Contributo di Vincenzo Guagliardo alla discussione sul testo "Di sconfitta in sconfitta"


Mi è difficile rivolgermi a un pubblico che non vedo, a freddo invece che in risposta alle sue domande...

Posso però almeno affermare, rispetto a quanto scrissi anni fa in "Di sconfitta in sconfitta", che i temi allora affrontati in un ambito piuttosto particolare, oggi andrebbero riaffrontati all'interno di un'immensa montagna dov'è facile smarrirsi. I dispositivi per lealizzare le coscienze, ormai ben al di là del sistema penale o delle dinamiche delle sconfitte rivoluzionarie da me analizzate oltre dieci anni fa, sono diventati tout-court la politica principale per il nuovo proletariato, il ricatto che in questa crisi ormai permanente e niente affatto ciclica del capitalismo, riguarda tutto il mondo del lavoro o della ricerca di un posto di lavoro. Questo ricatto è anzi la nuova scuola di formazione della forza-lavoro attuale, una sorta di nuova Inquisizione sociale globale. Ogni lavoratore, o quasi, deve diventare il guardiano di se stesso come quei prigionieri che devono volontariamente rientrare in carcere alla sera dopo una giornata di lavoro svolta fuori.
Mi sembra che, anche se in modo diverso ovviamente, molto più sofisticato, stiamo ritornando alle origini del capitalismo, quelle della nascita di una forza-lavoro necessaria al suo avvento. Ogni precedente figura proletaria venne allora vista come sospetta, levatrice o fabbro o contadino o vagabondo che fosse. Recuperando i dispositivi inquisitoriali già messi in campo nei secoli precedenti contro i cosiddetti eretici, cioè contro i rivoluzionari di quei tempi, chi non si adeguava alle nuove condizioni di lavoro era un sospetto, sospettato cioè di avere stabilito un patto eretico - col diavolo -, e pertanto, rivelava sicuramente nei suoi comportamenti di essere un perverso - ossia sodomita - e ebreo - cioè deicida. Quei pigri indios d'America - si ricorderà - furono perciò proprio accusati di essere ebrei (cioè discendenti degli ebrei colà trasferiti per provvedimento divino!), sodomiti e perciò indiavolati da inviare in miniera. Questa politica di formazione di una forza-lavoro recalcitrante costò in pochi decenni la vita al 90% della popolazione (69 milioni). Il meccanismo inquisitoriale obbliga infatti alla delazione del vicino, scatena cioè come prima cosa il rito della ricerca del capro espiatorio. Ma attenzione: il processo inquisitoriale non conosce presunti innocenti, bensì, in un'originale versione del peccato originale, solo presunti colpevoli. Per chi poi si ostina quindi a non voler imparare a "stare al proprio posto" scatta un secondo rito, la caccia all'uomo: escludente e annientante. Ti escludo ammazzandoti, in modo possibilmente feroce e spettacolare, per meglio includere gli altri. E questo fu il prezzo dell'accumulazione originaria capitalistica dove cito solo l'esempio significativo degli indios, tanto per non dilungarci a parlare anche dell'Europa. L'intera vicenda è ancora conosciuta sotto il nome assai riduttivo di "caccia alle streghe" (a prescindere dal sesso delle vittime, ovviamente).
La crisi attuale è sempre un problema di accumulazione del capitale. Non si risolve mai e scatena sempre guai. Sempre più grossi. Oggi diventa sempre più "distruttiva" e sempre meno "produttiva". Quali altre zone non capitalistiche si possono mai conquistare con una guerra purificatrice per creare nuovi mercati che favoriscano l'accumulazione come successe con la conquista dell'America e i vari stermini coloniali? Siamo alla saturazione. Vedo oggi attraverso le tante "piccole" guerre o le grandi operazioni finanziarie, coadiuvate da uno stato nazione- commissario di polizia e dalla legislazione supina del "sistema dei partiti" (di destra e sinistra) non più un rilancio possibile di forze produttive ma la loro distruzione in un immenso trasferimento di redditi dai più poveri ai più ricchi che garantisce il profitto e lo aumenta pure, ma non risolve affatto le difficoltà di accumulazione del capitale. Il suo tasso cala lo stesso.
Il risultato è che la crisi "permanente" liberista è distruttiva d'ogni tessuto sociale (per non dire del pianeta) in una spasmodica riformazione della forza-lavoro che si fondi su una servitù volontaria assoluta (e un sovrappiù di umanità). Non-collaborazione o servitù volontaria assoluta sono i due poli su cui si confronteranno oppressi e oppressori.
Insomma, anche noi allora oggi dobbiamo, per certi versi, come il capitalismo, tornare alle origini: quelle del movimento operaio. Se la riformazione coatta della forza-lavoro distrugge la comunità umana, compito della politica (rivoluzionaria) è quello di ricostruirla. Ciò che prima veniva dato spontaneamente e su cui si costruiva poi la politica degli oppressi oggi è sottosopra. Non possiamo più di tanto illuderci su un ritorno del welfare state. Dal terreno rivendicativo bisognerà passare a quello ricostruttivo. Alle società di mutuo soccorso o, di contro, alle distinzioni tra buoni e cattivi e a tutto quello che ne consegue. Cambiano gli orizzonti dell'agire, ed è su questo che vorrei invitare ognuno a riflettere.


Due parole sul carcere.

