Free Festival delle bambine e dei bambini - scuola bene comune 2010

dibattito svoltosi alla scuola primaria di via Palmieri (Milano) il 15/10/2010

Presentazione del libro Divieto di infanzia di Chiara Gazzola (BFS, Pisa 2009)

Davide
Io dico due cose veloci per introdurre la serata, poi iniziamo subito. Questo è il secondo dibattito; oggi c’è stata una iniziativa dedicata ai bambini, dall’altra parte del plesso scolastico, all’interno della “quattro giorni” del “Free Festival dei Bambini”. Tra i promotori, oltre al coordinamento dei comitati delle scuole della Zona 5, ci sono la Calusca, l’Archivio Primo Moroni e Cox 18, quindi un centro sociale; ovviamente non possiamo non dire qualcosa su quel che è accaduto in via Savona ieri, lo sgombero di uno spazio occupato da alcuni mesi, fra l’altro sette persone sono ancora arrampicate sul tetto, abbastanza determinate a non mollare. Noi siamo, naturalmente, solidali e crediamo che la vicenda sia un po’ lo specchio di questa città; fra l’altro il vicesindaco De Corato ieri, con una fretta un po’ eccessiva, già sembrava compiaciuto dello sgombero annunciando che ne seguiranno altri; noi siamo un po’ in cima alla lista dei suoi pensieri e questo non ci rassicura molto… Quindi è una battaglia comune che condividiamo con questi nostri compagni e non solo.
Detto ciò, entrerei nel merito della serata che vede la presenza di Chiara Gazzola, che ha scritto Divieto di infanzia, un libro sull’uso degli psicofarmaci con i bambini e su di una diagnosi, ultimamente anche un po’ di moda, quella del disturbo di iperattività e di carenza d’attenzione, il cui acronimo inglese è ADHD. Questo libro quindi riguarda un po’ tutta la questione della psichiatrizzazione dell’infanzia, l’etichettatura e l’approccio in termini di sedazione a comportamenti giudicati, all’interno di una classe scolastica, inopportuni, non normali, non accettabili. È quindi un insieme di temi piuttosto importanti che si collegano con alcuni argomenti già considerati ieri sera nel dibattito sui bambini con disabilità. Non direi altro, lasciando subito la parola a Chiara.

