Errore!
Directory non creata, verificare i permessi di scrittura
   logo

  Home     Archivio News     Forum     Galleria Kerasav     Contatti     Download    

DOCUMENTO DOCUMENTO

C.S.O.A. a Portici

Per un centro sociale occupato e autorganizzato: trasformando un non-luogo in un momento territoriale di sperimentazione sociale.

Leggilo e diffondilo scaricando la versione stampabile.


OPUSCOLO OPUSCOLO

GEOGRAFIE DEL DESIDERIO

Opuscolo di discussione sulla necessita' di un centro sociale occupato nella provincia di Napoli.

Leggilo e diffondilo scaricando la versione stampabile.


Cerca Cerca








Statistiche Statistiche

Visite: 29818
Statistiche



Section C.S.O.A. a Portici

Per un centro sociale occupato e autorganizzato: trasformando un non-luogo in un momento territoriale di sperimentazione sociale


Scarica la versione stampabile dalla pagina dei 'Download'


Dato l'elevato grado d'intrusione in ogni dimensione sociale e politica dell'attuale sistema capitalistico (attraverso la flessibilizzazione del lavoro e la conseguente precarizzazione della vita, la ristrutturazione complessiva del sistema scolastico-formativo in direzione dell'esclusione o dell'asservimento al mercato e la negazione dei piu' elementari diritti di cittadinanza) individuiamo come prioritaria la lotta per la liberazione dello spazio:

un luogo in cui avvenga una ricomposizione politica di tutte le lotte sociali per il ribaltamento degli attuali rapporti politici ed economici;

un luogo liberato che agevoli le lotte dei disoccupati, dei precari, dei migranti, degli studenti e di tutti i marginalizzati;

un luogo liberato che permetta assemblee, che faciliti l'organizzazione di manifestazioni e scioperi;

un luogo liberato che permetta lo sviluppo di progetti basati sui bisogni e le problematiche che il territorio esprime;

un centro sociale in cui i diritti al lavoro, alla casa, al sapere libero, alla piena cittadinanza, alla sicurezza economica possano ricongiungersi per determinare un fronte comune che abbia nella lotta per il reddito diretto (in termini di salario effettivo) e indiretto (in termini di diritto alla casa e ai servizi sociali in genere) i suoi fondamenti;

un luogo in cui le relazioni siano improntate alla solidarieta' sociale e al protagonismo.

Tutto cio' attraverso:

la creazione di reti orizzontali e dal basso come forma di coordinamento delle lotte per il lavoro e il reddito, per la piena cittadinanza dei migranti, per l'accesso libero al sapere, per il diritto alla casa;

la costruzione di laboratori per la libera espressione individuale e collettiva: laboratori per le arti visive come la fotografia e la serigrafia, laboratori per le arti corporee come la giocoleria, il teatro, la danza e il mimo, laboratori musicali e sale-prove;

la realizzazione di strumenti e circuiti di controinformazione antagonisti e alternativi all'attuale sistema della disinformazione, come radio e tv indipendenti, siti web, riviste e giornali, bacheche murali;

la riappropriazione di spazi liberati di socialita' dove la spontaneita' delle relazioni sociali possa emergere liberamente, scevra dalle categorie in cui si trova imprigionata dall'attuale sistema, e che trovi nella contaminazione sociale e culturale il presupposto fondamentale per la sua esplicazione, attraverso cene sociali, concerti, assemblee, attivita' sportive, spazi abitativi e ricreativi.

Collochiamo per questo le nostre pratiche e la nostra azione al di fuori e in contrasto con i metodi delle deleghe e della non-rappresentativita' delle istituzioni, dei partiti e dei sindacati confederali, in quanto mezzi della precarieta' e della poverta diffusa. I luoghi della nostra politica sono le strade e le piazze cittadine, laddove si colloca la spontaneita' delle relazioni sociali, in contrapposizione agli spazi blindati e escludenti delle amministrazioni "pubbliche", per le quali il cittadino continua a restare esclusivamente un voto. Decenni di amministrazione caratterizzati dall'assenza di politiche volte alla socialita' e imperniate su logiche di speculazione edilizia hanno determinato l'attuale situazione di disgregazione sociale e delle lotte, anche grazie a pratiche clientelari sedimentate nel tessuto politico: esempio di tale politica sorda rispetto ai bisogni di socialita' e' la situazione di abbandono e degrado in cui le nostre amministrazioni hanno lasciato e lasciano morire la struttura dell'ex area industriale Kerasav, possibile luogo di aggregazione sociale e politico ma a breve sacrificata alle logiche della speculazione.

Lottiamo, quindi, per la creazione di un centro sociale che parta da un atto di occupazione, inteso sia come sottrazione di un luogo al potere dello Stato e dei governi locali, sia come momento di riappropriazione sociale, che trovi nella pratica dell'autorganizzazione la leva per il ribaltamento complessivo dei modi di organizzare la vita collettiva a partire dai nostri quartieri.

R.I.S.S.A. - zona vesuviana
Rete Interterritoriale Spazi Sociali Autorganizzati
print


RadioLina RadioLina

Radiolina, radio pirata FM 104.95 su Napoli ed in streaming web
104.95 FM su Napoli ed in streaming web cliccando qui



Mailing List Mailing List

Per essere aggiornat*, iscriviti alla Mailing List!

Clicca qui




Sito vecchio Sito vecchio

Il vecchio sito della R.I.S.S.A.

Clicca qui




Login Login

Nome utente:

Password:


Non sei ancora registrato?
Registrati ora!



Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons NonCommercial-ShareAlike 1.0
Sito basato su flatnuke-2.5.2 (butterfly) © 2003-2004