Nel nostro comune immaginario, la tortura si concentra in episodi eccezionali, in particolari circostanze, per una durata di tempo «relativamente» limitata al fine di estorcere una confessione, ma soprattutto - in realtà - per spezzare un individuo, annichilendo la sua volontà, distruggendo cioè gli animi prima ancora che i corpi. Oggi questi confini che abbiamo posto nella nostra mente si fanno sempre più labili. L'indifferenza con cui per esempio si continua ad accettare il "sovraffollamento" carcerario nasconde una realtà torturante, volta a distruggere l'individuo dal punto di vista psicofisico, ed è una realtà che sta diventando sistema: applicato a migliaia di persone come condizione di vita quotidiana prolungata. Ma c'è di più. Per esempio: i molti che scontano l'ergastolo con il cosiddetto reato "ostativo". Costoro non possono usufruire di alcun beneficio previsto dall'ordinamento penitenziario e perciò, in teoria, possono solo aspettare la morte in carcere. In teoria, perché il "trucco" c'è: se "collaborano", questa condanna a morte a secco e diluita nel tempo viene ritirata... In pratica, queste persone possono uscire da lì solo se accettano di mandare un'altra persona al loro posto!
Ebbene, molti di questi ergastolani non lo hanno fatto. Qualcuno ha detto che non lo fanno per non esporre i loro cari a rappresaglia. A prescindere dal fatto che preoccuparsi della sorte altrui è una scelta rispettabile che nulla toglie all'orrore del ricatto posto loro, c'è da dire che non è solo così perché non può essere solo così. E basta leggere i loro appelli, le loro lettere e testimonianze per rendersene conto. Il fatto stesso di accettare di morire in carcere se non cambia questa legge ricattatoria è oggi una delle più alte espressioni di una resistenza per la libertà di coscienza di tutti e per la dignità d'ognuno, offese da un sistema penale "impazzito" e accettato con il silenzio generale. Le condizioni estreme possono distruggere un individuo, ma possono anche suscitare una dolorosa presa di coscienza alla quale è prezioso rispondere, scoprendo gli orizzonti di una non- collaborazione che non avevamo preso in considerazione e rendendoci così i ciechi complici di una nuova Inquisizione.
Ma da dove viene questo "impazzimento"? Intanto - direbbe Shakespeare - bisogna notare che in questa follia c'è del metodo. Proviene dall'alto, a partire dallo stesso potere legislativo, e non dalla cattiveria del singolo che poi vi potrà trovare il suo spazio congeniale. C'è infatti sempre meno ipocrisia nella pioggia di provvedimenti vari e leggi che creano questo inferno delle anime, che investe, prima ancora del carcere, già il processo, per esempio con l'istituto del patteggiamento: cioè con la riduzione delle aule di giustizia a un mercato. Al centro di questa nuova logica che prima si nascondeva nel buio più profondo delle carceri, o nelle tecniche di tortura, nascoste dietro situazioni "particolari", si affaccia come sappiamo dagli anni '80, cambiando il volto delle stesse leggi, il "premio" che progressivamente sostituisce tutto ciò che fino a ieri intendevamo come "diritto". E' evidente in lingua italiana che se ti dico che una cosa può spettarti solo come premio, è perché non ti spetta più come diritto. E se non ci stai,... ti distruggo. Perché dove c'è premio, c'è punizione per chi non lo merita: il "pentito" esce, e spesso riprende a compiere reati, il non-pentito vive il carcere ostativo... Ma lo scopo di questa strategia, d'altronde, non è quello di far diminuire i reati né quello di punire i rei...
La premialità infatti instaura così facendo un regime totalitario che pretende il controllo sistematico e capillare degli individui al di là dei loro comportamenti, fino a colpire la loro realtà interiore. Non vuole cittadini "perbene" ma nuovi sudditi. Questa pretesa, perciò, crea inevitabilmente anche il suo contrario al momento della sua applicazione: l'arbitrio. Una prassi penale fuori dal diritto. Ed è qui che non possiamo più stupirci quando si affacciano personaggi come la defunta suicida direttrice di carcere Armida Miserere. Aveva fama tra i reclusi di non essere a posto. I reclusi avevano torto. Veniva persino mandata in missione quando c'era da mettere "a posto" qualche carcere e nella sua lettera di addio al mondo accenna di aver fatto parte di quella nuova struttura di intelligence (ossia di spionaggio) realizzata nelle... carceri (!) quand'era ministro della giustizia il "comunista" Diliberto. Miserere forse non ha più retto questo ruolo - in tal caso ciò vada a suo merito -, ma è stata lo stesso un'avanguardia che oggi è sempre meno sola.
Oggi hanno fatto un film con la Miserere come eroina, interpretata da Valeria Golino.
L'ipocrisia del potere, in fondo, era una mezza virtù. Quando fingi di onorare certi princìpi mentre vuoi fare l'opposto, sei comunque costretto a mascherarti, e quindi a limitarti. L'ipocrisia è un freno a quell'arbitrio totale che è il frutto inevitabile dei sogni di controllo totalitario. Oggi il "liberismo" penale non è più ipocrita. Ha finalmente portato alla luce del sole il nucleo da sempre nascosto del sistema penale nei suoi angoli più bui o nelle sale di tortura. Ora, chi ha occhi per vedere, può capire e riflettere.

V.G.
(maggio 2013)


informativa privacy