Chiara Gazzola
Mentre facevo il viaggio in treno, avendo letto sul programma di queste iniziative che ci sarebbe stato anche Francesco Codello, un autore di libri sulla pedagogia libertaria molto preparato e molto bravo, mi sono detta: “forse è il caso che, prima di entrare appieno nel discorso affrontato in questo librettino, io provi a definire qual è oggi il contrario dell’educazione libertaria, quella che potremmo considerare una educazione repressiva e autoritaria”. E pensavo che oggi l’educazione repressiva non è quella delle botte, benché oggi ci siano ancora queste situazioni, la violenza fisica sui bambini o la discriminazione, intesa come “ti chiudo in uno sgabuzzino”, e altre cose, magari più salienti nella memoria di noi che abbiamo una certa età. Oggi l’educazione repressiva e autoritaria potrebbe significare la schematizzazione eccessiva dell’approccio relazionale, cioè quando nel rapporto tra adulto e bambino si tende sempre a schematizzare e a dare un nome a certe situazioni o a certi comportamenti che possono essere a due, singoli o di gruppo, di classe, se parliamo delle scuole. Perché ovviamente è più facile e più comodo pensare a un approccio relazionale schematizzandolo in una certa situazione, invece che pensare l’approccio relazionale come una dinamica che può variare di giorno in giorno, se non addirittura di ora in ora. Oppure si potrebbe instaurare un’educazione repressiva quando siamo noi adulti a non chiederci esattamente quali siano i limiti che dobbiamo dare. Perché penso che l’adulto sia un punto di riferimento importantissimo per i bambini e quindi è anche nostro compito a un certo punto dare dei limiti. A Bologna c’è un’espressione: “i bambini sono alla molla”, per intendere che non hanno limiti, non hanno punti di riferimento; questa non è più libertà, perché la libertà di fare tutto diventa la libertà di non fare niente. “Io adulto mi faccio gli affari miei e i bambini si arrangiano”: in questo arrangiarsi si crea un distacco che è una non relazione, in cui entrano poi le contraddizioni possibili. Oppure quando l’adulto viene visto dal bambino in una totale incoerenza – cioè dico una cosa, ne faccio un’altra –, che esempio do? Oppure quando al bambino diamo troppe certezze, non siamo capaci di instaurare nei bambini i giusti dubbi affinché loro riescano a riflettere e a riuscire pian pianino a tirare le loro considerazioni, se gli diamo troppe certezze, “le cose sono così e basta”, o solo bianche o solo nere, ci sono tutte le sfumature dei grigi che i bambini non vedranno mai. Ovviamente poi quando si instaurano ricatti morali, false gratificazioni – in programma c’è La guerra dei fiori rossi, un film molto bello, che su queste false gratificazioni la dice lunga. Oppure quando col nostro comportamento, con lo stress che abbiamo nella vita quotidiana siamo capaci solo di limitare la loro fantasia, di rinchiuderla, di non lasciarli sognare; i sogni fatti da bambini sono i desideri che noi sviluppiamo da adulti e probabilmente la capacità poi di progettare un nostro futuro. Poi, ovviamente, educazione repressiva secondo me significa uniformità, omologazione, discriminazione e anche questo andrebbe dettagliato nelle varie situazioni. Oppure indurre alla paura; ho scritto un libro sulle paure, io non sono un’analista che pone dei punti fermi e viviamo in una società che ci mette in testa molte paure indotte, viviamo di paure, però sono paure spesso artefatte o volute ad hoc perché noi ci autoreprimiamo, ci autoleghiamo, ci chiudiamo in casa. Oppure educazione repressiva potrebbe voler dire non stimolare la ricerca, il senso proprio di approfondimento. Come ultimo punto, la deresponsabilità. Qui mi riaggancio al libro, perché parlando di abuso di psicofarmaci nella maggior parte delle situazioni quello che succede è che nel momento in cui, soprattutto nelle scuole, un bambino viene etichettato come elemento di disturbo, bambino difficile, bambino problematico, è lì che quasi sempre scatta il ricorso all’esperto. Cioè, quando il cosiddetto elemento di disturbo o il diverso ti impedisce di svolgere il programma come tu l’avresti prefissato, a un certo punto subentra l’esigenza di chiamare un esperto, che può essere lo psicologo, ma dallo psicologo spesso si passa al neuropsichiatra; lì può succedere di tutto perché ovviamente le situazioni non sono per fortuna in tutti i posti uguali, non succede sempre la stessa cosa, ci possono essere approcci molto positivi alle difficoltà che subentrano in una classe, però si può anche arrivare a una diagnosi psichiatrica per quel bambino e le conseguenze delle diagnosi psichiatriche possono essere moltissime.
Ho ricevuto critiche su questo testo da parte di persone che lavorano nella scuola e affrontano i problemi in una maniera positiva: “guarda che non è mica sempre così”, ovviamente queste cose le so però quando uno scrive un libro di denuncia parla dell’estrema negatività, sperando che non succeda quasi mai o in pochi casi. Però l’allarme esiste, non tanto a livello italiano quanto soprattutto a livello statunitense, australiano, inglese. Però anche in Italia in certe zone soprattutto si stanno facendo dei passi da gigante. L’uso di psicofarmaci con i bambini viene spesso considerato una cosa paradossale, abnorme, si dice che “non può essere”, però io vi posso assicurare che anche l’uso delle cosiddette benzodiazepine, cioè i tranquillanti minori, è molto diffuso. Per esempio le gocce per dormire, che vengono date anche sotto i due anni, possono essere prescritte anche dal pediatra, con un approccio abbastanza leggero, non è che serve per forza una diagnosi psichiatrica. Le ricette che sono obbligatoriamente scritte dal neuropsichiatra sono su farmaci più pesanti; le benzodiazepine, poiché sono considerate tranquillanti minori, le può prescrivere anche il pediatra. Dice “signora non si preoccupi, se il bambino ha dei disturbi del sonno lei gli dà qualche goccina”; solo che lì dopo si instaura una catena negativa. Prima di tutto perché comunque non è vero che sono “leggeri”. Adesso non voglio entrare nel dettaglio tecnico dei vari psicofarmaci perché sposteremmo il discorso su un piano non solo molto tecnico ma che andrebbe approfondito molto, però se c’è l’esigenza lo possiamo fare. Dunque il ricorso a queste goccine viene descritto come una cosa leggera proprio perché spesso diventa un aiuto più per l’adulto che per il bambino. Sì, il bambino dorme, così l’adulto riesce ad alzarsi presto per andare a fare i turni, sappiamo che viviamo tutti in una società molto stressante, con dei ritmi che sono innaturali soprattutto per noi adulti, i bambini si adeguano non sempre con grande capacità. Se c’è da puntare il dito contro qualcuno non lo punterei contro i singoli che fanno questo tipo di scelta, perché le scusanti possono essere molte, però bisogna anche sapere che le alternative esistono. Sia per i disturbi del sonno che per altre situazioni. Del resto viviamo in una società che medicalizza qualsiasi evento naturale, soprattutto a scapito di noi donne; qualsiasi momento che dovrebbe essere annoverato tra le fasi naturali della crescita e della maturità della persona viene poi medicalizzato, quindi è facile che ci facciano prendere farmaci anche quando non sarebbero necessari. Come adulti e come educatori – perché penso che al di là degli insegnanti e dei genitori siamo un po’ tutti educatori di bambini, perché nessuno di noi non instaura una relazione con bambini (figli, nipoti, fratelli sorelle o vicini di casa), il nostro rapporto con i bambini è un elemento della vita quotidiana – noi siamo un punto di riferimento per i bambini e dovremmo assumerci questa responsabilità, secondo me è fondamentale. E allora cominciamo a chiederci perché, quando e come mai succede che il comportamento dei bambini contrasta con le nostre aspettative; perché ci ritroviamo a dire “quel bambino è difficile”, “quel bambino disturba”, “quel bambino non fa quello che io vorrei”. Facciamo un passo indietro e chiediamoci se siamo in grado di capire il bambino o per lo meno di instaurare un codice per entrare nel suo linguaggio, che può essere quello verbale o quello non verbale, che sappiamo essere spesso molto più importante. Che cosa ci vogliono comunicare questi bambini? Spesso sempre a causa della vita stressante che facciamo non abbiamo il tempo né la voglia né la tranquillità per fermarci un attimo a domandarcelo. Ecco, io ritengo l’infanzia quel periodo della nostra vita nel quale vi è una potenziale libertà. Attraverso i desideri, le aspirazioni, i sogni se noi riusciamo a vivere questa fase della nostra vita nel giusto contesto avendo una relazione stimolante con gli altri bambini e con gli adulti, forse potremmo riuscire a sviluppare una personale interpretazione dell’esistenza; per cui se noi adulti riusciamo ad aiutare i bambini a formulare questa personale interpretazione dell’esistenza, allora i bambini possono poi da adolescenti e da adulti sviluppare un senso critico, un senso di responsabilità nei confronti degli altri e quindi della società, altrimenti ne facciamo o degli automi o delle persone che sono controllate sin da piccole e quindi da grandi non saranno in grado di sviluppare autonomia; dopo è inutile che ci lamentiamo perché abbiamo giovani che non sanno che strada prendere nella vita, che non riescono a trovare il giusto adeguamento nella società.
