I Cobas del Comune di Firenze contro la truffa del contratto aziendale

Contratto Aziendale: vota NO!!!

Dopo ben sei assemblee informative, durante la prossima settimana si svolgerà il referendum tra i dipendenti del comune di Firenze per approvare oppure non approvare il nuovo contratto aziendale.

Un decentrato che non fa altro che confermare i pesantissimi tagli al salario accessorio degli ultimi due anni.
Un contratto che premia solo alcuni attraverso istituti contrattuali applicati in modo clientelare più che premiale.

Un contratto aziendale che divide, che rompe i vincoli solidali, che mette i lavoratori gli uni contro gli altri. Un contratto decentrato i cui benefici economici di pochi sono ottenuti con il sacrificio economico dei più. Un accordo che raccoglie il diktat dell’Amministrazione, che toglie salario, diritti e dignità.

Un contratto aziendale la cui fase contrattuale e la firma della preintesa confermano il modello sindacale concertativo portato avanti dai sindacati collaborazionisti insieme a quelli autonomi e corporativi, oltre che da sedicenti di base.

Ogni volta un passo indietro, ogni volta un arretramento sul piano del salario e dei diritti. Un modello di azione sindacale che ha messo in ginocchio il mondo del lavoro.

É il momento di dire basta, è il momento di reagire per rompere una spirale che altrimenti non avrebbe fine segnando la resa definitiva del mondo del lavoro.

Possiamo invertire la tendenza fin da subito: al referendum respingi l’ennesimo accordo bidone e vota NO!

Cobas Comune di Firenze

Leggi anche:

1 Febbraio:sciopero lavoratori Musei Civici Fiorentini,contro sfruttamento e bassi salari

Dall’assemblea contro il Jobs Act al Dlf: “se toccano uno toccano tutti”

Palazzo Vecchio annuncia “esuberi” e prepensionamenti

Perchè è necessario continuare ad opporsi ai piani del Governo Renzi

Cup metropolitano di Firenze reinternalizzato: vittoria piena?

I Biblioprecari alzano la testa

Il Comune di Firenze continua la sua crociata contro i salari dei lavoratori

Lavoratori delle biblioteche e degli archivi di Firenze in mobilitazione

Facebook

YouTube