzo – ore 18 Occupazione via del Leone, via del Leone 60/62 – Firenze Incontro/seminario con Silvano Cacciari – ricercatore in sociologia e media dell’Università di Firenze e redattore di Senza Soste Il Jobs Act, dicono, è ormai approvato – anche se alcuni decreti attuativi devono essere ancora pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale, ed è ancora molto oscura la [...]

Read more ›

Eataly: il volto nuovo del capitalismo

Solo qualche settimana fa l’inchiesta dei lavoratori di Eataly aveva scoperchiato un vaso di Pandora colmo di irregolarità, turni massacranti, contratti interinali, tirocini, apprendistati, pressione psicologica, ricatti costanti e licenziamenti ingiustificati. Ma c’è dell’altro. Perché l’impero che si sta costruendo Emperor Farinetti a colpi di sfruttamento indiscriminato dei propri dipendenti, come ogni dominio di cui si abbia memoria, necessita anche [...]

Read more ›

Matteo Renzi, the Hype

Scorrendo i risultati elettorali delle europee viene da ripensare al significato di Hype, che sta tra promozione, montatura, lancio, esagerazione, risonanza comunicativa, iperbole. Tutto un terreno di comunicazione dove i significati che si creano sono tenuti da un vero, unico campo di forza: quello della sproporzione tra l’evento creato dal marketing, che esplode nelle persone, e la portata dell’evento reale [...]

Read more ›
it'smedia

La comunicazione politica come spazio di conflitto

Si sente spesso parlare, su giornali, telegiornali e siti di informazione mainstream, dei movimenti antagonisti, “black bloc”, “incappucciati” o “giovani dei centri sociali” etc. Quando lo fanno essi hanno l’evidente scopo di sbattere il mostro in prima pagina. Un esempio fra i tanti arriva dalla val di Susa: in un fronteggiamento tra manifestanti e poliziotti davanti al cantiere espropriato, la [...]

Read more ›

Facebook

YouTube