Stasera non so se affrontare il discorso più dal punto di vista della pedagogia, dell’educazione o entrare proprio nel dettaglio di quella che è la critica all’approccio psichiatrico, perché non so bene cosa potrebbe interessarvi di più, per cui voi fermatemi pure. Vi do comunque dei dati, perché secondo me a partire da lì riusciamo a capire la portata di questo fenomeno. L’allarme viene soprattutto dagli Stati Uniti d’America, quindi vi do prima alcuni dati su questo Paese. Gli Stati Uniti spendono in pubblicità per gli psicofarmaci rivolti sia ai bambini sia agli adulti 5 miliardi di dollari annui circa, probabilmente anche di più. L’Italia è il quinto mercato farmaceutico mondiale, quindi siamo un paese che consuma molti farmaci, dai salvavita all’aspirina. Nel 2007, gli psicofarmaci coprivano il 12,5% di tutto il mercato: per quanto vecchio e probabilmente in difetto, è questo un dato comunque molto alto. Considerate che dal 2004 al 2007 la vendita di psicofarmaci in Italia è triplicata, ciò significa che ci si sta puntando molto e i più venduti sono gli antidepressivi, anche sui bambini. La diagnosi di ADHD sull’iperattività è la più conosciuta perché c’è stato il progetto Prisma, quindi una sperimentazione fatta ad hoc, in alcune province italiane, tra il 2003 e il 2005 se non ricordo male. Il progetto Prisma aveva come obiettivo, di fatto, di reintrodurre un farmaco denpminato Ritalin, che è metil fenidato, praticamente anfetamina. Era fuori commercio in Italia, quindi pur di reintrodurlo sono riusciti a ottenere questa sperimentazione chiamata Progetto Prisma fatta in cinque province tra cui c’era anche una zona di Milano e c’era Lecco per la Lombardia, poi c’era Pisa, Cagliari, una zona di Roma e dopo hanno aggiunto anche Rimini; perciò in quel periodo si parlò molto dell’iperattività e della carenza di concentrazione. Però, in ogni caso, i dati ci dicono che la diagnosi più diffusa in Italia è quella della depressione, iniziano a fare diagnosi di depressione anche a due anni; come si faccia a dire che una bambina di due anni è depressa… però lo fanno. Come fanno a diagnosticare questo tipo di patologia? Non lo fanno attraverso esami clinici perché non esistono, lo fanno attraverso colloqui oppure attraverso l’utilizzo dei test. In fondo al libro è riportato il test utilizzato nel progetto Prisma. Anche se questo progetto è terminato, perché era un progetto sperimentale, ho voluto comunque pubblicare questo test. Primo perché ci si rende conto di qual è l’approccio per arrivare alla diagnosi, quali sono i metodi che i neuropsichiatri utilizzano. Se qualcuno fosse interessato, ho anche le linee guida sulla ADHD firmate dal SIMPIA, i neuropsichiatri che poi hanno promosso il progetto Prisma. In alcuni centri di neuropsichiatria questi test vengono utilizzati ancora per fare le diagnosi, benché siano stati molto criticati da pediatri e neuropsichiatri e benché addirittura alcune regioni si siano opposte alla diffusione di questi screening, ritenendoli deleteri. Se volete vi leggo alcuni di questi passaggi così abbiamo un po’ un’idea insieme... Allora, ci sono, mischiate, tutta una serie di domande. Innanzitutto è importante sapere il tipo di risposta che si può dare. Le risposte sono “per nulla”, “abbastanza”, “molto”, “moltissimo”, quindi sono dal mio punto di vista risposte molto soggettive? Se io domando “quel bambino si muove troppo sulla sedia?”, “è capace di stare fermo per svolgere le attività che gli vengono richieste?”, rispondere “per nulla”, “abbastanza”, “molto”, “moltissimo” dipende dal criterio e dalle aspettative che io adulto ho: se ho una mentalità molto repressiva, molto rigida dico “quel bambino non sta mai fermo, di agita in continuazione”; una persona molto più tollerante dice “no, è un bambino, gioca, ovvio che si muova”; per cui lo stesso comportamento giudicato da persone con mentalità diverse diventa un comportamento completamente diverso. Le domande sono poi suddivise in vari filoni, c’è il filone che dice “mangia normalmente?”, “dorme normalmente?”. Il questionario veniva dato sia a casa sia a scuola quindi venivano comparate le risposte degli insegnanti e dei genitori sul singolo bambino, per poi arrivare a dire chi era malato e chi no. Poi ci sono delle domande della serie “dice delle cose che difficilmente si capiscono?”, “dice cattiverie nei confronti degli altri?”, “parla senza fine solo di alcuni argomenti?” oppure domande della serie “usa gesti per chiarire ciò che dice?” “gli viene da piangere senza motivo?” (e noi lo sappiamo se è senza motivo?); chiaramente ci sono domande della serie “è ubbidiente?”, “sa aspettare il suo turno?”, “capisce poco le espressioni degli altri”... Il progetto Prisma è stato sviluppato in due fasi, nella prima fase erano bambini delle elementari, poi è stato allargato sia alla media sia alla materna.
Sono successe delle cose abbastanza carine dal mio punto di vista. Come ho detto, ci sono state due fasi del progetto Prisma e nella seconda non solo hanno allargato le fasce di età ma hanno anche un po’ corretto il questionario, perché nella prima fase hanno preso quello statunitense tale e quale, limitandosi a tradurlo. Allora ci sono anche inseriti dei punti: “ha forzato qualcuno ad attività sessuali?”, “ha rubato affrontando la vittima per esempio aggressione, scippo, estorsione, rapina a mano armata?”, “spesso sta fuori casa di notte nonostante la proibizione dei genitori con inizio prima dei tredici anni di età?”, “ha usato un’arma che può causare seri danni fisici ad altri, per esempio un bastone, una bottiglia rotta, un coltello, una pistola?” e ce ne sono diverse di questo tipo. C’è tutta una introduzione, il consenso informato, noi siamo il centro di neuropsichiatria, a cosa serve ’sta ricerca, tutta una roba di pseudoscientificità; poi dopo aver letto queste domande, tanti genitori l’anno stracciato dicendo “io mi rifiuto, mio figlio ha sette anni e mi chiedi se ha forzato qualcuno ad atti sessuali?”. Sono successe anche delle cose abbastanza paradossali in quel periodo.
Torno al discorso dei dati. Negli Stati Uniti d’America ci sono alcuni farmaci che hanno per consumatori circa 10 milioni di minori, per esempio lo Zoloft (in Gran Bretagna vietato al di sotto dei 18 anni, proprio perché considerato troppo forte), il Ritalin, il Risperdal, lo Zyprexa, che è un neurolettico, per cui uno dei più forti. 10 milioni lo Zoloft, 9,6 il Ritalin, quasi 20 il Risperdal, non bisogna fare la somma tra questi dati. Sembra infatti che le ricette di psicofarmaci a uso pediatrico negli Stati Uniti si aggirino intorno ai 20 milioni di consumatori. Questo perché l’uso di psicofarmaci induce poi spesso, per via degli effetti collaterali, a doverne associare un altro. Quindi spesso questi ragazzini quando arrivano a un’età adolescenziale o preadolescenziale, se iniziano tra i 5/6/7 anni, finiscono col consumare un cocktail di psicofarmaci. Adesso io non voglio fare un discorso proibizionista, per me un adulto è libero di assumere le sostanze che vuole, assolutamente, però sappiamo che gli psicofarmaci sono considerati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità delle droghe vere e proprie. In ogni caso uno dei pochi dati certi sulle conseguenze della somministrazione di uno psicofarmaco, anche a noi adulti, è un danno neurologico oltre a una serie di danni fisici. Penso che sia scontato cosa può succedere nel fisico e nel sistema neurovegetativo di un bambino con l’uso di uno psicofarmaco. In Italia, come dicevo, i farmaci più somministrati sono quelli che rientrano nella categoria degli antidepressivi. Per i bambini, il dato più aggiornato è quello che va dal 2,5% al 3% della popolazione che assume antidepressivi, per la fase adolescenziale si sale al 7%. Sembra che tra il 10% e il 12% della popolazione italiana in una fase della sua vita abbia assunto antidepressivi. Uno li può prendere per un periodo di tempo, non è che deve prenderli per tutta la vita. Però un 12% della popolazione che in una certa fase della sua vita ha assunto degli antidepressivi mi sembra già un dato alto, anche se la situazione in Italia è un pochino migliore di quella degli Stati Uniti. L’istituto Mario Negri parla di 60.000 famiglie nelle quali si fa uso di antidepressivi, il che potrebbe voler dire a livello individuale un numero più alto perché in una famiglia ci può essere più di un figlio. A livello di adolescenti per esempio c’è lo Seroxat, che è una Paroxetina quindi è sempre antidepressivo; questo specifico psicofarmaco è assunto da 30.000 adolescenti; poi si sale un po’ di numero più sale l’età. Il Prozac, per esempio, in Italia ha raddoppiato le vendite negli ultimi 8 anni, quindi c’è comunque una escalation.
Ecco, io due paroline di critica alla psichiatria le vorrei dire, senza dilungarmi troppo sulla storia della psichiatria e sul suo approccio rispetto alla bollatura dei comportamenti al non rispetto delle diversità. A farmi più male, quando penso all’approccio psichiatrico, sono tre o quattro cose. Una è la confusione che gli psichiatri fanno tra i deficit neurologici e le patologie psichiatriche, quelle che sono poi comprese nel DSM. Il DSM è una catalogazione delle patologie psichiatriche che viene stilata ogni tot anni, la prossima sembra che sarà nel 2012, l’ultima era del 1994. Vi faccio un esempio, l’ultimo DSM che è uscito è il quarto. Nel secondo e forse anche nel terzo viene riportata come malattia mentale l’omosessualità. Adesso l’omosessualità non è più una malattia mentale, è una diversità da considerare in una certa maniera. Allora non è che nel frattempo l’omosessualità si sia modificata, no? Al limite si modificano le leggi, i diritti e i doveri, come la società tutela e amministra certe situazioni, ma non la spiegazione dell’omosessualità, che però prima era malattia mentale e adesso non lo è più e così via, tanti comportamenti vengono classificati dalla psichiatria come malattia mentale a seconda dei periodi storico-culturali. Si classifica come malattia mentale la tendenza che può avere una persona a giocare d’azzardo o la tendenza a tradire il coniuge o la timidezza; adesso stanno cioè cercando di inserire comportamenti che fanno parte del nostro approccio culturale alle situazioni e che non sono assolutamente definizioni medico-sanitarie. Se la psichiatria si considera, e a livello accademico lo è, una specializzazione della medicina, però per stilare le diagnosi non si avvale di metodi scientifici, allora io mi chiedo cosa ci sta a fare la psichiatria all’interno della medicina. L’approccio psichiatrico alla cura delle cosiddette malattie mentali è esattamente l’opposto di quello che ha la medicina nei confronti di tutte le altre patologie. La medicina cosa fa? Esiste una malattia, cerchiamo la cura per questa malattia. Benché sappiamo che ci sono bufale anche in medicina, nel momento in cui hanno capito che cos’è la broncopolmonite hanno cercato la cura per la broncopolmonite. In psichiatria succede esattamente l’opposto, lo ammettono gli stessi psichiatri. Vi faccio l’esempio del Ritalin che è un po’ il farmaco di elezione della diagnosi di ADHD, dell’iperattività. Il brevetto del Ritalin è del 1954, poi cercano di capire come può essere immesso sul mercato, quindi cosa potrebbe curare; negli anni Settanta cominciano a definire che cosa può essere l’iperattività e poi man mano la classificano meglio, specificandone le varie sottospecie di iperattività; negli anni Ottanta, quando la ADHD viene inserita nel DSM, negli Stati Uniti i casi si aggirano intorno a 70.000; oggi sono dieci milioni. A me questo pare un approccio antiscientifico: esiste o non esiste ’sta malattia? Esistono bambini che sono effettivamente un po’ troppo agitati, che fanno fatica a concentrarsi, ma questo è tutt’altro discorso. C’è bisogno di definire una patologia o c’è bisogno, da adulti, di prenderci la responsabilità di instaurare un rapporto relazionale con quel bambino? Ci sono dei bambini che effettivamente possono creare delle problematiche in un gruppo classe o nelle famiglie o quando vanno a fare sport, però allora affrontiamo il problema dal punto di vista della relazione. Anche le relazioni tra gli adulti, secondo me, sono molto diverse da quelle che potevano essere dieci, venti o trent’anni fa. Nella mia esperienza lo sono. Trent’anni fa per comunicare con le mie amiche non usavo il telefonino, andavo in piazza e le vedevo. Adesso non si fa più così. Sono cambiate le modalità relazionali. Senza entrare in giudizi di merito, la vita relazionale degli adulti cambia, la società cambia, sempre più frenetica e stressante. Non è facile adeguarsi a una società che ci porta a essere sempre più di corsa.

