APPUNTAMENTI DA AFFINITA'
Ci sono 4 appuntamenti in archivio.
[27-01-2017] Quer quartino d’illegalita’ tra due millenni... TORRE MAURA OCCUPATA 1992 -2017

Quer quartino d’illegalita’ tra due millenni...

TORRE MAURA OCCUPATA 1992 -2017

27 GENNAIO E 28 GENNAIO

25 anni di autogestione

Mai illusi dai magheggi del potere

Per l’Anarchia

2 GIORNI SENZA TRUCCO E SENZA INGANNO

concerti - cucina vegan - distro anarchica e d.i.y. - gran bazar der raccatto

Sottoscrizione libera a sostegno della cassa contro la repressione La Lima

VENERDI’ 27

ORE 21 CIRCA CENA

 POI SUONERANNO:

BAMBI Psycho Electro Parrucche

MALORE Old School HC Civita Castellana

RANDOM AXES Metal Noise

RPBQ 80 Industrial Rumors

SEPIK Metal HC Ceccano

Dj MIGRA Metal/Thrash/ Death/Grind

SABATO 28

Ore 16 ASSEMBLEA NAZIONALE in vista dell’udienza per la richiesta

di Sorveglianza Speciale nei confronti di un compagno anarchico,

Incontro sulle misure di prevenzione richieste in gran numero in tutta Italia:     

le provocazioni della procura e le risposte messe in campo da compagne e compagni

DOPO CENA SUONERANNO:

GRUMO Death Grind Modena

NEGOT Punk Oscuro   Bergamo

OSS! Old school  Thrash teenager

PLASTINATION Nihil Core Torino

RANKORE AnarcoStreetPunk Torino

SCHELETRO Metal Punk

Dj To8iNO  Dissoluzioni  Punx Contro

PROMEMORIA: LUNEDÌ 30 GENNAIO ore 9,00 PRESIDIO di fronte al tribunale di Piazzale Clodio

 

TORRE MAURA OCCUPATA

Via delle Averle 10 Bus 313,556,106 MetroCciloro

dove:
TORRE MAURA OCCUPATA

[16-10-2016] LABORATORI APERTI @ ZK

DOMENICA 16 OTTOBRE 2016 dalle ore 11.00 LABORATORI APERTI @ ZK Accorrete numerosi finche' c'e' la bella stagione e il sole riscalda le nostre zampe ignude... A beneficio delle spese legali della lotta contro l'alta velocita' e per la gioia di supportare l'Autogestione e l'Autoproduzione a spronbattuto... ci si dedica a sperimentare, condividere, agire alla ricerca di un modo diverso di sopravvivere in questa giungla chiamata citta'.... perche' uscire dai binari e SPROGRAMMARE noi stessi e cio' che ci circonda e' l'unico modo che conosciamo per rosikkiare spazio e tempo allo stramaledetto stato di cose presenti..... Quindi all together now facciamo la nostra birra, il nostro formaggio, pigiamo il nostro vino e impastiamo i nostri ravioli, stampiamo le nostre magliette e sviluppiamo le nostre fotografie, autofinanziamo le nostre lotte con i nostri massaggi, sentiamo la nostra musica, e distribuiamo il nostro materiale autoprodotto, il tutto senza che in questi vincoli c'entri alcuna logica di profitto e di mercato! - Massaggi benefit NO TAV - Ferment(A)zioni: birrificazione, vinificazione, distillazione e trasformazione casearia d.i.y. - Serigrafia Pirata: stampa espressa! porta la tua maglietta - Camera oscura aperta a cura di F_Zero - Cena Vegan: ravioli fatti in kasa! Inoltre... panini autogestiti a pranzo, bar, cavalcata musicale all day long, distro. ---------------------------------------------------------- Comunicato Ufficiale della Massaggeria Autogestita MASSAGGIO NO TAV CONTRO TENSIONI E DETENZIONI ZK e l'antica scuola di Hokuto e' lieta di presentarvi una delle iniziative più salutari degli ultimi 7 secoli di Autogestione! Le leggendarie tecniche pranoterapiche e digitopressive dell'estremo oriente si associano alla Lotta NOTAV. Le saggie maestre Mari Ang e Ki Hara' ( e chi altr* potrebbe essere) metteranno a disposizione tutta la loro arte per smontare dai vostri corpi le tensioni che la vita occidentale accumula nell'individuo. Le offerte al tempio saranno BENEFIT per le spese legali NOTAV e nello specifico andranno a sostenere un fratellino caduto nella rete della macchina giudiziaria della repressione. L'accusa di "rapina aggravata" e "violenza privata", si basa su pseudo-testimoni che sostengono di averlo riconosciuto allontanare da una manifestazione una giornalista-terrorista, la quale poi avrebbe perso la sua macchina fotografica. Questa e' la situazione repressiva: i PM chiedono fino a 15 anni di carcere. Il processo, per rito abbreviato, riprende (domani) 17 ottobre a Torino e potrebbe anche arrivare a giudizio. La soliderieta' e' un colpo delle 7 stelle di Hokuto! Contro le istituzioni della tensione muscolare e i buchi nelle verdi montagne. Contro il carcere e tutte le sue spietate dinamiche. daje Damia'

