La filiera dello sfruttamento: da Rosarno ai supermercati. Serata al Melograno

Cena Sociale h.20.30 presso Ass. Il Melograno http://www.melograno513.altervista.org/contatti.html

A seguire dibattito: “LA FILIERA DELLO SFRUTTAMENTO: DA ROSARNO AI MAGAZZINI DEI SUPERMERCATI”

La filiera agro-alimentare italiana è un sistema di sfruttamento diffuso.Ogni anno migliaia di schiavi della terra vivono e lavorano in condizioni disumane, costretti in baraccopoli, strozzati dalla disoccupazione o sfruttati all’inverosimile nei campi. Rosarno come Castel Volturno, Palazzo san Gervasio, Foggia, Nardò, Saluzzo, Potenza e non solo. Ghetti e sfruttamento: questo il capitalismo nelle campagne, la filiera italiana dello sfruttamento, che porta il made in italy sugli scaffali del mondo e garantisce i profitti a Carrefour, Esselunga, Coop. La GDO stabilisce il prezzo di acquisto ai produttori, un prezzo ricatto che le medie-grandi imprese sostengono con l’abbattimento dei costi di manodopera, con lo sfruttamento, il lavoro nero e grigio, i contratti falsi, il lavoro non retribuito, e il caporalato e la criminalità organizzata a dettar legge. Questo nei campi come nei magazzini della logistica.

intervengono: Brigata di solidarietà Attiva Toscana – Rete campagne in lotta.

Ormai da tre anni le Brigate di Solidarietà Attiva fanno parte della Rete “Campagne in lotta”, (coordinamento nazionale tra realtà autorganizzate attive sul tema) . È dentro il contesto della crisi del lavoro che le pratiche messe in atto dalla Rete nell’ambito del lavoro agricolo, intendono costruire spazi critici di autorganizzazione con lo scopo di supportare e favorire processi di emancipazione e rivendicazione conflittuale e consolidare un fronte rivendicativo autorganizzato di braccianti (stranieri e non). Faremo il punto su nostri interventi, concentrandoci sull’esperienza, tutt’ora in atto, a Rosarno, interventi fatti di numerose assemblee di lavoratori e disoccupati, radio pirate autogestite, scuole di italiano centrate sui diritti del lavoro, spazi di lotta e socialità.

Durante la serata sarà inoltre possibile acquistare le arance di SOS ROSARNO qualità NO-MAFIA NO-SFRUTTAMENTO!

Leggi anche:

Intervista al Corriere delle Migrazioni

Le arance solidali di Bsa Toscana e Sos Rosarno: contro mafia, caporalato e sfruttamento

Bsa Toscana in solidarietà alla popolazione sarda alluvionata

BSA TOSCANA: solidarietà al collettivo Caracol e all’Unione inquilini di Viareggio

B.S.A e Rete Campagne in lotta: appello per Rosarno

Il Caporalato delle merci, un’inchiesta di Rainews24 sullo sfruttamento dei facchini

Facebook

YouTube