Loredana
Quando il progetto Prisma è terminato in Italia, che cosa è successo?

Chiara Gazzola
Ci sono stati dei risultati più approssimativi di quelli che ci aspettavamo, sono usciti anche con un certo ritardo. Il progetto Prisma va dal 2001 al 2004, si erano dati un obiettivo del 4%, che era una media internazionale; quindi dicevano: “vedrete che sulla diagnosi della ADHD sono interessati il 4% dei nostri bambini”; sono arrivati a questo dato, però nel 4% c’è un misto di diagnosi tra la ADHD e la depressione, caso strano le depresse sono le bambine e gli iperattivi sono i maschi, però in un gruppo classe disturbano entrambi. Entrambi i comportamenti non permettono ai programmi ministeriali di essere svolti. Inoltre, il progetto Prisma dà questo dato, stranissimo, del 9,1% (equivalente a 737.000 bambini) di utenti pediatrici che soffrirebbero di disagi psichici. Cosa vuol dire “soffrirebbero”? È scientifico parlare al condizionale? Un dato o c’è o non c’è. Abbi il coraggio di dirmi se ce l’ho o non ce l’ho il colesterolo alto. Però se ho il colesterolo alto, esiste un esame clinico che lo controlla e mi dice se questo dato si abbassa, se sto meglio o se sto peggio, se sono a rischio o se non sono a rischio. Ecco una grossa critica alla psichiatria: non esistono esami clinici. Se io mi sottopongo a una TAC quando sono in un momento di euforia, magari perché sono innamorata cotta, ci sono dei cambiamenti nei colori dati da questo esame che possono essere confusi con quello che loro leggono… insomma c’è una gran confusione. Le mutazioni emozionali – l’innamoramento, uno stato di paura o di ansia – vengono lette dalle TAC nella stessa maniera che viene poi utilizzata dagli psichiatri per dire “hai visto che questo è proprio uno schizofrenico?”. Le linee guida del SIMPIA affermano che “c’è bisogno di diagnosticare anche in Italia l’ADHD, perché è una malattia seria, noi siamo in ritardo”. Questi neuropsichiatri, che sono i fautori della reintroduzione del Ritalin, hanno fatto un bombardamento molto forte anche su giornali e riviste a larga diffusione. Le uniche righe in cui si tenta di dare una spiegazione scientifica di quella che potrebbe essere una analisi clinica della ADHD sono queste, prese dalle linee guida del SIMPIA: “sulla base di evidenze genetiche e neuroradiologiche è oggi giustificata la definizione psicopatologica del disturbo quale disturbo neurobiologico della corteccia prefrontale e dei nuclei della base che si manifesta come alterazione nell’elaborazione delle risposte agli stimoli ambientali”. Questa è l’unica spiegazione che danno. Tecnicamente non vuol dire quasi niente, è come dire che se hai l’emicrania vuol dire che hai il mal di testa. Perché? La causa? Non c’è nient’altro. Tutto il resto si dilunga su questi test, anche se non vengono riportati. C’è anche l’approccio bio-psico-sociale, però dicono che senza il farmaco non è possibile curare questa malattia, per cui cercano di integrare questo non ben specificato approccio bio-psico-sociale, un modo poi per dire delle belle parole.

Pubblico
È tutto molto relativo, per esempio si parla degli Stati Uniti, in cui si mercifica qualunque cosa, si pubblicizza qualunque cosa, per cui è normale che probabilmente queste case farmaceutiche hanno un ritorno dalle pubblicità che fanno rispetto a una società come la nostra dove per fortuna c’è ancora un minimo di tutela per tutti gli utenti, per tutti i cittadini, da parte di una sanità pubblica che comunque certi meccanismi magari li scardina dal guadagno. Prima si faceva l’esempio del dato oggettivo del colesterolo, è vero, però abbiamo visto che quello che era un dato oggettivo a distanza di vent’anni è cambiato, vent’anni fa era 180 adesso è 220 perché, necessariamente, se la cultura cambia, cambia il modo di alimentarsi, per cui anche i parametri vanno cambiati. Il problema secondo me è un problema di coscienza. È vero che bisogna affidarsi ai medici, è vero che bisogna avere fiducia negli studi, nei dati oggettivi però è vero che un minimo di coscienza, un minimo di valutazione anche il singolo lo può fare, pur operando ciascuno nel suo specifico.

Paola
Parallelamente a questa affermazione del filone medicalizzato, farmacologico eccetera, negli ultimi trent’anni c’è stato un enorme sviluppo di conoscenze, anche diffuse a livello popolare, dell’importanza delle relazioni originarie, del bambino con la mamma, della coppia dei genitori, l’influenza enorme di una situazione ambientale, familiare ma anche eventualmente in una classe. La classe medica segue anche gli interessi delle ditte farmaceutiche, c’è tutto un business in questa direzione, però secondo me rispetto a cinquant’anni fa non c’è paragone possibile rispetto a come le persone sono più attrezzate, penso anche a moltissimi insegnanti. Il vero problema è che il bambino che disturba esiste sia nella famiglia sia nella classe. Io sono d’accordo sul fatto che i farmaci sono l’ultima cosa a cui ricorrere, però bisogna allora alimentare la formazione professionale, le competenze dei genitori da un lato e degli insegnanti dall’altro per affrontare il bambino difficile. Io ho insegnato nelle scuole medie moltissimi anni fa e poi ho fatto la psicoterapeuta. Al tempo noi facevamo dei gruppi Balint in cui gli insegnanti incontravano una volta alla settimana uno psicoterapeuta, esponevano in gruppo la difficoltà che ciascuno aveva col suo singolo allievo “pecora nera” di quel momento, tra l’altro suggerisco di andare a vedere il film Pecora Nera, perché mostra in modo poetico e un pochino allusivo come si crea il bambino emarginato. Molto spesso l’insegnante entra in ansia con il bambino difficile, allora poterne parlare, sentire che anche altri insegnanti hanno situazioni dello stesso tipo, ottenere magari qualche suggerimento sulle modifiche di comportamento, su qualche artificio anche tecnico da usare in classe eccetera, sono cose di grandissima utilità. Tutto ciò per qualche anno è stato presente nelle scuole, adesso è completamente scomparso. Però è esistito in Italia un patrimonio culturale di questo tipo e secondo me non è completamente defunto; certo gli psichiatri non aiutano, la medicalizzazione semplifica perché è veloce, fa guadagnare qualcuno ma poi toglie di mezzo il problema apparentemente, non c’è più interesse educativo per il bambino. Perché l’interesse educativo per il bambino è molto faticoso, è molto duro, è molto problematico, pone dei quesiti, perché a volte sono io che sbaglio, quando il bambino dà dei segnali fortemente reattivi probabilmente lì c’è qualcosa negli adulti intorno che non funziona. Allora interrogarsi su questo da soli secondo me è insufficiente, bisogna interrogarsi in contesti aiutati dove qualcuno esterno alla situazione dà certi strumenti.

Chiara Gazzola
Usavate anche la videoregistrazione? Perché è molto utile…

Paola
No, io sto parlando di molti anni fa. Sì, ci sono dei metodi molto utili...

Chiara Gazzola
Ho sentito una volta una testimonianza di un insegnante che diceva: “io non avrei mai detto che mi comportavo così... eppure ero io, mi hanno ripreso” e poi lì se c’è una predisposizione all’autocritica, all’autoanalisi, che poi è una autoanalisi di gruppo, è semplice risolvere la situazione…

Paola
Perché poi così si impara moltissimo…

Chiara Gazzola
Però questa è responsabilità da parte dell’educatore…

Paola
Sì, ma la responsabilità qui è anche un po’ istituzionale: i dirigenti scolastici dovrebbero organizzare dei corsi di formazione permanente per gli insegnanti, offrire degli appoggi permanenti per gli insegnanti che sono in stato di bisogno perché hanno un bambino che è molto “pecora nera” in quel momento. Questo ridurrebbe enormemente la necessità della medicalizzazione del bambino, perché poi il bambino è molto plastico. Detto in parole povere, il bambino che disturba è un bambino che ha bisogno di una attenzione speciale su di lui, quindi diamogliela, però orientata correttamente.

Chiara Gazzola
È vero che è esistito questo periodo in Italia, però adesso stiamo andando indietro parecchio, soprattutto a livello accademico. Il risultato nelle scuole è sotto gli occhi di tutti per responsabilità soprattutto politiche più che degli stessi insegnanti o dirigenti scolastici. A livello accademico sono sempre di più le facoltà di pedagogia che si fanno coadiuvare dalle neuroscienze e dalle neuropsichiatrie. È pericoloso, perché la tendenza della neuroscienza è quella di annullare tutte le scienze umane.

Paola
Combattere questa tendenza è recuperare un po’ dell’altra cultura…

Chiara Gazzola
È vero, però ci vuole un grande impegno perché le scelte a livello alto sono tutt’altre. “Tutti i comportamenti hanno una base genetico ereditaria, quelli positivi e quelli negativi; non esiste più un approccio culturale al comportamento, che non dipende dalle frequentazione e dalle relazioni che hai; è tutto già scritto nel tuo DNA”, questo tendono a dire le neuroscienze, anche se non riescono a provarlo. C’è una deresponsabilizzazione: non è colpa di nessuno, è scritto nel DNA che tu ti debba comportare così.

Silvia
Beh, la genetica non dice proprio questo, lo dico da genetista. La genetica tiene conto dell’esistenza di una predisposizione genetica a certe cose, che è assolutamente controbilanciata da un effetto ambientale, e questo la genetica ancora non l’ha capito. La frase classica “sta scritto nel DNA” è una applicazione un po’ troppo categorica di cose che in realtà la genetica non ha mai detto. A volte il lato applicativo medico prende per vero delle cose che la ricerca ha proposto, ma non ha mai dimostrato.

Chiara Gazzola
Quello che io voglio denunciare non sono tanto i risultati, che andrebbero con la competenza giusta visti e valutati, è la tendenza a giustificare da un punto di vista genetico i comportamenti. A me fa già rabbrividire questo.