dove:
ZetaKappa Squatt
Via Epaminonda 666

[24-04-2016] ZirKus L'INDOMABILE MATINEé E POMIRIDIEé di ZK

La baracconica bagarre di ZirKus ha piantato il tendone nell'incantevole giardino pensile di ZetaKappa una giornata eclettica solo per indomabili animali della pista da ballo!
muZiKa dalle 10 alle 22

DJ della casa dalla frusta facile (misto masto, casual e scabballa)

CARTOMANTI inequivocabili "Il Maestra e le  Margherite"

ACROBATI dell'evasione Laboratorio Aperto di Tessuto
PIZZETTARI d'altri tempi Pizza Poker Biblioteca L'Idea
SPaZioKantina BIRRA DIY sempre in esclusiva!
SERIGRAFIA PIRATA porta la maglietta
.... e poi  giuochi, gingilli, balocchi  e trastulli tutto il dì!

dove:
zETAkAPPAsQUATT
Via Epaminonda 666 Pii Christopher Colombo , Via Canale della Lingua 1km e sei arrivat!!!

[27-02-2016] Serata a sostegno delle lotte e dei prigionieri condannati per le azioni contro il TAV

TORRE MAURA OCCUPATA

27 FEBBRAIO 2016

NED  P.S.M. presenta

Serata a sostegnodelle lotte e dei prigionieri condannati per le azioni contro il TAV

Dalle 20 cena vegan

Dalle 22 concerto HC con:

CENERE

LEVIATHAN

SOCIAL TRAUMA

FLIC DANS LA FETE Torino hard core

+ SPECIAL GUEST

E LADY CRIME DJ SET

Distribuzione anarchica e d.i.y.