Paola
Secondo me esistono fortissimi anticorpi a questa cosa. Ci sono moltissimi operatori sociali nei consultori che fanno lavori meravigliosi con dei bambini molto in difficoltà, le varie forme di psicoterapie hanno oggi uno statuto di diffusione molto grande, almeno nelle città un po’ evolute, con risultati di grandissimo interesse. Questo anche scientificamente è una battaglia perché la potenzialità originaria si modifica enormemente a seconda se è tenuta nel clima giusto, emotivo, affettivo interattivo, di stimolo oppure no. Un bambino può nascere biologicamente uno splendore, dopodiché viene messo da solo in un lettino e muore di fame, non ha più voglia di mangiare, si lascia morire. Su questo è stato scritto, provato, sperimentato, non si può dire che non ci sia una accumulazione di competenze e di conoscenze sicure, solide. Io credo che il pericolo della psichiatrizzazione esiste perché viviamo in una cultura che non vuol far fatica, non vuole interrogarsi, non vuole porsi dei problemi. Per esempio, aumentare il numero dei bambini nelle classi è demenziale da questo punto di vista, vuol dire che non importa se la metà di quei bambini vengono fuori o un po’ pecore nere o un po’ ignorantoni tremendi o forse interessa proprio che siano così. Perché così sono più manovrabili. Allora io non confonderei l’uso politico che viene fatto di certe cose, compreso a livello accademico, con le conoscenze scientifiche, che sono di un altro tipo.

Chiara Gazzola
Ci sono diverse tendenze anche a livello scientifico.

Paola
Certo, c’è un grande dibattito, ma i grandi filoni, quello farmacologico e quello relazionale, sono entrambi molto presenti. Molte mamme che adesso si interrogano su delle questioni forse cinquant’anni fa non si ponevano queste domande. Secondo me è circolata questa cultura a livello diffuso, in una maniera che la maneggiano un po’ tutti almeno in termini di dubbio.

Loredana
Sono d’accordissimo su tutto. La scuola in questa fase sta andando verso una applicazione di test di verifica, di abilità, di competenza e di parole assolutamente grosse e pericolose che mettono i bambini in una situazione di confronto continuo, in cui vengono misurati in qualche modo. Allora, tutto questo tempo dell’ascolto, che anche ieri sera qualcuno diceva essere anche la responsabilità di ascoltare i bambini, di dare del tempo, lo stiamo perdendo, come abbiamo mancato di fare sufficiente tesoro di molte cose che abbiamo imparato e non abbiamo saputo come insegnanti riportare nella scuola. Si parlava di videoregistrazione: ai tempi dei corsi all’università per specializzazione ci fu un’esperienza di questo tipo, di videoregistrazione. Io pensavo di essere meglio di come poi ero venuta fuori e in realtà avevo degli aspetti molto direttivi, di autorevolezza, quasi di autoritarismo, che venivano in qualche modo recuperati attraverso quanto stavo dicendo e anche come lo dicevo. È stato uno strumento che è servito tanto, perché poi su questo, in quanto adulti ci lavoravamo e ci preparavamo. Penso che quello di aggiustare la nostra emotività e capire cosa stiamo facendo è un percorso che dura una vita perché cambiano le persone, le cose, quello che succede da un momento all’altro. Ci viene un po’ sottratto il tempo di fare questa cosa importante. Come esperienza personale, in classe ho un bambino che ha tante di queste caratteristiche; quando abbiamo fatto un lavoro con i ragazzini chiedendo a ciascuno di dire qualcosa di bello dei compagni, di questo bambino è venuto fuori che è sveglio e intelligente, che sarà uno scienziato; allora dico: “guarda come vedono diversamente quei comportamenti che su di me possono avere invece un effetto di disturbo”. Qui ritorna la necessità di un tempo di riflessione, che invece questi tempi vorrebbero negarci. Forse è anche su questo che dovremmo recuperare alcune cose di buona scuola, perché poi ci teniamo fortemente che nessuno resti indietro. Non uno di meno davvero, però c’è tutta quella parte di popolazione di bambini che lo resterà inevitabilmente in queste condizioni, perché non avrà non solo il tempo di essere ascoltata ma neanche di raggiungere degli strumenti minimi per rafforzarsi culturalmente. Faccio una parentesi perché sto leggendo questo libro Mia suocera beve, c’è una parte in cui la ragazzina dice “ero molto triste, mi veniva da piangere; mia mamma era una pragmatica che non dava ascolto, allora a un certo punto mi ha preso da parte e ha detto ‘hai dormito bene, hai fatto colazione, sei andata a scuola, hai detto la poesia a memoria, la tua maestra che ho incontrato al supermercato me lo ha detto, sei a casa, hai fatto merenda, perché devo preoccuparmi di un problema che non esiste’ e io a quel punto sono andata in camera, ho fatto le mie cose e non mi sono più lamentata, però ho pensato che da grande mi sarei occupata di chi soffriva senza sapere qual era il motivo”. Forse anche noi dovremmo dire: “hai dormito bene, sei qui, sei a scuola, hai mangiato, c’è qualche cosa? No? Allora fai il compito”. Abbiamo migliaia di strumenti per fare bene didatticamente a scuola, quando ho iniziato io non c’erano queste cose, ci manca però il tempo per capire se quegli strumenti hanno un senso in una applicazione e in un rapporto o diventano appunto la scheda, il lavoro. Esistono oggi delle guide didattiche che ripropongono giorno per giorno le cose da fare. Vuol dire che posso anche non aver fatto nulla nella vita per diventare maestra ma essere in grado comunque di fare un lavoro perché ho tutto, la scheda del giorno, il recupero, il potenziamento e posso andare avanti. Trovo molto pericolose queste schede, anche se hanno tante prenotazioni oramai…

X
Da genitore, penso che il fatto che a scuola non ci sia più questo tempo sia una cosa molto, molto grave. Dall’altra parte capisco il rischio per un genitore di ricorrere a certi espedienti farmacologici o certe soluzioni in una situazione di disagio in cui non si sente aiutato e vede il bambino che sta male. Se vedi tuo figlio che sta male, anche se magari hai determinati strumenti, sei comunque fragile, ti stanno toccando in un punto molto delicato, perché i figli sono davvero tutto; se poi ti trovi anche in situazioni in cui vedi tuo figlio isolato, ghettizzato per questo atteggiamento, il rischio c’è, anche perché questa scuola che non ha il tempo di ascoltare è comunque un pericolo, soprattutto quando un bambino passa otto ore a scuola. Allora, con un tessuto di questo genere il rischio di ricorrere a certe soluzioni che sembrano facili, anche in buona fede, esiste. Immagina poi se il genitore non ha neanche questa consapevolezza: otto ore dove non puoi essere ascoltato e poi un ambiente domestico in cui non ci sono comunque gli strumenti per ascoltarti. Per questo secondo me bisogna agire soprattutto sulla scuola perché sui singoli è un pochino più difficile, i singoli sono quelli che educhiamo nella scuola di oggi.

Piera
Io mi trovo molto con il suo discorso. Al di là del fatto che non ho una grande esperienza nella scuola, come possono avere molti dei presenti, ho lavorato per quasi 15 anni dall’altra parte, dalla parte dei servizi e quindi ho visto le scuole dall’altra parte. Gli anni Novanta sono stati secondo me un grande laboratorio di certe esperienze nella scuola. Strumenti come la supervisione pedagogica nella scuola erano praticamente sconosciuti. Al di là che nella comune critica alla psichiatria ci possono essere le posizioni più svariate, ci sono anche esperienze in ambito psicopedagogico molto valide. Di partecipazione attiva, di presa in carico, di valutazione del soggetto come promotore del cambiamento, a queste cose si è creduto, il mondo della scuola ci ha creduto. Che poi esista una situazione che implica meno tempo, meno risorse, questo è un altro conto. Però c’è chi cerca comunque, nonostante tutto di portare avanti un certo discorso.
A me è capitato proprio recentemente di verificare con mio sgomento il ricorso al farmaco semplicemente perché di notte il bambino non dormiva. Ma questa mamma diceva “da due anni!”. Io ho una certa reazione e la comunico, sono convinta che si possa affrontare diversamente la situazione. Ne sono pienamente convinta, non posso però non raccogliere le difficoltà di una donna che mi dice “io è da due anni che non dormo più!” allora ritorno al potere medico, al pediatra, perché comunque è molto in uso anche un fai-da-te molto spiccio, pericolosissimo, quando non c’è neanche la supervisione di un medico ma neanche di un pediatra. È vero che esistono sicuramente dei metodi alternativi, io però sono la prima, pur avendo una cultura antifarmacologica, che di fronte a certe cose devo ricorrere al farmaco. Ecco, mi trovo così, rispetto a una madre che ti restituisce tutta la problematicità di una situazione che non si risolve e d’altra parte agli effetti dell’uso di un farmaco nel caso di un bambino piccolo. Come insegnante, posso dire a una madre “ha sentito un altro pediatra?”. Però nella quotidianità, nella relazione, che cosa posso aggiungere? Non voglio né giudicare né niente però mi trovo in questa situazione. Io nel mio privato avrei delle risposte, le avrei provate tutte o forse mi sarei trovata come quella madre a dire non ho altre soluzioni...

Davide
Volevo riallacciarmi alla cosa che hai detto, è evidente che non si tratta di essere giudicanti rispetto alle scelte. Io faccio un parallelo con cose che conosco un po’ di più per lavoro, per esempio ieri parlavamo dei disabili, per esempio la scelta di andare alla scuola speciale. Sembra una scelta, magari lo è, ma il problema è come matura questa scelta. Perché se ci arrivi dopo che per un anno, due anni, in prima elementare, non in prima media, in prima elementare, ti dicono “sì, sì, guardi, suo figlio ha diritto, per carità noi lo teniamo, nessuno lo vuole escludere, però è sicura che non sia meglio una scuola speciale?”, e quando te lo dicono dieci volte, e quando te lo dicono perché il ragazzino ha preso a pugni il compagno, senza chiedersi come mai né cosa è successo, è chiaro che c’è il genitore che dice “mah, forse ha ragione, forse dobbiamo mandarlo a una scuola speciale”. È un parallelismo azzardato, mi rendo conto, ma questa scelta in fondo di seguire un percorso di autoesclusione, magari efficientissimo, bellissimo, coloratissimo ma comunque di autoesclusione, arriva alla fine di qualcosa su cui non c’è stata attenzione. Gli stessi esempi che citavi tu testimoniano del fatto che si arriva alla somministrazione di un farmaco però poi forse anche la mamma prende i farmaci e allora ti devi interrogare sul quadro familiare. Ti interroghi sul fatto che non ha una rete di supporto, non gliela dà la scuola che ha sempre meno tempo, meno risorse è sempre più sbrigativa nella ricerca di soluzioni, e non ce ne ha una sua, informale, familiare. Ti rendi conto che si arriva alla soluzione drastica quando non si hanno altre risorse. Forse l’impoverimento degli ultimi anni di cui si parlava prima è proprio un impoverimento dal punto di vista delle relazioni e dei rapporti. Alla fine sei un po’ solo, non dormi da due anni, non è che posso ammalarmi, impazzire, qualcosa devo fare quindi… però il punto è: come mai si arriva ad una solitudine di quel tipo? Dove non ci sono reti ci sono solitudini… e nella solitudine fai quello che puoi. Il problema non è quello di giudicare, io non ho mai giudicato un genitore che ha scelto la scuola speciale; però, se vado a vedere, molto spesso è una scelta indotta, lo stesso vale per il farmaco. Secondo me qui stiamo attraversando un terreno dove convergono due questioni, una è un po’ quella che abbiamo visto con le cose che abbiamo detto adesso, l’altra è la questione dell’uso del farmaco. Non sottovaluterei le questioni legate alla dinamica con cui si producono il farmaco e la definizione clinica per cui tale farmaco viene usato, con patologie che arrivano quasi a fagiolo per giustificarne la diffusione. In America è così: ho visto un documentario su Rai3, quindi non si tratta di leggere tesi rivoluzionarie, in cui a un certo punto compaiono patologie mai viste né sentite, come l’ansia sociale, che esiste da qualche anno a questa parte, o i disturbi dell’umore, che poi, disturbi dell’umore può anche non essere una malattia perché uno si alza incazzato.

XX
Però c’è anche il lato positivo: cinquant’anni fa la pedofilia non era segnata da nessuna parte, non era riconosciuta, per cui fai un po’ quel che vuoi col minore.

Chiara Gazzola
Posso dire una cosa per chiarire come a volte l’utilizzo della psichiatria sia paradossale. Nel caso della violenza ai minori e alle donne, quasi sempre, il violentatore è disturbato psichicamente, perizia psichiatrica, sconto di pena, questo è il risultato. La doppia faccia della psichiatria, da un lato è un potere enorme a uso negli ultimi cinquanta o sessant’anni dell’industria farmaceutica; per inciso, questa famosa scienza medica usa ancora la lobotomia e l’elettroshock, oltre che gli psicofarmaci.

XX
Era per dire che col tempo cambiano anche tante cose e che magari qualcosina di positivo magari ci può anche essere…

Davide
Quello che dici è vero, il problema però è poi la ricaduta che una certa cosa ha di fatto. Facciamo un po’ di esempi paralleli. Da un po’ di anni si parla molto dei disturbi di apprendimento. Una volta ho seguito un convegno in cui si parlava della discalculia, questo bel neologismo, e c’era un ricercatore che diceva attenzione perché a volte si appiccica l’etichetta di discalculico poi magari semplicemente, come capita, la matematica non piace a tutti e, magari, a volte è il bambino discalculico o l’insegnante che non sa insegnare la matematica, lo diceva un po’ provocatoriamente… Forse un bambino dislessico o discalculico una volta veniva trascurato, veniva considerato un po’ somaro, un po’ duro di apprendimento, non veniva capito ed era peggio, probabilmente era peggio, non sto contestando l’idea che si possa individuare un disturbo, per quanto forse di carattere.

XX
Questo, secondo me, è il difetto del nostro periodo storico, il fatto cioè di avere un’ipercultura spiccia. Tante volte può capitare anche di avere dei genitori o delle persone in difficoltà che cercano di affidarsi però avendo già deciso qual è la problematica. Una volta, uno arrivava a scuola e diceva “ragazzi oggi sono proprio triste tiratemi su”, poi negli anni in cui incominciava a esserci il termine depressione ecco il termine nuovo “madonna, come sono depressa”. Cerchiamo di usare i termini giusti al momento giusto. Magari c’è il bambino che è più, non dico agitato perché non mi piace neanche il termine agitato, vivace, ma semplicemente perché è più attivo; c’è il bambino che già a un anno e mezzo è più portato per correre dietro la palla e quello che si guarda il libretto tutto il giorno. Non è una problematica del bambino. Se decido che quel bambino è iperattivo perché non gli riesco a stare dietro, lo porto dal pediatra già dicendo “mio figlio corre come un pazzo, non riesco a stargli dietro, secondo me è iperattivo, per cui aiutatemi”, al che il pediatra risponde “valutiamo un attimo”, “ma come, se le ho detto che è iperattivo è perché lo so, io non ce la faccio a stargli dietro”. Insomma, ci sono anche queste piccole culture spicce del “l’ho letto sul giornale; per contro c’è effettivamente un po’ di confusione perché trovo magari due persone competenti che mi dicono una A e una B per cui io non ho i mezzi né gli strumenti per capire chi dei due può aver più ragione, per cui mi faccio da me degli strumenti e diventa tutto un po’ un misto, un po’ quello che dico io un po’ quello che dice il medico.

Davide
C’è questo aspetto, sicuramente, la traduzione un po’ spicciola, quotidiana, però non è solo ciò, soprattutto per quanto riguarda alcuni giudizi relativi ai comportamenti che entrano anche nella nostra quotidianità, come le classificazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Io, che non sono uno psichiatra né un neuropsichiatra ma neanche un ignorantone, a volte mi chiedo, quando leggo una diagnosi di “disturbi misti della sfera emozionale”, che cos’è. Come fanno a dirlo? E poi questa diventa una condizione di disabilità, viene data una certificazione, per carità dà accesso a strumenti che adesso stanno tagliando, però attenzione perché poi è qualcosa che uno si tira dietro. Tendenzialmente, essendo una roba sospetta di essere un giudizio, non una valutazione scientifica, è facile che te la tiri addosso tutta la vita. Quindi c’è un problema di banalizzazione, per cui uno ha letto sul giornale qualcosa, però c’è anche una modalità che ha uno status riconosciuto; e questa è un pochino più difficile da smascherare: prova a dirgli che sbaglia, ti rispondono “no, guarda quello lì è il neuropsichiatra e sei tu che sei un po’ sbruffone”.

Chiara Gazzola
Ci sono anche casi di diagnosi psichiatriche su bambini che poi fortunatamente si è compreso che soffrivano di sordità o di altre patologie fisiologiche, quindi l’approccio medico-scientifico era completamente diverso; oppure casi in cui è stata appiccicata una diagnosi psichiatrica salvo poi capire che si è trattato di intossicazione da metalli pesanti. Però comincia a togliere l’ADHD e tutto il resto e a capire che è stato il mercurio, magari causato da un vaccino. Tu ti ritrovi tuo figlio che quasi improvvisamente modifica il comportamento a scuola, a casa, disturbi del sonno, dell’alimentazione eccetera e capisci che è intossicato da un vaccino. Per fortuna adesso anche gli studi scientifici su queste intossicazioni da metalli pesanti stanno facendo dei bei passi avanti e si riesce a capire sempre di più. Perché poi i metalli pesanti sono contenuti un po’ ovunque, dall’alimentazione all’aria eccetera. E questo è un rischio che abbiamo come popolazione, nel suo insieme, non solo i bambini.