dove:
Torre Maura Occupata Via delle Averle 10

Bus 106,313,556,MetroC

Il DUBBIO...
libri
L'IDEA CADUTA NELLA RETE?!
Ecco quindi anche la Biblioteca L'Idea, proiettata nel mondo virtuale; in un'epoca come questa, popolata da sostenitori convinti dell'indispensabilità di Internet, ci si potrebbe chiedere:" tutto 'sto tempo pe'fa' un sito?"(locale cadenza e usanza romana). In realtà la posticipazione della nostra entry telematica è da ricondurre più alle perplessità espresse da alcuni di noi che ad una mancanza di strumenti o di capacità tecniche per la realizzazione di un sito. Tali perplessità tuttora rimangono inalterate: riguardano la tipologia dello strumento; la qualità delle relazioni intraprese tramite esso; la critica generale alla tecnologia-progresso e ai meccanismi perversi di potere fisico e psicologico a cui è da sempre connessa; il controllo sbirresco facilitato dall'uso, spesso anche inconsapevole, di certi strumenti.
E' constatabile quanto i rapporti e le esternazioni di pensiero in rete spesso non abbiano riscontro d'azione nella realtà sia per la distanza fisica che separa i soggetti coinvolti sia per quella d'intenti che si danno per scontati teoricamente ma non hanno poi rispondenza nella pratica. Succede anche che, in contrasto ( o proprio a causa di ) la strabiliante velocità a cui viaggiano le notizie, ci si incagli tra i milioni di byte di botte e risposte, non sapendo più "a chi da' i resti" sfoderando i toni più accesi che rischiano di tradursi in portentose elucubrazioni intellettuali che dal computer difficilmente migrano per misurasi sul pratico e generare effettiva incisività di radicale cambiamento sociale. Ovviamente a tali asserzioni si contesterà il fatto che da parte di alcuni o molti è conseguito l'obiettivo di una conoscenza diretta successiva al primo approccio su una mailing list , che ha portato ad un consolidamento o all'estinzione dei rapporti. Rapporti che in ogni caso sono falsati, in quanto una conoscenza ravvicinata e personale comporta del tempo di approfondimento e di verifica di affinità, in cui l'aspetto pratico della frequentazione continuativa e l'esperienza comune è fondamentale, nella ricerca di percorsi rivoluzionari, sennò si ricalca il modello antico del penfriend chattando per compensare illusoriamente la solitudine prodotta da questa merda di società basata sulla coercizione e la competitività.
Quanto una persona a distanza, con un vissuto completamente diverso dal nostro, può comprendere ciò che noi stessi viviamo, in un contesto sociale ad essa estraneo, soprattutto in un momento in cui il potere recupera tutto, proprio sotto forma di antagonismo, in cui le medesime parole, un tempo rivoluzionarie, sono usate per occultare concetti estremamente differenti e il significante è in netta contraddizione con il "nuovo" significato? Questa corsa alla tecnologizzazione, a munirsi degli strumenti più aggiornati (upgrade mania), o anche il riciclaggio e l'uso di free software ( che per lo meno tentano di contrastare il monopolio dei sistemi proprietari e il controllo coadiuvato di multinazionali e stati), la richiesta di estensione per "pari opportunità" ai paesi che non "godono" di tale "stadio evolutivo" non rispecchiano però una concezione liberante valida per tutti. Ci sono ancora individui e popoli radicati alla terra e che in armonia con essa vogliono vivere, così come i loro predecessori, senza considerare l'energia elettrica fattore determinante per la propria sopravvivenza , i Mapuche ad esempio individuandone la sua potenzialità distruttiva si stanno opponendo, nella più complessiva resistenza all'invasione delle multinazionali, alla costruzione di nuove centrali idroelettriche che finirebbero di distruggere le loro terre d'origine.
La possibilità di usare certi strumenti non comporta quindi conseguentemente la liberazione degli individui, il più delle volte produce ulteriore assoggettamento, sfruttamento di risorse ed esseri viventi, distruzione della natura (umani compresi). Questo secolo (scorso) sarebbe stato forse "illuminante" per chi tra i rivoluzionari ottocenteschi , anche anarchici, confidava nel progresso e nella scienza, come via emancipatrice dei popoli………… Dopo aver esposto neanche esaustivamente alcune delle nostre perplessità sulla scelta di assitarci ed aver inevitabilmente suscitato l'astio dei superliberatecnoconvinti è evidente che abbiamo optato per l'uso anche di questo strumento di divulgazione dell'esistenza della biblioteca e di alcuni materiali informativi, per "stimolo alla conoscenza" (di Sé o di Che) motivo meno popularovvio della circolazione dei Saperi (da Chi per Che?).
E' nostra volontà mantenere come forme di comunicazione quelle tradizionali e più dirette possibili, invitiamo perciò chi ci vuole contattare a farlo postalmente o meglio personalmente così ci ammorberemo in maniera sia intensiva che estensiva senza farci consumare gli occhi dallo schermo ma inebriandoci la vista e i sensi dalla palpabilità delle nostre reciproche presenze.
CHE L'IDEA SI DIFFONDA NELLA RETE, SENZA IMPIGLIARVISI NE FUORIESCA E SI PRATICHI NELL'AZIONE LIBERA E ANARCHICA
L'IDEA?!
L'Idea è il pensiero, la passione, l'azione, degli individui tesi a distruggere ogni forma di coercizione e a costruire una condizione di reale eguaglianza e libertà: l'ANARCHIA.
revolt L'Idea e anche uno dei modi per conoscere il pensiero, l'azione e gli individui lanciati nella sfida all'ordine costituito.

L'Idea è una biblioteca, nata nel 1995, dall'incontro d'individualità anarchiche interessate a rendere fruibile il materiale (libri, opuscoli, periodici, manifesti, ecc.), raccolto nell'Archivio Internazionale di Controcultura del Movimento Operaio, prima gestito individualmente, e che nel corso di quest'esperienza si è arricchito di molto altro materiale.
Non abbiamo dato vita ad un gruppo politico, ma consideriamo questa nuova realtà, gestita collettivamente secondo il principio dell'unanimità, interna al movimento anarchico del quale custodisce parte del patrimonio storico/culturale.
Siccome non rispondiamo certo alla figura professionale di "bibliotecari" (non ci piacciono le specializzazioni), in quest'ambito da anni distribuiamo materiale anarchico e libertario autoprodotto. è nelle nostre intenzioni pubblicare degli opuscoli che servano a far conoscere testi attualmente di difficile reperibilità.
Precisiamo che la biblioteca è completamente autofinanziata sia con le quote di chi è all'interno del progetto sia attraverso la diffusione. Invitiamo coloro che sono interessati alle attività della biblioteca o che abbiano proposte di passare durante i giorni d'apertura del martedì e venerdì dalle ore 16.00 a Via Braccio da Montone 71-71\A oppure scrivere a
biblidea[at]bastardi.net
ospitati da inventati

Come Arrivare