Manuela
Io vorrei solo dire una cosa: sono insegnante elementare e ho paura delle etichette, perché ho visto darne a volte di giuste, a volte di sbagliate e a volte a sproposito. Allora mi chiedo quando ha senso darle, deve avere una giustificazione, una mira, non posso cercare un’etichetta per ogni cosa perché è come non averne cercata nessuna e dare etichette vuol dire classificare, classificare vuol dire separare, separare vuol dire mi allontano, mi allontano vuol dire è molto diverso e non voglio entrare in contatto. Per un bambino questo è ancora più pesante, ancora più difficile, allora tutti i test non mi sembrano molto giusti quando vengono somministrati ai bambini se non da uno specialista predisposto con chiarezza e per un fine preciso. Però questo a scuola avviene sempre di più. Bisogna testare la capacità di saper mettere la virgola – dico una scemenza o di saper risolvere otto problemi in dieci minuti con una domanda, con tre domande con schema aperto, con schema chiuso: che senso ha? Tutto questo uso di prove Invalsi dell’accidenti non è cultura, non è sapere, forse è un po’ di apprendimento ma se oltre tutto viene dato con modalità e con basi così diverse non ha senso. Vorrei una scuola che non desse più etichette ma che sapesse formare dei giudizi, che sapesse anche riconoscere il diritto all’infanzia perché a me sembra che questi bambini non è vero che siano più liberi, sono più costretti di un tempo e oltre tutto noi non gli diamo delle chiarezze perché gli diciamo “sei libero” e gli imponiamo dei non detti che sono molto più difficili da capire. Non abbiamo nemmeno il coraggio di fare quello che faceva mio papà con me “no, questo non lo fai perché io ti dico che non voglio” e mi toglieva la responsabilità di essere io a scegliere, non potevo farlo, ero piccola. Io sono un insegnante, e allora, cosa devo fare? Insegnare, e insegnare può volere dire insegnare a stare bene insieme insegnare a rispettare l’altro ma non ho altre competenze, non sono psicologa non sono psicoterapeuta non sono neanche l’esperto musicale e non voglio esserlo perché ho una qualifica diversa e già la mia qualifica è difficile in questo momento. Insegnare oggi è diverso da trenta o quarant’anni fa, ma non solo perché la scuola è cambiata, perché son cambiata io, perché sono cambiati i bambini, perché una volta i bambini non erano alfabetizzati e adesso lo sono quasi tutti; quindi insegnare adesso non è più insegnare a leggere e a scrivere, ma aiutarli a leggere e a scrivere più correttamente e dare un senso a questo leggere e scrivere. La domanda è perché lo devo fare, come lo posso fare e a cosa mi può servire. Ecco, io vorrei una attenzione maggiore, rispetto alla quale le paure del tempo, del “non riuscire a” spariscono, un po’ perché ho davanti un gruppo di bambini con cui voglio stare in relazione per scoprire delle cose insieme. Io posso servire un po’ da timone in questa scoperta ma non di più e non voglio fare di più. Ogni bambino è se stesso, ha la sua storia, io devo rispettare queste componenti di tempo, di fatica, di attenzione e non devo neanche pormi tantissimi perché, perché non mi serve; posso chiedermi perché è triste e perché è allegro ma lì, nella situazione, non devo fare indagini più elaborate che non mi competono. Posso dire che c’è un disagio, accorgermi del disagio e cercare di farlo stare meglio nella situazione in cui opero ma niente di più. Io non mi sento di dire di più.

Silvia
D’altronde il test è un po’ come la goccia per far dormire, è un modo facile, le crocette nel posto giusto, il bambino va dentro quella casella lì; quindi se il bambino non dorme non mi chiedo perché, ma gli do la goccetta e dorme. Sono aspetti magari diversi ma con tutta una serie di conseguenze simili.

Manuela
Un conto è se una donna che non ce la fa più prende un farmaco, un conto è se glielo dà un medico. C’è una bella differenza di rilevanza e responsabilità.

Silvia
Purtroppo uno talvolta tende a fidarsi del medico: “gli dia quattro goccine”. Magari è perché vuole farsi la sua bella dormita, ma uno ci casca.

XX
Poi c’è quello che diceva lui sull’importanza di avere una rete, nell’esempio del bambino che non dormiva da due anni: accipicchia, non glielo poteva tenere qualche notte nessuno?

Piera
Anche semplicemente ritrovarsi in tre o quattro mamme che non dormono, già il fatto di scoprire che si è in tanti, anche magari nello stesso palazzo che non si dorme.

XX
A me veniva in mente, tornando proprio a monte, anche il parto. Adesso sembra che le donne non sono più capaci di partorire e si deresponsabilizzano già da lì, consegnandosi all’ospedale “mi hanno detto che devo fare il cesareo”, “mi hanno detto che non posso allattare”, “mi hanno detto che devo per forza fare l’episiotomia”, “devo fare tutti i mesi il controllo”… Non è vero niente, però è difficile partorire in un altro modo; nel momento in cui vai in ospedale a dire “no, io non la faccio l’ecografia una volta al mese”, oddio, ti guardano, questa segnaliamola ai servizi sociali perché è sicuramente un caso… È già da come un bambino nasce. E poi la prima colica, a 20 giorni la colica e giù il farmaco per la colica e poi l’alimentazione, la mela grattugiata di merenda no, deve essere per forza il biscotto Plasmon. Conosco tante mamme che pensano che sia la verità.

XY
Questo non è del tutto vero, se penso alla mia infanzia in cui veramente non si doveva allattare, si sono fatti tanti progressi; anche sulla medicalizzazione del parto, io ho tre figlie non ho mai fatto ecografie tutti i mesi e nessuno mi ha mai detto niente. Su tante cose si migliora, per esempio a mia mamma avevano subito detto che il latte artificiale era la cosa migliore e lei non mi ha allattato. Con le mie figlie da tutte le persone, dal mio pediatra e anche dall’ospedale, mi è stato detto “allatti, allatti, allatti”, magari con troppa insistenza perché ci può essere davvero una difficoltà e uno si sente incapace.

Loredana
Scusate, viviamo in un’epoca fantastica, io sono sempre molto combattuta, inorridita per delle violenze che riusciamo a commettere e nello stesso tempo estasiata per delle cose fenomenali. Per esempio mio padre a 16 anni è stato mutilato del braccio destro e l’ha perso, l’altro giorno hanno riattaccato le mani a una signora. Allora io quando penso alla medicina penso a questi strumenti meravigliosi che mi fanno vedere come sta un bambino, se posso fare delle cose per aiutarlo perché stia bene dopo. Quando vado in un ospedale io mi fido, io mi sono sempre fidata, così come rivendico che qualcuno si fidi di me, del mio ruolo come insegnante, cioè penso che ciascuno debba fare bene la propria parte e allora non penso di dover essere sempre lì a mettere in discussione, credo che l’altro con la sua parte di cultura, di amore per la vita, di interesse per l’umanità in generale, mi possa aiutare. Parimenti so che c’è una scienza in grado di fare delle cose fantastiche. Allora io ho questo rapporto di fiducia, dopodiché, non essendo completamente fuori dal mondo, mi permetto delle domande, però credo che i nostri rapporti e le nostre relazioni si basino anche sul fatto che arriva una persona che cerca di aiutarmi e mi dà la sua competenza, altrimenti mi sembra che tutto è in discussione e che tutto viva lo spazio di un momento. Torno sul ruolo dell’insegnante, quand’ero bambina non si discuteva quello che faceva l’insegnante, poteva darti un ceffone… andava bene così. Adesso il genitore pensa di sapere come fare una parte di programma, credo che si sia una perdita di autorevolezza un po’ di tutti quanti e ciascuno ci mette dentro un po’ del proprio. È un’epoca incasinata, però chi adesso ha ottant’anni è passato dal non avere niente a saper usare il telefonino: mi sembra una roba stravolgente, pericolosa, bella. La prima volta che ho visto un computer ero ancora relativamente giovane, però sicuramente ogni cambiamento è una destabilizzazione, mi piacerebbe avere gli strumenti per potere convivere con i cambiamenti e non farmi spaventare.

Paola
Sono influenze culturali: io ho quattro nipotini, dai 9 ai 5 anni, che hanno un linguaggio, adoperano delle parole, con una precisione e anche delle volte si esprimono su certe situazioni… io che ho adesso 74 anni l’ho fatto molto più tardi di loro. Io trovo che c’è una gioventù sveglissima, poi ci saranno quelli che sono in difficoltà. Noi come bambini non sapevamo quasi nulla, il nostro mondo era molto più limitato, adesso questi sono diversissimi e in un certo senso sono più soggetti, sono più singoli con i loro desideri che esprimono. Questo naturalmente dà vita anche al bambino che esagera un po’, non dal suo punto di vista ma nel contenimento complessivo della situazione in cui si trova. Sono molto sollecitati oggi i bambini, enormemente più di una volta.

Davide
Io butto lì delle riflessioni un po’ contromano rispetto agli ultimi interventi. Per esempio questa fiducia nel progresso scientifico non la condivido fino in fondo, perché non possiamo giudicare soltanto alcuni singoli portati della ricerca medica, dobbiamo considerare tutto l’apparato scientifico, che è una cosa un pochino più complicata. Nella medicina, se da un lato ci può essere il medico che agisce in base al giuramento di Ippocrate, per amore del prossimo dell’umanità eccetera eccetera, lui è comunque inserito in un apparato molto più complesso dove prevalgono altri interessi. La tecnologia e la scienza, anche se una volta apparivano più arretrate, erano un pezzo della nostra vita; oggi si sta facendo strada l’idea che la scienza e la tecnologia siano il cavallo che ci conduce verso la felicità. Io non solo non sono d’accordo ma anche ho un po’ paura, non perché io sia un mistico, non sono credente quindi proprio non parlo di spirito, parlo di esperienza: tutte le produzioni tecnologiche non ci stanno un po’ sollevando dall’onere dell’esperienza? Lei prima parlava della questione del parto: al di là del fatto che magari non è tutto così – ma neanche la scuola è tutta esclusione, neanche tutti i bambini casinisti vengono impasticcati –, la tendenza è quasi sempre quella di un affidamento. Torniamo un po’ all’inizio del dibattito, l’eccesso di fiducia rischia di generare brutte cose. Ieri abbiamo visto il film Rosso come il cielo, magari sanno tutto di un computer ma una bicicletta non la sanno riparare. Sembra banale, ma l’agire concreto sul mondo è una facoltà che non dobbiamo assolutamente perdere.

Silvia
Però a volte andare dal medico tutti i mesi, quando sei malato grave, ti evita gravi malformazioni; non è per venderti un prodotto, non è solo quello. Il metallo pesante del vaccino è un problema, è vero, ma ha tolto la polio.

Paola
Comunque, c’è una grande differenza tra il progresso scientifico e l’uso che se ne fa

PA
L’esperienza deve avvenire nell’ambito di uno scambio di competenze. Io ho trovato dei ragazzini che sui telefonini ecc. mi hanno aperto un mondo, dall’altra parte da adulto; qualunque ruolo io possa rivestire, posso essere preoccupato da un certo tipo di consumo del tempo, però è lì che si gioca la cosa, in questo gioco della relazione; non posso guardare sempre con le mie visuali, le mie prospettive, nel momento in cui mi metto in gioco in una relazione educativa, soprattutto con le nuove generazioni.
Anche per una situazione di aiuto per uso di abuso dei farmaci, perché rimane sempre lì la mia mamma e io come insegnante posso anche dire “va beh, mi fermo anche lì”, ma poi non mi fermo perché comunque raccolgo un certo disagio.

Davide
Non si tratta di essere oscurantisti né di dire che è tutto negativo: io contestavo la visione salvifica della scienza presente oggi nell’immaginario. Attenzione, perché la scienza è tante cose, e l’uso che se ne fa può essere tante cose. Non mi aspetto la felicità dalla scienza. Poi è vero che oggi non c’è più la polio, per carità, però l’enfasi che viene posta su alcune cose ne oscura altre.

XX
Forse è proprio su questo che bisogna lavorare, cioè non tanto dire “la scienza è giusta o non è giusta”, ma riuscire a creare una “coscienza”, un lavoro personale per valutare e capire, anche quando si lavora con i bambini. Secondo me è importante dare non delle risposte ma degli strumenti per poter valutare. Nel momento in cui ti dico che questa medicina ti fa queste cose per il tuo bene ma ti fa queste cose per il tuo male, è ovvio che un bambino piccolo non decide, naturalmente, però io ti metto a conoscenza di quello che c’è, nel bene e nel male, e ti do tutti gli strumenti possibili affinché tu possa, nel futuro, nella tua vita, valutare ogni situazione, ogni novità, ogni cosa che ti succede, valutarne i pro e i contro e capire per te, per il tuo specifico modo di vivere, di pensare, che cosa effettivamente ha valore. Perché la stessa scena, la stessa immagine la si può rivedere mille volte, con mille persone diverse, con mille risposte diverse. Io posso andare dal medico e dire “io ho un problema, lei me lo deve risolvere” oppure posso andare da un altro medico e dire “lei mi deve spiegare tutto quanto per filo e per segno”; cioè l’approccio che poi si ha, anche nel fatto di avere o non aver fiducia, deve essere sempre mediato da strumenti che ci permettono di affrontare la situazione. Nei primi anni di Internet “fantastico, ci trovi di tutto, stupendo”, l’altro polo “oddio ci sono i pedofili, ti acchiappano, stai attento dove vai, cosa fai”. Io ti do gli strumenti per valutare, ovviamente parlo di strumenti specifici per ogni fascia d’età, ovvio che un bambino di cinque anni non lo metto da solo davanti ad un computer e dico vai, però partendo dalle piccole cose della vita di tutti i giorni dall’asilo nido alla scuola dell’infanzia alla scuola elementare è un arricchire continuo di strumenti che ti permettono poi di valutare che sì, abbiamo questo mezzo, è potentissimo, fantastico. Fantastico perché c’è tutto, bene e male e io devo aver gli strumenti per poter valutare. Questo intendo come “coscienza”.

Davide
Sono d’accordo al 99%. L’1% è che non è vero che c’è tutto. Attenzione, non c’è tutto in Internet perché l’esperienza delle cose non è Internet. C’è la possibilità di accedere a informazioni che dieci anni fa non ti potevi neanche immaginare però non sai se è vero. In cinque secondi sai cosa succede al Polo Sud, però non sai se è vero. Io non ho paura di Internet e non ho paura neanche dei farmaci, non ho paura neanche dei telefonini, ho il telefono e il computer. Mi fa paure la vulgata di cui parlavamo prima per cui appunto “lì c’è il mondo”.

X
Ma il mondo è fatto di bene e di male…

Davide
… ma fosse anche il bene, non c’è il mondo lì e basta.

X
Io non intendo solo Internet, intendo tutta la tecnologia, che ti dà tante possibilità di scoperta; poi la scoperta non vuol dire per forza che sia positiva.

Chiara Gazzola
Però questo che tu chiami “strumenti”, se ho capito bene il tuo pensiero, io lo chiamerei “senso critico”. Riuscire ad avere quel senso critico per riuscire a mettere questi dubbi ai bambini, anche partendo da quando sono piccoli; “sei sicuro di?” per indurli all’approfondimento, alla riflessione, alla capacità di guardare un pochino dietro l’angolo, per scoprire qualcosa di nuovo. Ecco, io però mi chiedo quante scuole fanno ancora questo tipo di attività.

X
Però dobbiamo farlo anche noi stessi, perché se uno non lo fa per se stesso non lo fa neanche per il bambino, perché se il mio approccio è quello di dire “madonna che fatica capire perché questa cosa non va, pigliati sta pastiglina e passa”, passa anche il messaggio che forse la soluzione breve ti dà una risposta veloce; però non ti ha dato uno strumento per valutare se quella cosa va bene per te per quel momento della tua vita. Gli strumenti ovviamente vanno calibrati in base all’età, però bisogna lasciar sempre un po’ il fare, il decidere, alla persona. Tu non allatti perché non va più di moda, non mi interessa, se io voglio allattare… mettere sempre in dubbio se quello che sto facendo ha un senso, secondo me, è una cosa importante, a partire dai bambini. Però devo farlo anch’io con me stesso.

Davide
Ci vuole senso critico. L’allattamento artificiale allora era considerato un progresso scientifico. La scienza è una attività riservata a un apparato, a una categoria di soggetti che “lo sanno loro”, invece la consapevolezza critica deve essere quella per cui c’è la scienza ma io posso giudicare, tu mi stai dicendo che è meglio allattare artificialmente, ma ci sono altre conoscenze? C’è qualcuno che lo dice in un altro modo? Tutto deve essere soggetto alla nostra capacità critica.

scarica il PDF

il Free Festival 2010

Revisione a cura dell'Archivio Primo Moroni, agosto 2013


informativa privacy